PDA

Visualizza versione completa : Periferiche Hard Disk esterno: come non rovinarli?



( Deep Silence )
29-09-10, 14: 27
Ciao a tutti, PRIMO MESSAGGIO! :)
intanto colgo l'occazione per presentarmi: Mi chiamo Gabriele e coltivo molte passioni, sono sbarcato su questo forum grazie a google e ho deciso di registrarmi perchè mi sembra davvero un bel posto.
Conto sul fatto che mi troverò bene :)

Detto questo, passiamo al primo quesito che vado a descrivere:

Sono in possesso di un Hard Disk esterno Segate, capacità 500 GB.
Ho comprato apposta questo HD perchè dato il lavoro che svolto non mi è possibile memorizzare tutti i dati sul mio hard disk interno (nonostante la capacità, 320 GB).
Sull'hard disk esterno ho dati molto importanti che non posso assolutamente perdere, quindi mi pongo la domanda: visto che molte volte gli hard disk esterni "partono", come faccio a prendere delle percauzioni (oltre alle solite, non metterlo al sole, non farlo cadere per terra, non usarlo come portaoggetti di tre chili, non adrlo al cane per giocare :tong2)?
Per esempio: molte volte quando disattivo l'hard disk prima di scollegarlo windows 7 mi dice che è impossibile disattivare l'hardware perchè utilizzato da un altro programma, quando invece non c'è niente che lo utilizzi a parte explorer.exe, dopo decine di tentativi io lo scollego così (non ha un bottone basta attaccare l'alimentatore per accenderlo) ma ho paura che così i dati possano essere compromessi
Non è mai successo niente fino ad ora (ce l'ho da circa un anno), ma se qualcosa dovesse succedegli perderei dati importantissimi e non posso permettermi di spendere le cifre che chiedono le ditte di recupero dati che, potete benissimo immaginare, per 500 GB sarebbero veramente insostenibili.

Insomma, ci sono precauzioni da prendere perchè questi hard disk possano avere un'esistenza sicura e duratura?

Grazie Mille :sisi

prescy
29-09-10, 16: 16
gabriele ... :bai ... e benvenuto


Non è mai successo niente fino ad ora (ce l'ho da circa un anno), ma se qualcosa dovesse succedegli perderei dati importantissimi e non posso permettermi di spendere le cifre che chiedono le ditte di recupero dati che, potete benissimo immaginare, per 500 GB sarebbero veramente insostenibili.


guarda se i tuoi dati sono veramente importanti ti converrebbe prendere un altro hard disk dove tenere una copia di backup costantemente aggiornata del tuo attuale hard disk
per quanto tu faccia di tutto perchè questi possa avere meno guai possibili, gli hard disk rimangono pure sempre dei congegni elettronici (pure meccanici) che ti possono abbandonare da un momento all'altro, e malgrado noi speriamo che questo non capiti mai, prima o poi l'ineluttabile avviene sempre!

te lo dico per esperienza personale cosi come penso altri utenti qui del forum abbiano vissuto la stessa esperienza
poi c'è hard disk e hard disk con alcune marche che io ho imparato ad evitare nella speranza di limitare i problemi anche se la certezza non l'avrai mai


Per esempio: molte volte quando disattivo l'hard disk prima di scollegarlo windows 7 mi dice che è impossibile disattivare l'hardware perchè utilizzato da un altro programma

ci sono dei programmi appositi, tipo unlooker, che sbloccano la situazione in modo da poterli chiudere normalmente, senza arrivare la punto di staccare la spina della corrente che all'hard disk non fa per niente bene

non farebbe certo male poi dotarsi di un bel gruppo di continuità o uno stabilizzatore di corrente per evitare dannosi picchi e sbalzi di corrente

per qualsiasi altra cosa a disposizione

:bai

Asterix
29-09-10, 16: 24
Ciao e :welcome:

1. se i dati sono veramente importanti ti consiglio di avere più copie sparse es. ogni tot giorni eseguire un backup su dvd o eseguire delle sincronizzazioni su altri hd, avere una sola copia è sempre un rischio, è naturale che devi poi fare molta attenzione in quanto devi sempre lavorare sul file master e non sulle copie altrimenti corri il rischio di fare variazioni su file non aggiornati.
2. se non riesci a scollegare in modo corretto puoi sempre aspettare la chiusura del pc in questo modo sei più tranquillo
3. io utilizzo per alcune cose prodotti di sincronizzazione web in questo modo ho sempre i dati sincronizzati su tre pc + web ma anche in questo caso necessita capire la riservatezza dei dati in quanto un deposito web puo’ avere dei bug o non rispecchiare la dovuta riservatezza.

