PDA

Visualizza versione completa : Dignita' calpestata !



Armandillo
30-06-11, 13: 41
dignita' (http://www.collectiontricks.it/vocabolario/dignita/)dignità s. f. [dal lat. dignĭtas -atis, der. di dignus «degno»; nel sign. 3, il termine ricalca il gr. ἀξίωμα, che aveva entrambi i sign., di «dignità» e di «assioma»]. – 1. a. Condizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado, dalle sue intrinseche qualità, dalla sua stessa natura di uomo, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e ch’egli deve a sé stesso: tutelare, difendere la propria d.; abbassare la propria d.; vizî che degradano la d. umana; la mia d. non...


Ho letto questa (http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/1014133/anziano-si-barrica-in-casa-poi-uccide-la-moglie-disabile-e-si-suicida.shtml) notizia e il pensiero, ancora una volta, e' andato alla condizione degli anziani ma piu' in generale a quella di tutti noi.


Dignita'....non puo' sfuggire il suo chiaro significato ed esso aiuta a comprendere le motivazioni di tanti casi, come quello della notizia, che la maggior parte delle volte corre via, quasi fosse normale, nella quotidianita' e nello scorrere della vita di ognuno.


Se e' vero che la civilta' d'un paese si valuta dalla condizione degli anziani lo scenario che si prospetta e' certamente demoralizzante quand'anche drammatico.
Credo che non vi sia condizione peggiore per chi ha dato la sua vita alla societa' e ad essa ha contribuito col suo lavoro di chi ha perduto il rispetto degli altri.
Non c'e' condizione piu' spregevole che il non essere considerato come "essere umano" ma visto come inutile fardello, sfruttato e poi gettato nella spazzatura !


Parole dure ?


Certamente, dure alla pari del trattamento che a taluni e' riservato; dure a sottolineare la poverta' morale di chi, ingrato, non e' in grado di concepire la grande importanza della qualita' umana e, vittima d'un gioco vizioso e autolesionista, mira a quisquilie materiali senza costrutto.


A taluni soggetti auguro di non trovarsi mai nelle condizioni cui hanno portato queste persone poiche' pensare ad una vendetta comporterebbe porsi al loro stesso piano !

Ciao

marcella36
01-07-11, 11: 09
Armandillo, non sai quanto hai colto nel segno! Al giorno d'oggi sono purtroppo molti e ancora di più che non conoscono né la la dignità altrui (e quindi la propria) né il più piccolo accenno di elementare rispetto.
Chi, come me crede, non vuole vendetta, spera nel Giudizio finale. Solo la Giustizia può essere di conforto. Su questa terra nessuno opererà per risparmiare dolore ed offese. Chi sa lascia fare, sai la privacy! Una bella comodità per non fare o dire nulla.

mich
01-07-11, 14: 16
Io credo ci sia questo (http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/409469/) da valutare anche

Armandillo
01-07-11, 14: 59
Io credo ci sia questo (http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/409469/) da valutare anche

Quel gesto, molto improbabile, forse rende ancor piu' l'idea della disperazione.

Solo chi e' vicino a queste situazioni sa cosa significa vivere, meglio, sopravvivere in detrminate condizioni avvilenti che mortificano la persona a tal punto, come s'e' visto, di farla sragionare e portarla ad estreme conseguenze.


La rabbia fa perdere la cognizione delle cose e prende il sopravvento come unica e ultima arma a disposizione.

Quando poi non c'e' nessuno che si occupa dei problemi di quel tipo particolare o se le condizioni stesse divengono insopportabili spesso ci si arrende, impotenti, ed allora valutare in serenita' quale sia la soglia del giusto e dello sbagliato diventa arduo.


Mi chiedo in coscienza ed analizzando tutte le circostanze chi a questo punto sia piu' colpevole....questo anziano col suo reato o chi lo ha portato a quello ?


Ciao

mich
01-07-11, 16: 37
Collegno, voleva fare una strage nel palazzo: il folle piano dell'anziano omicida (il video della tragedia) - CronacaQui (http://www.cronacaqui.it/torino/16037_collegno-voleva-fare-una-strage-nel-palazzo-il-folle-piano-dellanziano-omicida-il-video-della-tragedia.html?pag=1)
e le stesse cose dicono i tg locali: i servizi sociali hanno cercato di aiutare la famiglia e sono stati allontanati.

Armandillo
01-07-11, 16: 46
Si Mich, ho letto e non vorrei che i miei pensieri fossero fraintesi o turbati dalla cronaca dei fatti.
I fatti sono la reazione, negativa certamente, a quella dignita' calpestata cui facevo riferimento all'inizio e di certo non mi auguro che tutte le situazioni di quel tipo arrivino a quelle conclusioni.

Per un caso così drammatico ve ne sono centinaia e centinaia dove si soffre in silenzio, nella poverta' e nell'assoluta solitudine !

janet
05-07-11, 22: 24
Ringrazio Armandillo non ho mai trovato una discussione più consona ai tempi, da una parte questo, dall'altra i figli di papà convinti di essere geni e oltre che ignoranti neanche con nessuna pietas, solo concentrati nel loro egocentrismo.
Sono convinta che fra qualche anno la situazione descritta da Armandillo sarà la norma, non l'eccezione.