PDA

Visualizza versione completa : Mac Da Windows a Mac... un classico



LadyHawke
20-01-11, 01: 44
Ebbene si... dopo l'iPad avrei avuto un piccolo colpo di fulmine con il nuovo MacBook Air 11".... il che mi crea qualche problemuccio esistenziale, perchè i problemi seri volgono sui due fronti prestazioni e compatibilità software rispetto ad un sistema Windows che NON posso eliminare su due piedi dalla mia vita.

Quindi mi piacerebbe raccogliere qualche info "sul campo" su questi due fronti:

1) Prestazioni - il mio PC attuale lo vedete nel profilo e ne sono molto soddisfatta: di meno non voglio.
L'Air l'ho provato 5 minuti e con il Leopard nulla da eccepire, è anche più veloce... ma con una Windows fatta girare su in qualche modo? Sarà lo stesso? Le prestazioni caleranno sensibilmente (dati anche i 2 soli Gb di Ram)? Un'upgrade a 4Gb potrebbe fare da ago della bilancia o sarebbe solo un palliativo (inutile)?

2) Compatibilità software - N'est pas possible rinunciare a windows, al momento è imprescindibile: per quanto mi sforzerò di trovare software alternativo Mac agli applicativi che utilizzo abitualmente, sarà una cosa graduale e forse mai totalitaria: ho attualmente installati 15Gb di programmi senza contare software proprietari e drivers di stampanti, scanner, tavoletta e armennicoli vari che vorrei rimanessero con "mammina" :hap
Leggo qua e la che ci sono diversi sistemi di usare Windows su Mac o software nativo Windows su Mac... qualcuno ha esperienza (pro e contro reali) sull'utilizzo di Parallel piuttosto che Boot Camp o CrossOver piuttosto che WineBottler? C'è qualcos'altro di valido?

A proposito: anni fa (tanti) trovai un simpatico sito per Linux dove si comparavano i vari software, ovvero si indicava, proprio per i trasmigratori, a quale applicazione Mac corrispondeva un certo software Windows... esisterà qualcosa di simile per Mac?

:bai

MarcoStraf
20-01-11, 04: 45
Lady, non sei la sola ad esserti innamorata del nuovo Air, è veramente una macchina notevole che lascia dietro la concorrenza.

Prima di tutto devo dire: non è pensato come computer principale, ma come "portatile", questo lo saprai già ma lo dico solo a beneficio di tutti.

Per girare Windows direi che hai tre possibiltà principali: Parallels, BootCamp e VirtualBox. Escluderei Winebottler perchè non supporta tutti i programmi Windows. Parallels è un signor programma, per quello che fa se fossi in loro lo farei pagare il doppio :-) ma è conveniente solo se vuoi usare Windows e OSX allo stesso tempo, e vuoi condividere documenti, altrimenti puoi usare o BootCamp (che è incluso in Leopard) o VirtualBox (che lo puoi scaricare gratis dal sito della Sun) Questi due permettono di fare partire un sistema operativo alla volta, li ho usati entrambi e funzionano egregiamente. Parallels gira benissimo su iMac, ma non lo ho provato su un Air, per cui non ti posso dare consigli.

Non conosco nessun sito per "migrare" i programmi Windows su applicazioni OSX, usando entrambi (uno sul lavoro e uno a casa) non ne sento il bisogno, tieni anche presente che programmi per OSX adesso nascono come funghi in autunno, io uso versiontracker (adesso, purtroppo, fa parte di cnet) per leggere i commenti sui vari programmi:
http://download.cnet.com/mac/?tag=hdr;snav
sono iscritto alla loro newsletter e gli aggiornamenti arrivano alla velocità della luce
Non ho mai usato Crossover, ma penso abbia lo stesso problema di Winebottler, essendo un prodotto a pagamento, ti consiglio se lo vuoi usare di accertare che potrai usare i programmi Windows di cui hai bisogno. Non conosco le prestazioni nè di Crossover nè di Winebottler, nè so comne si comportano con l'Air