Per il momento mi vengono alla mente solo questi

:bai


PS anticipato - maledetto refresh

Mnemosyne
29-09-10, 16: 26
poi c'è hard disk e hard disk con alcune marche che io ho imparato ad evitare nella speranza di limitare i problemi anche se la certezza non l'avrai mai

Ecco, non vorrei fare l'uccellaccio del malaugurio, ma in ufficio il Seagate è partito in fretta :tap Ci avevano mandato un avviso di aggiornamento firmware, ma non ho fatto in tempo a farlo. Conosco altre persone che con i Seagate hanno avuto gli stessi problemi :boh

Se arrivano smentite sono ben contenta :eye

:bai

( Deep Silence )
29-09-10, 17: 39
@prescy



gabriele ... ... e benvenuto


Grazie ^^


guarda se i tuoi dati sono veramente importanti ti converrebbe prendere un altro hard disk dove tenere una copia di backup costantemente aggiornata del tuo attuale hard disk
Eh si, ce ne sarebbe veramente bisogno, ma ci vuole un hard disk con capacità uguale o maggiore :P e costicchiano.
In ogni caso se un altro hard disk prenderò, lo prenderò interno.
L'errore è quello di usare un hard disk esterno come contenitore di dati principale e questo lo so, ma non ho la possibilità di concedermi altrettanto spazio per il momento.


ci sono dei programmi appositi, tipo unlooker, che sbloccano la situazione in modo da poterli chiudere normalmente, senza arrivare la punto di staccare la spina della corrente che all'hard disk non fa per niente bene
yes, conosco sia unlocker sia LockHunter, il problema è che unloker su xp va una bomba e anche su vista ho potuto vedere buoni risultati, ma su Seven mai funzionato, anche col privilegio di andarsi a fare un caffè.
Per quanto riguarda la questione di staccare la spina è uno dei punti dolenti del mio hdd esterno: non ha un bottone, bisogna attaccarlo alla corrente per accenderlo e staccarlo per spegnerlo... può partire prima per questo?



@Asterix

io utilizzo per alcune cose prodotti di sincronizzazione web in questo modo ho sempre i dati sincronizzati su tre pc + web ma anche in questo caso necessita capire la riservatezza dei dati in quanto un deposito web puo’ avere dei bug o non rispecchiare la dovuta riservatezza.
Mi potresti dire qualcosa di più? che servizio usi? che costi comporta? è come un normale hosting?
Thanks.


@Mnemosyne

Ecco, non vorrei fare l'uccellaccio del malaugurio, ma in ufficio il Seagate è partito in fretta Ci avevano mandato un avviso di aggiornamento firmware, ma non ho fatto in tempo a farlo. Conosco altre persone che con i Seagate hanno avuto gli stessi problemi
ASD... pensavo che i segate fossero tra i migliori della loro categoria... probabilmente mi sbagliavo.


Scusate, ma potrebbe essere utile essendo in possesso di un altro hard disk avere qualche software che implementi qualche tipo di RAID (se esiste)?
Inoltre esiste qualche tipo di avvisaglia più o meno comune (non so rallentamento in lettura/scrittura,autoplay che parte dopo mezz'oretta dall'accensione)?

ganzo123
29-09-10, 17: 51
Ciao Deep Silence! Benvenuto nel forum! :welcome:
Prova a dare una letta a questa discussione (http://www.collectiontricks.it/forum/software/Ct1834-rimozione-sicura-dellhardware.html), penso che possa interessarti :eye

:bai

Lo Zio T
29-09-10, 17: 54
Se arrivano smentite sono ben contenta

Beh, ti posso dire che da più di un'anno lo uso e non ho mai riscontrato problemi. :hap

Poi, chiaro, parlo di un caso singolo.

Spero di non dovermi ricredere prossimamente :tong2

:bai

Mnemosyne
29-09-10, 18: 00
:m: In ufficio avevamo un Barracuda come modello se mi ricordo bene, ma era sdentato :ghgh
Bah, te l'ho detto, c'era arrivata una comunicazione tramite la Dell, che avendo appunto riscontrato problemi su quella serie, invitava ad aggiornare il firmware. Eh, ho aspettato troppo a farlo! :boh
Poi penso che dipenda molto dall'uso che se ne fa, come tutto d'altra parte.

