PDA

Visualizza versione completa : I compratori di IPAD, giovani, maschi e sensibili agli ads



janet
02-10-10, 00: 18
Secondo alcune ricerche compiute dalla società Nielsen oltre il 65 % dei possessori di IPAD sono maschi ed anzi il 63% del campione, è relativamente giovane. Questo dato è diverso da quello ottenuto presso i possessori di Kindle o di PSP.
I proprietari del Kindle, invece risulterebbero (http://jblogtech.blogspot.com/2010/10/i-compratori-di-ipad-giovani-maschi-e.html) più ricchi, con guadagni superiori agli 80.000 dollari all'anno e più istruiti, con laurea o master. Inoltre, cosa ancora più interessante i compratori dell'IPAD non sono affatto contrari agli avvisi pubblicitari sui loro dispositivi.

Molti degli intervistati infatti hanno detto che ad essi piacciono gli annunci che hanno caratteristiche interattive. Insomma queste persone avranno comprato l'IPAD perchè piace ad essi il dispositivo o per visualizzare la pubblicità?

wrongway
02-10-10, 08: 35
mah... imho come sondaggio è inattendibile...
il campione di possessori di ipad è di soli 400 soggetti:
The Connected Devices Age: iPads, Kindles, Smartphones and the Connected Consumer | Nielsen Wire (http://blog.nielsen.com/nielsenwire/consumer/the-connected-devices-age-ipads-kindles-smartphones-and-the-connected-consumer/)
di ipad quanti ne avranno già venduti? 4 milioni? ...di più?

janet
02-10-10, 16: 06
si in effetti mi ha fatto ridere anche a me, oltretutto cos'è più adatto alle donne l'ipod touch, l'iphone, è vero le donne sono tecnologicamente indietro in base a immagini pubblicitarie stereotipate

MarcoStraf
02-10-10, 16: 31
Beh, i sondaggi vengono fatti usando un "campione", ossia un numero ristretto che però dovrebbe rappresentare l'andamento, quelli della Nielsen (che lo fanno per profesione) non sono stupidi.
Come tutti i sondaggi vanno presi con granu salis, e personalmente questi risultati non mi stupiscono affatto.
Per esempio, il Kindle serve solo a leggere libri, quindi chi lo compra è solo interessato a quello, ed è quindi logico che la maggioranza sia quindi più educata, e con quello abbia un tenore di vita superiore (ossia un più alto stipendio)
A riguardo il 65% di clienti maschile, mi sarei aspettato di più: il iPad è ancora un gadget e come tale non mi stupisco che attragga di più il pubblico maschile. Come per altri gadget, appena poi il pubblico femminile si accorge delle possibilità il mercato si equalizza con il tempo

wrongway
02-10-10, 20: 36
con tutto il rispetto per quelli della nielsen, io lì ci vedo soltanto 260 individui maschi che hanno acquistato un ipad e 140 femmine che hanno fatto altrettanto

non riesco minimamente a rapportarle alla "massa" che finora lo ha acquistato, per quanto "grano salis" ci metta... :fleurs:bai

MarcoStraf
02-10-10, 23: 58
Scusa, sei forse un esperto di statistica? Secondo te il campione tipico quanto deve essere grande?
Ormai la statistica è molto brava in questo genere di indagini di mercato, mica vanno a prendere 400 persone a casaccio...

wrongway
03-10-10, 10: 27
Scusa, sei forse un esperto di statistica?
no, sono "l'uomo qualunque che passa per strada"

ma scusa... ma tu sei uno a cui "un'indagine di mercato" può risultare utile?
se operi in quell'ambito, allora non vedo di quali altri strumenti tu possa disporre... non puoi mica fare un censimento... devi fare affidamento su "quello che passa il convento"
a me "uomo qualunque che passa per strada" quel dato dice soltanto cosa pensano/fanno quei tre gatti che hanno accettato di sottoporsi a quel sondaggio... con buona pace degli esperti di statistica

MarcoStraf
03-10-10, 16: 32
... ma tu sei uno a cui "un'indagine di mercato" può risultare utile? ...
Certamente, almeno nel mio lavoro. Le nostre decisioni le prendiamo non in base a quello che noi riteniamo sia utile ai nostri clienti, ma in base a quello che un campione rappresentativo dei nostri clienti ci dice sia utile. Mica chiediamo a tutti.
Le indagini di mercato si basano sulla statistica, che è la legge dei grandi numeri. Tali indagini funzionano bene solo quando il campione rappresentativo scelto sia un buon rappresentante, ossia che copra la maggior parte dei settore. Ecco quindi per esempio perché le statistiche condotte dai giornali e siti web non funzionano, in quanto rappresentano solo una particolare categoria di persone (quelle che leggono quel giornale e che visitano quel sito)