Andy86
20-01-11, 13: 51
:bai

Non possiedo un mac, però ho avuto l'occasione di provarlo e mi sembra molto ubuntu (oppurtunatamente modificato, s'intende.:sisi)

Comunque, per quanto riguarda il secondo problema, io sotto ubuntu uso wine (http://www.winehq.org/download), che è anche per mac (http://www.macitynet.it/ilmiomac/articolo/Wine_per_Mac_OSx86_come_le_applicazioni_gireranno_ su_tutti_gli_OS/aA23168), e problemi per ora ne ho trovati solo con le applicazioni "non stand-alone", che si lamentano perché non trovano il registro di sistema :triste; tutte le altre dipendenze, es. directx, possono essere correttamente installate e addirittura alcune applicazioni girano meglio che sotto windows stesso. :sisi

Open Source Forever... :glu

LadyHawke
20-01-11, 14: 18
Prima di tutto devo dire: non è pensato come computer principale, ma come "portatile", questo lo saprai già ma lo dico solo a beneficio di tutti.
Perchè dici questo? :ohoh Il microbo è carrozzato con un Dual core a 1400 Mhz: il mio netbook attuale è un dual core a 1200 e lo uso come PC principale utilizzando senza problemi roba come Photoshop, Corel Draw e diversi programmi per animazioni Flash ed effetti fotografici... l'unica perplessità sono quei 2 Gb di ram al posto dei miei 4 :boh, e non tanto per le applicazioni Mac che vedo richiedono molte meno risorse dei loro corrispettivi Windows, ma appunto per quelli che dovranno comunque girare sotto una Windows virtualizzata.
Potrei upgradare subito a 4Gb con un centinaio di euro, ma se non mi porta benefici reali preferirei spenderli sugli accessori che per forza di cose mi serviranno (convertitore VGA in primis perchè a casa ho uno switch sul 24")


Parallels è un signor programma, ma è conveniente solo se vuoi usare Windows e OSX allo stesso tempo, e vuoi condividere documenti, altrimenti puoi usare o BootCamp
Quindi Parallel mi permette di usare Windows come fosse un'applicazione Mac, mentre Boot Camp crea un dual boot, giusto?
Escludiamo a questo punto gli altri due programmi che mi pare non assicurano una totale compatibilità, ma vorrei capire se Parallel invece (più comodo di Boot Camp) può eseguire qualunque software io voglia sulla Windows virtualizzata ...


Non conosco nessun sito per "migrare" i programmi Windows su applicazioni OSX,

Non cerco di migrare, ma di rendermi conto delle alternative, giacchè vorrei usare alla fine quanto più software Mac mi sia possibile... esempio:
Su Win abbiamo MSN, su Linux c'è aMSN (praticamente stessa interfaccia), e su Mac?
Su Win utilizzo Shure Thing per la stampa sui DVD, su Mac?
etc etc etc... però devo ancora verificare tutto il parco software se esistono versioni Mac dei miei programmi, eventualmente poi "romperò" su quelli che non trovo :sisi

:bai


[EDIT]

@ Andy

Quindi Wine pensi che funzioni bene solo con programmi che non si installano? Tutti o in qualche percentuale? (almeno secondo la tua esperienza su Ubuntu)


:bai

Andy86
20-01-11, 14: 41
:bai


su Linux c'è aMSN

aMsn (http://www.amsn-project.net/download.php) è multi-piattaforma, gira persino su maemo...


Quindi Wine pensi che funzioni bene solo con programmi che non si installano?

Non che non si installano, che non "sporcano" il registro di windows... :hap
Se eseguo un applicazione installata su windows che non cerca informazioni nel reg, mi parte senza problemi; viceversa genera errori del tipo: "applicazione non installata". :sisi


Tutti o in qualche percentuale?