Gabriele, non volevo preoccuparti! :fleurs
In ogni caso leggi la discussione che ha linkato Ganzo, che è utile :eye

:bai

Armandillo
29-09-10, 18: 42
:bai e :welcome:

Anche io sono interessato avendo acquistato qualche giorno fa un harddisk esterno anche se i miei dati riguardano piu' lo stesso Seven che non il resto.
Qui (http://www.collectiontricks.it/forum/hardware-e-reti/Ct2345-immagine-windows-7-su-hdd-esterno-partizionamenti-e-problemi.html)puoi trovare cio' che riguarda l'immagine del SO e dei consigli ottimi come quello di cambiare il file system (se non lo hai gia' fatto) da Fat32 a Ntsf.
Credo che questo passaggio assicuri maggiore stabilita' e minore probabilita' di perdere dei dati.

Circa, poi, il mantenimento dell'harddisk posso solo dirti che l'ultima generazione, come quello che ho comprato, oltre permettere facilmente lo spegnimento, assicurano, col software in dotazione, la sincronia con il disco fisso, backup, ecc...

Da profano credo che i suggerimenti precedenti siano gli unici che ti possano garantire una certa sicurezza.

:bai

( Deep Silence )
29-09-10, 19: 39
:bai e :welcome:

Anche io sono interessato avendo acquistato qualche giorno fa un harddisk esterno anche se i miei dati riguardano piu' lo stesso Seven che non il resto.
Qui (http://www.collectiontricks.it/forum/hardware-e-reti/Ct2345-immagine-windows-7-su-hdd-esterno-partizionamenti-e-problemi.html)puoi trovare cio' che riguarda l'immagine del SO e dei consigli ottimi come quello di cambiare il file system (se non lo hai gia' fatto) da Fat32 a Ntsf.
Credo che questo passaggio assicuri maggiore stabilita' e minore probabilita' di perdere dei dati.

Circa, poi, il mantenimento dell'harddisk posso solo dirti che l'ultima generazione, come quello che ho comprato, oltre permettere facilmente lo spegnimento, assicurano, col software in dotazione, la sincronia con il disco fisso, backup, ecc...

Da profano credo che i suggerimenti precedenti siano gli unici che ti possano garantire una certa sicurezza.

:bai

Grazie mille... in effetti c'è un file sul mio hard disk esterno "setup.exe" del peso di 512 Kb... ma la prima volta che l'ho aperto 7 ha pensato bene di dirmi "caro, il programma non è installato correttamente, che faccio lo reinstallo seconco le opzioni consigliate?" e io ho detto di si, non vedendo però nessun programma installato ho provato a riaprire il setup, che ora non si apre proprio più.
In ogni caso il file system era già un NTFS, ma non ho trovato nessun sw in dotazione.

@Ganzo123
Ti ringrazio, mi è stata di aiuto nel senso che ho realizzato ciò che sospettavo e cioè che non è normale staccare un hd dalla presa così a crudo senza un interruttore... ora io ce l'ho attaccato ad una ciabatta, ma si fa presto a prendere una tripla lasciarlo acceso sempre.
C'è uan cosa però che mi fa strano: da premettere... io ho una conformazione di questo tipo: quattro USB dietro la tower del computer e due davanti.
Le due davanti le uso per "cose volanti" tipo la chiavetta per internet, le quattro di dietro per le periferiche fisse, come appunto il mio hdd esterno.
Quando collego l'alimentatore, quindi, il mio hard disk è già attaccato al computer.
Seguendo il consiglio di wrongway nel topic segnalato ho voluto lasciare l'hard disk esterno attaccato alla corrente e dovendo fare il contorsionista per mettere le mani dietro la tower del pc ho staccato il cavo usb dalla parte dell'hard disk... beh, l'hard disk si è spento con tutto l'alimentatore attaccato.
Ho voluto provare a fare la stessa cosa staccando l'usb dal pc, stesso risultato.
E quando rimetto l'usb nel pc l'hard disk torna a vivere.
Il che mi fa pensare molto, molto ma molto bene in merito.
Si perchè se il motorino dell'hard disk è fermo l'usb agisce un pò da "interrutore" giusto? in questo caso l'alimentatore rimane attaccato ma praticamente l'hard disk è completamente inattivo... sto sbagliando? A questo punto mi viene da pensare che essendo l'hard disk fermo, anche spegnendo la ciabatta o staccando l'alimentatore non ci dovrebbero essere problemi e non rischio (o meglio, rischio meno) di rovinarlo.

