PDA

Visualizza versione completa : Cause di divorzio, mantenimento figli. Cosa pensate dell'argomento ?



janet
02-09-11, 17: 58
Inutile dire che in molti ci si conosce da parecchi anni e stimo la vostra opinione. Due articoli, diversi hanno attratto la mia attenzione, uno riguardava una causa intentata da due figli ad una madre perchè fra l'altro non dava loro paghette e comprava vestiti firmati, l'altro riguarda un rapporto (http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_02/padri-separati-inghilterra-scuse-mantenimento-figli_a46d136c-d548-11e0-b96a-5869f8404a57.shtml)del Child Support Agency in Inghilterra, che vuole attirare l'attenzione sul mancato mantenimento della prole,al punto di aver raggiunto i 4 miliardi di sterline e riferisce scuse stupide dei padri tipo, debbo riparare la Ferrari ecc.
Il problema, in base alle notizie riportate dai giornali è duplice, da una parte giovani che non vogliono mai crescere ed esigerebbero un mantenimento per molti anni, senza voler affrontare le loro responsabilità e dall'altra una certa, diciamo spensieratezza, con cui molti affrontano le loro responsabilità di genitori-

Voi che pensate dell'argomento ?

Armandillo
02-09-11, 19: 13
Questo e' un argomento che mi tocca da molto vicino conoscendo amici divorziati e avendo un fratello alle medesime condizioni.
Non volendo e potendo scendere nei particolari mi limito ad annotare che recentemente in tv e' stato proposto un servizio sui nuovi poveri emergenti che corrispondono proprio a divorziati in grosse difficolta'.

Per rendere l'idea si faceva riferimento a casi in cui i sopracitati erano costretti a mangiare alla Caritas !!

Ora, facilmente si potrebbe fare del moralismo affermando che "ci dovevano pensare prima" ma il problema e' molto delicato e complicato almeno per le normative italiane.

Infatti se e' vero che la percezione comune assegna doverosi e giusti obblighi ai fedifraghi, inteso come traditori, e' anche vero che con le nostre attuali norme, questi siano messi in una condizione tale da non potersi permettere la creazione di una nuova famiglia.

Da come ho capito il punto dolente riguarda la "guerra" delle condizioni economiche dove le due parti sembrano essere solo interessate ad evitare che l'altro sappia del tenore di vita condotto con ripercussioni molto pesanti sulla comune prole.

Altro punto riguarda la condizione della donna.
Spesso si tratta di donne senza lavoro con figli che vengono lasciate allo sbando dal partner che pur ottenendo casa e alimenti sono costrette a lavori umili e molto precari e sono costrette a poggiarsi sui genitori per sostentarsi.

Credo che così com'e' la legge vada rivista e aggiornata alle condizioni attuali della societa' perche' se lo scopo e' salvaguardare i figli, questo percorso non lo consentira'.

Con questo non voglio giustificare la parte maschile della vicenda ma osservo che non si debba intaccare la dignita' d'una persona anche se ha commesso sbagli....un errore non puo' pagarsi a vita.

Io sono uno di quelli che pensa che sia meglio un buon divorzio che una cattiva convivenza, ma cio' non puo' e non deve condannare una persona ad una vita meschina.

Ciao