Per quelli che ho provato vale per tutti. Quei pochi errori in cui sono incappato li ho poi ritrovati precisi identici sotto windows... :sisi

K.a.o.s.
21-01-11, 19: 33
Il nuovo MacBook air è veramente una bella macchina e rispecchia la mia idea di un Mac minimale ed essenziale.
Io ho un MacBook che inizialmente aveva 2gb di ram, aggiornati dopo un anno a 8gb. Se fai un uso domestico 2gb vanno bene, ma se cerchi di lavorare con macchine virtuali e contemporaneamente usare Mac Os X, il sistema diventa abbastanza inusabile. Stesso risultato se usi Photoshop insieme ad immagini molto pesanti (non parlo di immagini da ~20mb, ma più livelli da 100-300mb l'uno).
Il mio consiglio è portarli a 4gb come minimo.

Su Win abbiamo MSN, su Linux c'è aMSN (praticamente stessa interfaccia), e su Mac?
Adium (http://adium.im/).
aMsn è poco integrato nel sistema (come su Linux) e consuma molte risorse.

Su Win utilizzo Shure Thing per la stampa sui DVD, su Mac?
Io uso il programma della Canon fornito con la stampante, quindi non so dirti.

Quindi Parallel mi permette di usare Windows come fosse un'applicazione Mac, mentre Boot Camp crea un dual boot, giusto?Sì, però con BootCamp si può installare Windows in dual-boot e avviarlo anche da Parallels, in modo da avere una sola installazione di Windows avviabile sia virtualmente che nativamente.

ma vorrei capire se Parallel invece (più comodo di Boot Camp) può eseguire qualunque software io voglia sulla Windows virtualizzata ...Ha tutti i limiti di una macchina virtuale: applicazioni che usano periferiche particolari potrebbero non andare (se non ricordo male); ovviamente poi la velocità non è nativa quindi giochi e programmi di grafica non sono sempre usabili (per quanto Parallels e Fusion abbiano un impatto minore rispetto a VirtualBox).

Parallels dicono sia meno stabile di VmWare Fusion, che però ha una minore velocità in esecuzione secondo i benchmark.
Io possiedo entrambi, ma ho potuto testare per ora solo Parallels, che si è rivelato un ottimo strumento.

Se eseguo un applicazione installata su windows che non cerca informazioni nel reg, mi parte senza problemi; viceversa genera errori del tipo: "applicazione non installata". Wine ha il suo mini-registro stile Windows. Anche applicazioni che ci scrivono possono funzionare. Prova a lanciare regedit. I file del registro sono in .wine nella home.
Sinceramente però lo eviterei, in ambienti di produzione di Wine non se ne parla. Non si può rischiare che un'applicazione crashi o non funzioni correttamente.

Non possiedo un mac, però ho avuto l'occasione di provarlo e mi sembra molto ubuntu (oppurtunatamente modificato, s'intende.)
No no, ci sono molte differenze :eye.

Andy86
21-01-11, 21: 32
:bai


Wine ha il suo mini-registro stile Windows. Anche applicazioni che ci scrivono possono funzionare.

Me l'ero perso. Il fatto è che io ho provato dall'eseguibile dell'installazione in windows, per non fare doppie installazioni. :ehmm
Già non mi piace che su ubuntu ogni utente debba avere la sua copia di ogni programma... :triste


No no, ci sono molte differenze :eye.

Beh, l'ho provato poco. Comunque "modificato" intendevo ubuntu, con aggiunta di cairo-dock e cosucce varie. :sisi

LadyHawke
21-01-11, 22: 02
Io uso il programma della Canon fornito con la stampante, quindi non so dirti
Eh.. era un buon programma ed avrei continuato ad usarlo anch'io, se la Canon non si fosse "seccata" :triste... mentre ora l'HP ha un software davvero penoso per la stampa dei DVD, per cui ho dovuto trovare qualcosa di più versatile.