Ho detto una baggianata?

Armandillo
29-09-10, 19: 45
Ho detto una baggianata?

Confermo !! (non la baggianata :ghgh)
Anche il mio si avvia solo quando avvio il pc pur essendo sempre sotto tensione e se "rimuovo" l'hardware dalla barra e poi stacco l'usb, l'harddisk si spegne.

Rimettendo l'usb viene riconosciuto e si riavvia.

:bai

Asterix
29-09-10, 19: 45
Ops scusami, ma solo ora noto che hai necessità di 500 gb

io pensavo a servizi tipo dropbox ma son di gran lunga inferiori alle tue esigenze.
Una domanda ma devi tenere tutti quei dati online sempre.

:bai

( Deep Silence )
29-09-10, 20: 00
Yea, beh che dirMI a parte "sono un imbec***e... per quasi un anno lo staccavo dall'alimentatore ^^' capita di sbagliare ma questo è troppo.
La cosa forte è che ricontrollando sul manuale non c'è traccia di tutta sta roba.

Ultima domanda... the last question... se mi arriva un fulmine che fa saltare tutto durante una notte buia e tempestosa comunque il disco disso rischia di rimanerci vero? insomma sarà addormentato ma è sempre sotto tensione... e se rimuovo l'alimentatore vale il discorso che lo rovino?

THANKS!

------------ post uniti Oggi 20: 06 -------------


Ops scusami, ma solo ora noto che hai necessità di 500 gb

io pensavo a servizi tipo dropbox ma son di gran lunga inferiori alle tue esigenze.
Una domanda ma devi tenere tutti quei dati online sempre.

:bai

Scusa Asterix ma la tua risposta è arrivata dopo il mio refresh... :)
Si beh allora il discorso è che devo accedere a quei dati spesso, peggio è se si considera che ho anche degli elementi indispensabili per lavorare... praticamente io lavoro su dei progetti per cui ho bisogno di accedere ad alcune risorse costantemente.
Terminati questi progetti possono assumere anche la dimensione di 2 GB (attualmente sono fermo, ma considera quando sono "in attività").
Quello che posso io lo tengo su hard disk interno, per esempio i progetti in corso, ma per lavorarci ho comunqye bisogno di prendere dei dati dall'hard disk esterno.
Va a finire quindi che spesso e volentieri salvo direttamente tutto lì... tanto devo accenderlo lo stesso.
Lo so che è tortuoso, ma è così :tap

Armandillo
29-09-10, 20: 06
Se arriva un fulmine.....prega !! :bgg2

Serve anche meno per far saltare qualcosa :sisi
Per stare tranquillo dovresti staccare la spina e spostarla di almeno 1 metro dalla presa a muro !

Come qualcuno ha detto, uno stabilizzatore potrebbe far al caso tuo se vivi in zone soggette a sbalzi di tensione notevoli e in caso d'un fulmine nelle vicinanze potrebbe salvare l'apparecchiatura collegata.

:bai

( Deep Silence )
29-09-10, 20: 11
Se arriva un fulmine.....prega !! :bgg2

Serve anche meno per far saltare qualcosa :sisi
Per stare tranquillo dovresti staccare la spina e spostarla di almeno 1 metro dalla presa a muro !

Come qualcuno ha detto, uno stabilizzatore potrebbe far al caso tuo se vivi in zone soggette a sbalzi di tensione notevoli e in caso d'un fulmine nelle vicinanze potrebbe salvare l'apparecchiatura collegata.

:bai

Si si ovvio... era per esagerare... ahah.
Non vivo in una zona con forti sbalzi ma mi ricordo qualche tempo fa quando non avevo ancora questo hard disk che per tre o quattro giorni durante tutto il giorno c'erano degli sbalzi di tensione, la sera era visibile grazie alle luci, di giorno te ne accorgevi perchè o gli orologi digitali si resettavano o il computer si impallava di brutto...




Per stare tranquillo dovresti staccare la spina e spostarla di almeno 1 metro dalla presa a muro !

Questa, confesso, non la sapevo.
Per me quando qualcosa è staccato è STACCATO, punto... non si smette mai di imparare :P
Ad ogni buon conto anche con hard disk inattivo alimentatore sempre attaccato, confermi?
Ah, e quanto costa uno stabilizzatore? mi sono interessato all'argomento, LOL

Armandillo
29-09-10, 20: 18
Ad ogni buon conto anche con hard disk inattivo alimentatore sempre attaccato, confermi?


Confermo...nel senso che mi e' scomodo staccarlo :sisi non perche' sapessi che potrebbe rovinarlo !! :ehmm

Piccolo OT: e' l'arco voltaico che potrebbe "superare" la distanza di una presa troppo vicina.
Tempo fa cadde un fulmine ad una notevole distanza da dove abito e comunque riuscì a danneggiare un tv e mando' in tilt un videoregistratore !

( Deep Silence )
29-09-10, 20: 25
Confermo...nel senso che mi e' scomodo staccarlo :sisi non perche' sapessi che potrebbe rovinarlo !! :ehmm
Se la pigrizia fosse sil solo problema...

...probabilmente avremmo più danni di quanti non ce ne siano già!

Comunque, :thx :thx :thx di tutto... e che il cielo me la mandi buona fino a che non compro questo stabilizzatore!

wrongway
29-09-10, 20: 49
Seguendo il consiglio di wrongway nel topic segnalato ho voluto lasciare l'hard disk esterno attaccato alla corrente e dovendo fare il contorsionista per mettere le mani dietro la tower del pc ho staccato il cavo usb dalla parte dell'hard disk... beh, l'hard disk si è spento con tutto l'alimentatore attaccato.
Ho voluto provare a fare la stessa cosa staccando l'usb dal pc, stesso risultato.
E quando rimetto l'usb nel pc l'hard disk torna a vivere.
Il che mi fa pensare molto, molto ma molto bene in merito.
Si perchè se il motorino dell'hard disk è fermo l'usb agisce un pò da "interrutore" giusto? in questo caso l'alimentatore rimane attaccato ma praticamente l'hard disk è completamente inattivo... sto sbagliando? A questo punto mi viene da pensare che essendo l'hard disk fermo, anche spegnendo la ciabatta o staccando l'alimentatore non ci dovrebbero essere problemi e non rischio (o meglio, rischio meno) di rovinarlo.

in sostanza lì l'usb controlla lo "spin", ovvero lo fa smettere di girare
è un fatto senz'altro positivo rispetto a tanti altri modelli
lasciando l'alimentatore attaccato comunque l'elettronica è sempre sotto tensione... aspetta solo l'ok dall'usb per rimettere in moto la parte meccanica, ergo:
- vi è pur sempre un minimo di consumo di corrente
- vi è pur sempre il rischio che uno sbalzo di tensione faccia danno

le precauzioni che puoi osservare per lo spegnimento in sequenza sono sempre quelle:
1) utilizzare la "rimozione sicura dell'hardware" (se ti dice che non la può effettuare, allora è meglio spegnere il pc prima di scollegare l'usb)
2) scollegare l'usb
3) togliere la corrente (tramite la ciabatta, o staccando la presa, o se lo colleghi ad un ups spegnendo quello, ovvero quando si spegne tutto l'ambaradan, dato che l'ups di norma protegge dagli sbalzi di tensione)

:bai

( Deep Silence )
29-09-10, 21: 38
in sostanza lì l'usb controlla lo "spin", ovvero lo fa smettere di girare
è un fatto senz'altro positivo rispetto a tanti altri modelli
lasciando l'alimentatore attaccato comunque l'elettronica è sempre sotto tensione... aspetta solo l'ok dall'usb per rimettere in moto la parte meccanica, ergo:
- vi è pur sempre un minimo di consumo di corrente
- vi è pur sempre il rischio che uno sbalzo di tensione faccia danno

le precauzioni che puoi osservare per lo spegnimento in sequenza sono sempre quelle:
1) utilizzare la "rimozione sicura dell'hardware" (se ti dice che non la può effettuare, allora è meglio spegnere il pc prima di scollegare l'usb)
2) scollegare l'usb
3) togliere la corrente (tramite la ciabatta, o staccando la presa, o se lo colleghi ad un ups spegnendo quello, ovvero quando si spegne tutto l'ambaradan, dato che l'ups di norma protegge dagli sbalzi di tensione)

:bai

Grazie wrongway!
Effettuo sempre la rimozione sicura dell'hardware, quello su cui sono "combattuto" è se staccare l'alimentatore o no.
Certo, è un passo avanti se penso che fino a ieri sera staccavo l'alimentatore così con tutta l'usb attaccata.
Immagino, comunque, che ad usb staccata e computer spento la formula casi favorevoli/casi possibili :gogo darà un numero molto minore rispetto a prima...