Sì, però con BootCamp si può installare Windows in dual-boot e avviarlo anche da Parallels, in modo da avere una sola installazione di Windows avviabile sia virtualmente che nativamente.
Ovviamente potrei provare Boot Camp e poi se non mi soddisfa andare su Parallel: il problema è che mi conosco... se inizio una sessione con windows poi finisce che non riavvio per riutilizzare OS: se spendo una millata di euro voglio invece forzarmi a sfruttare questo benedetto sistema, altrimenti sono soldi buttati

Ha tutti i limiti di una macchina virtuale: applicazioni che usano periferiche particolari potrebbero non andare (se non ricordo male); ovviamente poi la velocità non è nativa quindi giochi e programmi di grafica non sono sempre usabili
E questo è male :wall...
Ho iniziato ieri sera a fare la lista dei programmi e cominciare a vedere se esiste una versione OS: a dire la verità l'inizio sarebbe buono (ma NON economicamente parlando :cry3), ed il trovare versioni native Mac mi porterebbe forse a poter utilizzare solo BootCamp per quei pochi software dei quali proprio non posso fare a meno (vabbè, poi alla fine ho anche il quad core fisso)
Comunque... alla fine sarebbe più stabile e veloce usare Windows con BootCamp? E in questo caso potrei evitare quei 2GB in più di Ram?
Non è per stare di "manica stretta", ma oltre al costo del Mac devo considerare circa altri 200 euro fra accessori e software: se voglio limitare più possibile l'uso di windows ci terrei su il software licenziato più oneroso (Corel Draw, Onenote, una vecchia versione di Photoshop e l'Elements, Office non mi interessa tanto ormai uso Openoffice), mentre qualcosa dovrei ricomprare se non posso convertire le licenze, e quell'upgrade lo farei solo se strettamente necessario.

:bai

K.a.o.s.
22-01-11, 00: 22
Comunque... alla fine sarebbe più stabile e veloce usare Windows con BootCamp? E in questo caso potrei evitare quei 2GB in più di Ram?
Windows avviato con bootcamp è come un normale Windows sull'hw del Mac :hap. 2Gb non so se ti bastano. Sicuramente però non sono poco. Prova a controllare sul netbook quanto usano i vari programmi nel quotidiano. Ovviamente fai anche conto che c'è una sorta di cache, ovvero più ram hanno a disposizione più la sfruttano :hap.
Ripeto che comunque anche con 2gb la mia macchina virtuale (con Windows 7) andava benone, ma non permetteva di passare a Mac Os X in maniera fluida.

se spendo una millata di euro voglio invece forzarmi a sfruttare questo benedetto sistemaGeneralmente non ci si sforza ad usare Mac Os X :eye. Diventa più uno sforzo usare Windows poi :bgg2.

Office non mi interessa tanto ormai uso OpenofficeC'è anche iWork che funziona molto bene. È la suite di Apple e se usi praticamente solo una parte del pacchetto, puoi acquistare le singole applicazioni dal Mac App Store a 15,99€ l'una.

Già non mi piace che su ubuntu ogni utente debba avere la sua copia di ogni programma...
Ma intendi con Wine? Perché con le applicazioni native non è vero, sono in /usr/local (o /usr, ma mi sembra che su Debian siano in local). Non a caso chiede la password di root per installarle. Solo la configurazione è nella home.
Per Wine credo sia così, a meno che non si condividano le impostazioni fra i vari utenti.

Andy86
22-01-11, 12: 13
Non a caso chiede la password di root per installarle.

Però non la chiede per eseguirle, ed alcuni tutorial che avevo seguito per non ricordo cosa installavano nella home... :ohoh
per questo pensavo che fossero nella home... :ehmm


puoi acquistare le singole applicazioni dal Mac App Store a 15,99€ l'una.

E perché mai, quando con openoffice (meglio se Go) hai tutto senza pagare niente? :boh


Diventa più uno sforzo usare Windows poi :bgg2.

Eh già. :sisi
Con ubuntu, quando ho cominciato, neanche più me ne rendevo conto del sistema...
Salvo poi chiedermi perché non ruotava lo schermo quando ero su windows... :ghgh


il problema è che mi conosco... se inizio una sessione con windows poi finisce che non riavvio per riutilizzare OS:

Lo pensavo anch'io... :bgg2

K.a.o.s.
22-01-11, 13: 01
Però non la chiede per eseguirle, ed alcuni tutorial che avevo seguito per non ricordo cosa installavano nella home...
per questo pensavo che fossero nella home... Alla fine un programma basta che abbia il permesso di essere eseguito :hap. Non gli serve modificarsi di nascosto :hap.