calaf
30-09-10, 09: 36
Ciao Deep,

Indipendentemente dalle valide considerazioni e consigli che t'hanno porto gli altri amici forummisti ritengo che sia utile non trascurare l'opportunità di una configurazione Raid (http://rik0.altervista.org/technotes/Raid.pdf) utilizzata con rimarchevoli risultati da studi legali e di progettazione da me frequentati.
Ti assicuro che una perdita di dati da parte loro sarebbe un disastro.
Altra soluzione è quella di backup su BD. Tutto sommato 25 GB non sono pochi. Ne esistono anche riscrivibili (http://www.cd-dvd-klastor.com/italia/privati/dvd-hd-blu-ray-bd-re-riscrivibili/dvd-hd-blu-ray-bd-re-riscrivibili-verbatim.html).

wrongway
30-09-10, 11: 10
Immagino, comunque, che ad usb staccata e computer spento la formula casi favorevoli/casi possibili darà un numero molto minore rispetto a prima...
beh... la sfiga è sempre in agguato :lol::ghgh

comunque non esistono casistiche attendibili
i test che vengono effettuati sono sempre con in mente l'ottica "aziendale" ove l'hardware rimane acceso 24/24-365/365, non quella "domestica"
poi è ovvio che è più facile trovare qualcuno con il seagate, il maxtor, il western digital, che lo ha lasciato a piedi, piuttosto di qualcuno che si lamenti di un hitachi (è una questione di numeri... più apparecchi si vendono, più è probabile che qualcuno si guasti...)
ci sarà poi sempre quello che dirà categoricamente che non bisogna spegnerli mai, quello che una volta accesi, non bisogna spegnerli subito, come chi non ha mai avuto alcun tipo di problema indipendentemente da come si sia comportato...

il problema principale è la corrente, difatti il momento critico è sempre quello dell'accensione e dello spegnimento
a orecchio io la differenza la sento, tra lo staccare la spina di un hard disk che sta girando, e lo spegnere un interruttore: il primo hard disk è come se si bloccasse di botto... il secondo sembra un velivolo che plana...
ci sono hard disks esterni che dopo un tot d'inattività fanno quello che fa il tuo quando stacchi l'usb: scollegano la meccanica (ovvero sospendono la rotazione)

al limite se la corrente in casa non salta e non si vuole ricorrere ad un ups, ci sono delle ciabatte che proteggono dalla sovratensione (es. (http://www.eminent-online.com/it/product/149/em3950-multipresa-6-posti.html))
in caso di temporale (io tuoni e fulmini li conto sulle dita di una mano nel corso dell'anno) come detto c'è poco da fare... (lì non c'è ups che tenga) bisogna staccare tutto... anche il cavo del telefono dal modem/router

ad ogni modo, come ti è stato ribadito, e come ti sei reso conto da te, devi per forza di cose mettere a punto una strategia di backup

:bai

( Deep Silence )
30-09-10, 15: 29
Ciao Deep,

Indipendentemente dalle valide considerazioni e consigli che t'hanno porto gli altri amici forummisti ritengo che sia utile non trascurare l'opportunità di una configurazione Raid (http://rik0.altervista.org/technotes/Raid.pdf) utilizzata con rimarchevoli risultati da studi legali e di progettazione da me frequentati.
Ti assicuro che una perdita di dati da parte loro sarebbe un disastro.
Altra soluzione è quella di backup su BD. Tutto sommato 25 GB non sono pochi. Ne esistono anche riscrivibili (http://www.cd-dvd-klastor.com/italia/privati/dvd-hd-blu-ray-bd-re-riscrivibili/dvd-hd-blu-ray-bd-re-riscrivibili-verbatim.html).

Grazie per la risposta calaf.
Allora si, implementare un RAID è stato sempre il mio "sogno", però capirai bene che bisogna mettere in conto delle cose tra i quali i costi.
In quando al backup du BD effettivamente potrebbe tornarmi utile :)