E perché mai, quando con openoffice (meglio se Go) hai tutto senza pagare niente?
Con iWork hai un supporto migliore per l'OOXML di Microsoft. È stato creato per Mac e non è il risultato di un porting, quindi è perfettamente integrato e molto più leggero e veloce. Ha un'interfaccia pulita e molto intuitiva, però ha qualche funzione in meno rispetto a Office di Microsoft e OpenOffice.org. Keynote tra l'altro è spettacolare per le presentazioni.
Non so come sia ora, ma tempo fa con NeoOffice (versione di OpenOffice.org portata su Mac) si finiva per usare X11.
Nel caso peggiore puoi comunque scaricare entrambi.

Andy86
22-01-11, 13: 48
Keynote tra l'altro è spettacolare per le presentazioni.Come ogltrans?


http://www.youtube.com/watch?v=jFge2zTSN-A

Però non so se va su mac... :ohoh

(Ad esempio per windows non c'è.)


Non gli serve modificarsi di nascosto http://www.collectiontricks.it/forum/images/smilies/happy%20%29.gif.

A meno che non sia un virus... :lol:

Comunque pensavo alle apps utente anche per i lanciatori nel menù avvio delle app. installate, che creando un nuovo utente non ci sono...

LadyHawke
23-01-11, 00: 15
Bene... volevo fortemente essere convinta :oo2 perciò in fondo non è stato troppo difficile :bgg2: il "piccolo" credo arriverà mercoledì :sisi


Comunque pensavo alle apps utente anche per i lanciatori nel menù avvio delle app. installate, che creando un nuovo utente non ci sono...

Qua mi devi spiegare :ohoh: intendi dire che se creo un nuovo utente perdo i launcher delle apps? No perchè sarebbe la prima cosa che intendo fare, visto che da tempo immemorabile la mia cartella utente l'ho sempre spostata in un drive diverso da quello di sistema: nel caso Mac ho trovato una procedura che prevede proprio l'utilizzo di un nuovo utente sul quale effettuare lo spostamento (e che quindi poi mi diventerebbe l'utente/amministratore in uso normalmente), ma mi seccherebbe che non fosse gestito a livello di sistema come l'amministratore primario :boh

Oppure è possibile spostare la cartella utente/i (la home, se non sbaglio) dell'amministratore primario?

:bai

MarcoStraf
23-01-11, 00: 38
Lady, in OSX ci sono due cartelle, la /Applications e la ~/Applications
Tutto quello che viene installato nella Applications a livello di root (ovviamente si può fare solo da superuser) viene visto da tutti.
Dicendo che il Air non viene considerato come computer primario solo a causa delle sue limitazioni, ossia assenza di lettore e scrittore ottico, scarsa memoria interna, scarso numero di connessioni, come dice ilo nome è pensato principalmente come portatile connesso a una rete. E ricorda che se ci fai girare Windows la batteria ti durerà metà del tempo, in quanto perdi le ottimizzazioni fatte da Apple. E come consiglio, ti suggerisco di non installare Flash, che da solo si mangia metà della batteria anche usando OSX (e poi ci stupiamo che non sia installato... se Adobe si decidesse una buona volta di farlo più leggero, sono anni che fa gli orecchi da mercante)

Andy86
23-01-11, 09: 57
Qua mi devi spiegare :ohoh: intendi dire che se creo un nuovo utente perdo i launcher delle apps?

:m: Non so. Parlavo di ubuntu, dove creando un nuovo utente non ho trovato i launcher creati in fase di installazione, ma probabilmente avrei potuto ricrearli... :boh

Kaos ti saprà dire di più... :hap

Tra l'altro, non so in mac, ma in ubuntu per creare un lanciatore non è necessario indicare il percorso completo, ma basta inserire il comando, un po' come per gli eseguibili di windows registrati nella classpath... :sisi Goduria totale. :gogo

K.a.o.s.
23-01-11, 11: 38
intendi dire che se creo un nuovo utente perdo i launcher delle apps? No perchè sarebbe la prima cosa che intendo fare, visto che da tempo immemorabile la mia cartella utente l'ho sempre spostata in un drive diverso da quello di sistema: nel caso Mac ho trovato una procedura che prevede proprio l'utilizzo di un nuovo utente sul quale effettuare lo spostamento (e che quindi poi mi diventerebbe l'utente/amministratore in uso normalmente), ma mi seccherebbe che non fosse gestito a livello di sistema come l'amministratore primario

Non ho capito bene, ma perché tutto questo? Mi sembra una fatica inutile.

Parlavo di ubuntu, dove creando un nuovo utente non ho trovato i launcher creati in fase di installazione, ma probabilmente avrei potuto ricrearli...
Se parli dei launcher del menu di Gnome non è normale come comportamento. Quelli sulla barra o che aggiungi tu manualmente ovviamente sì. C'è il programma alacarte che ti permette di vedere/modificare/nascondere le voci di menu.

Tra l'altro, non so in mac, ma in ubuntu per creare un lanciatore non è necessario indicare il percorso completo, ma basta inserire il comando, un po' come per gli eseguibili di windows registrati nella classpath... Goduria totale. Su Mac basta trascinare l'icona nel Dock. Trascinarla via per farla scomparire.
PS: Sono entrambi basati su Unix :eye, le applicazioni GNU se scritte correttamente girano anche su Mac Os X e la shell è quindi presente su entrambi.

Come ogltrans?
Non so, ho provato a guardare velocemente ma non sembra nemmeno molto diffuso. Guarda sul sito ufficiale (Apple - iWork - Keynote (http://www.apple.com/it/iwork/keynote/)) se può essere paragonato :hap.
Edit: ogltrans sembra sia solo per OpenOffice.org 2.4, quindi direi che non è più usabile ad oggi.

Andy86
23-01-11, 11: 53
Se parli dei launcher del menu di Gnome non è normale come comportamento.

Parlo di quelli che metto le apps che installi, tipo vlc, avidemux, gimp. :sisi
Se avrò necessità aprirò una discussione dedicata. :sisi


C'è il programma alacarte

Io uso il tool "menù principale", e mi ci trovo bene. :hap


Su Mac basta trascinare l'icona nel Dock. Trascinarla via per farla scomparire.

Anche su ubuntu con cairo-docky... :bleh
Comunque un lanciatore devi averlo da qualche parte per trascinarlo. :hap


Guarda sul sito ufficiale se può essere paragonato http://www.collectiontricks.it/forum/images/smilies/happy%20%29.gif.

Da quel poco che si vede nel video direi che ognuno ha qualcosa in più e in meno dell'altro... :ghgh
Come vedi dal video che ho messo, ogltrans fornisce animazioni molto simili a quelle di compiz. :sisi

K.a.o.s.
23-01-11, 12: 28
Come vedi dal video che ho messo, ogltrans fornisce animazioni molto simili a quelle di compiz.
Argh... ho rimosso Flash dal sistema e quindi me l'ha proprio nascosto :hap. Ora che l'ho visto, sì direi che come effetti siamo lì :hap. In ogni caso parlavo anche del programma in sè.

Io uso il tool "menù principale", e mi ci trovo bene.
Sì sì, il cui vero nome è alacarte :bgg2

Comunque un lanciatore devi averlo da qualche parte per trascinarlo.
Non se l'applicazione è un icona :eye. Su Mac (tranne casi particolari) le app sono viste come una sola icona, infatti per "disinstallare" basta prenderle e metterle nel cestino.
http://img441.imageshack.us/img441/1436/applicazioni.th.png (http://img441.imageshack.us/i/applicazioni.png/)
(non sono link, ma le vere app)

LadyHawke
23-01-11, 22: 06
Non ho capito bene, ma perché tutto questo? Mi sembra una fatica inutile.