beh... la sfiga è sempre in agguato :lol::ghgh

AAAAAASSSSSSSDDDDDD



comunque non esistono casistiche attendibili
i test che vengono effettuati sono sempre con in mente l'ottica "aziendale" ove l'hardware rimane acceso 24/24-365/365, non quella "domestica"
poi è ovvio che è più facile trovare qualcuno con il seagate, il maxtor, il western digital, che lo ha lasciato a piedi, piuttosto di qualcuno che si lamenti di un hitachi (è una questione di numeri... più apparecchi si vendono, più è probabile che qualcuno si guasti...)
ci sarà poi sempre quello che dirà categoricamente che non bisogna spegnerli mai, quello che una volta accesi, non bisogna spegnerli subito, come chi non ha mai avuto alcun tipo di problema indipendentemente da come si sia comportato...
Dillo a me... ho un hard disk maxtor da 3,5 che dopo aver cambiato pc ho deciso di tenere (100 GB non si buttano) e l'ho adattato a esterno con un box di quelli col bottone, lo attivo quasi ogni giorno (trattato sempre benissimo, rimozione sicura ecc.) e non mi ha mai dato problemi, anzi.
Non chiedetevi "perchè se ha due hard disk si fissa con uno?", perchè i dati su quell'hd sono dati di lavoro "intoccabili", nel senso che non possono essere cancellati e devono restare non alla portata di tutti (e l'hard disk è strapieno, rimangono circa 20 MB :fleurs).



il problema principale è la corrente, difatti il momento critico è sempre quello dell'accensione e dello spegnimento
a orecchio io la differenza la sento, tra lo staccare la spina di un hard disk che sta girando, e lo spegnere un interruttore: il primo hard disk è come se si bloccasse di botto... il secondo sembra un velivolo che plana...
ci sono hard disks esterni che dopo un tot d'inattività fanno quello che fa il tuo quando stacchi l'usb: scollegano la meccanica (ovvero sospendono la rotazione)

al limite se la corrente in casa non salta e non si vuole ricorrere ad un ups, ci sono delle ciabatte che proteggono dalla sovratensione (es. (http://www.eminent-online.com/it/product/149/em3950-multipresa-6-posti.html))
in caso di temporale (io tuoni e fulmini li conto sulle dita di una mano nel corso dell'anno) come detto c'è poco da fare... (lì non c'è ups che tenga) bisogna staccare tutto... anche il cavo del telefono dal modem/router

ad ogni modo, come ti è stato ribadito, e come ti sei reso conto da te, devi per forza di cose mettere a punto una strategia di backup

:bai

backup messo in conto... per il momento ho l'hard disk perennemente in tensione giorno notte pioggia vento che l'orchestra suoni oppure no e ho spostato i dati più importanti sulla partizione D del mio hard disk principale. Ogni tanto farò una sincronizzazione e vedremo un pò.
Ah, quella roba di disattivarsi dopo un certo periodo di inutiilizzo lo fa anche il mio modello tanto che qualche volta mi ha fatto "spaventare" perchè ci metteva tre ore per riattivare la meccanica quando volevo salvarci qualcosa ed essendo comunque abbastanza silenzioso non è che mi rendevo conto subito :P

Perdona se te lo chiedo... ma come si fa a vedere se la ciabatta ha un filtro? C'è scritto qualcosa in particolare?
Scusami ma io di elettronica capisco poco anzi niente... :ehmm

Giusto che non l'ho ancora fatto presente... il mio hd è questo
http://www.e-newtech.it/open2b/var/catalog/b/1071.jpg
e la cosa che mi da più sullo stomaco è la copertura di plastica con le prese d'aria sotto ^^'

wrongway
30-09-10, 17: 58
ma come si fa a vedere se la ciabatta ha un filtro? C'è scritto qualcosa in particolare?
le specifiche sono dichiarate sulla confezione
se si ha già una ciabatta e non si è sicuri che offra quel tipo di protezione, cercando marca e modello su internet, le specifiche dovrebbero saltare fuori

e la cosa che mi da più sullo stomaco è la copertura di plastica con le prese d'aria sotto ^^'
è essenziale che non si scaldi eccessivamente
nella discussione linkatati, su quell'hard disk esterno ancora un po' e ci si potevano cuocere le uova! :shock:ghgh
prova a monitorarla con HDDScan (http://hddscan.com/) (se il "Temperature Monitor" riesce a rilevarla)

( Deep Silence )
30-09-10, 20: 14
le specifiche sono dichiarate sulla confezione
se si ha già una ciabatta e non si è sicuri che offra quel tipo di protezione, cercando marca e modello su internet, le specifiche dovrebbero saltare fuori

è essenziale che non si scaldi eccessivamente
nella discussione linkatati, su quell'hard disk esterno ancora un po' e ci si potevano cuocere le uova! :shock:ghgh
prova a monitorarla con HDDScan (http://hddscan.com/) (se il "Temperature Monitor" riesce a rilevarla)


Lo monitoro quotidianamente con Everest (versione Ultimate) la temperatura resta costante sui 49°C dopo diverso tempo dal collegamento usb :sisi

principe andry
01-10-10, 00: 04
Lo monitoro quotidianamente con Everest (versione Ultimate) la temperatura resta costante sui 49°C dopo diverso tempo dal collegamento usb :sisi

mica è poco :m:
Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro. La temp dovrebbe stare circa a +10°C della temp ambiente. Magari poco più visto che è esterno.
Non credo che faccia più di 25° nella stanza, quindi 40° sarebbe già una temp da tenere a bada, non dico massima, ma insomma.... Intendo comunque in idle...