Su Windows è semplicissimo e veloce, ed è una questione di salute mentale (la mia) :bgg2:

1) Il primo disco che si rompe generalmente è quello di sistema e se ha più partizioni quasi sempre è quella di sistema che "parte" per prima (normale usura o leggi di Murphy? :boh)
2) Quando e se devo formattare (specialmente se all'improvviso) non mi devo preoccupare più di tanto di salvare i dati: è quasi tutto nella cartella Documenti
3) Nel caso sostituisco il disco/cambio il PC non devo affannarmi a cancellare in maniera sicura tutti i miei documenti personali
4) In caso di necessità (il PC non funziona o mi occorrono dei documenti su altra postazione o fuori casa), stacco il drive/flash esterni (pc spento ovviamente), e porto via

A me basta per passare tre minuti a fare lo spostamento :eye

:bai

K.a.o.s.
23-01-11, 23: 17
Sì ma il MacBook Air ha un solo "disco", tenere la home di un utente su un disco esterno comporta portarsi dietro l'usb ecc. (e sinceramente mi sembra contro l'idea dietro all'Air che sta nella mobilità assoluta). Avendo poi l'air una sola porta usb non mi sembra l'idea migliore.

Poi c'è da contare il fatto che il disco esterno dev'essere in hfs, il file system di Apple, che è leggibile praticamente solo da Mac Os X e da Linux (non aveva il supporto in scrittura tempo fa). Poi c'è il fatto che Snow Leopard aggiunge la compressione alle applicazioni preinstallate e così se ci sono applicazioni all'interno della home, non sono leggibili su sistemi precedenti alla 10.6.0 (e direi nemmeno con Linux).

Molto più comodo tenere un backup con Time Machine, magari anche in rete (ci sono delle guide se non si vuole usare TimeCapsule), che sono automatici e ad intervalli di 1 ora. Ovviamente, in puro stile Mac, Time Machine automaticamente cancella i più vecchi e conserva un backup al giorno.


2) Quando e se devo formattare (specialmente se all'improvviso) non mi devo preoccupare più di tanto di salvare i dati: è quasi tutto nella cartella DocumentiOvvio che è sempre possibile incontrare problemi, ma non è mica così comune formattare con Mac Os X :eye, alla fine è un sistema stabile.


Su Windows è semplicissimo e veloce, ed è una questione di salute mentale (la mia)
Io ho spiegato i motivi per cui non mi sembra una buona idea, poi ovviamente de gustibus non disputandum :eye

PS: vedrai che ci saranno da cambiare molte abitudini Windowsiane appena giunti su Mac :ghgh, ma basta fidarsi del sistema :hap. Esempi: niente taglia-incolla per i file: si usa il drag-n-drop; la finestra di Safari non si apre a tutto schermo (non è necessario, si apre il giusto per mostrare la pagina correttamente e favorirne la lettura) e altro.

MarcoStraf
24-01-11, 07: 43
Lady, ricorda che il disco del Air è una memoria Flash, quella è dura a morire.
E sono in accordo con gli altri, non dico che nessuno abbia mai dovuto riformattare un Mac con OSX, ma poco ci manca.

LadyHawke
24-01-11, 11: 14
Ok, ragazzi :hap, spero di rivedere positivamente certe "brutte abitudini" e diverse "tristi certezze", non chiedo di meglio...

Mi occuperò subito di imparare come gestire un buon sistema di backup, ma in mancanza dello spostamento della home non potrò evitare lo spostamento delle librerie iTunes, visto che a questo punto vorrei usare quel programma pienamente (adesso lo uso solo per la libreria degli e-books): purtroppo il disco da 64GB è piccoletto e non potrebbe reggere apps+librerie+eventuale windows virtuale lasciando un margine di spazio di lavoro decente :triste

K.a.o.s., le USB sono 2 (comunque sempre insufficienti, dovrò usare un HUB da 7 porte per quando tengo l'Air "fisso"), e una la posso dedicare ad un disco esterno (anche con un file system proprietario, tanto deve essere letto solo dal Mac)


:bai


[EDIT]

Per quel sito di cui avevo chiesto nel primo post (che indicasse software alternativi), ho trovato questo (http://alternativeto.net/): non l'ho ancora radiografato bene ma mi pare accettabile e contiene alternative per tutti i S.O e anche per mobile