:bai

prescy
01-10-10, 01: 10
conosco sia unlocker sia LockHunter, il problema è che unloker su xp va una bomba e anche su vista ho potuto vedere buoni risultati, ma su Seven mai funzionato,

hai mai provato USB Safely Remove (http://safelyremove.com/)?
è molto buono e secondo me più potente di Unlooker e inoltre puoi sconnettere e poi riconnettere le unità senza ricollegare fisicamente le porte USB che a volte è utile (non so se gli altri programmini lo fanno :m:)
io gli hard disk esterni che non uso molto li tengo spesso a riposo e poi quando mi serve gli attivo con quel programmino (senza passare per altre procedure più macchinose) e nonostante siano sempre sotto tensione la meccanica non è sollecitata


Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro

quoto! basta tenerlo alzato anche di poco in modo che circoli l'aria sotto e quindi si disperda il calore
un piccolo accorgimento che però stressa molto meno l'hard disk

come ultima cosa se valuti l'acquisto di un altro hard disk io quasi quasi opterei per un unità interna iinvece che esterna, che penso mi garantisca meno rischi e alla fine anche più durata

però c'è da valutare un altro aspetto
molte case produttrici di hard disk ormai garantiscono i loro prodotti dai 2 o tre anni, per quelli esterni di sicuro è cosi mentre per quelli interni ora come ora non saprei con certezza
quindi se ti si rompe questo ti viene cambiato quasi sicuramente a meno che non si bruci per via di un fulmine e in quei casi loro non coprono
ti dico questo perchè a me è successo sia con un Maxtor che con un Seagete che si sono rotti quasi al termine del loro rispettivo periodo di garanzia e che mi sono poi stati sostituiti con due di nuovi e di qualità migliore pure allo stesso prezzo ... :ghgh
quindi se sei fortunato puoi andare avanti molti più anni con un unico aquisto ... :bgg2
certo che devi cautelarti con dei costanti buckup per non perdere tutto

però se per il momento non ti attrezzi di backup tipo raid su dei server NAS (uso domestico) la soluzione hard disk interno rimane quella che mi da maggiore sicurezza

:bai

( Deep Silence )
01-10-10, 13: 13
mica è poco :m:
Visto che le prese d'aria stanno sotto, cerca di tenerlo sollevato con dei gommini o altro. La temp dovrebbe stare circa a +10°C della temp ambiente. Magari poco più visto che è esterno.
Non credo che faccia più di 25° nella stanza, quindi 40° sarebbe già una temp da tenere a bada, non dico massima, ma insomma.... Intendo comunque in idle...

:bai
Vero anche questo, in effetti il mio HITACHI interno non supera mai i 39° e se dico mai voglio dire proprio mai.
I gommini quel modello li ha ma non sono certo ideati per tenere l'hard disk sollevato, penso sia più un fatto di sicurerezza per non farlo scivolare.
Comunque mi hai dato un'idea... ho preso due custodie di CD (soluzione provvisoria) e le ho piazzate all'estremità dell'involucro, poi l'ho appoggiato su in modo da tenerlo sollevato.
Ora è collegato via usb da pochi minuti, everst mi segna una temperatora di 33° per il momento. Vediamo.



hai mai provato USB Safely Remove (http://safelyremove.com/)?
è molto buono e secondo me più potente di Unlooker e inoltre puoi sconnettere e poi riconnettere le unità senza ricollegare fisicamente le porte USB che a volte è utile (non so se gli altri programmini lo fanno :m:)
io gli hard disk esterni che non uso molto li tengo spesso a riposo e poi quando mi serve gli attivo con quel programmino (senza passare per altre procedure più macchinose) e nonostante siano sempre sotto tensione la meccanica non è sollecitata

No, sinceramente mai provato, ma grazie del suggerimento :)
Alora il discorso è che io lo uso molto spesso, lo tengo sempre sotto tensione ma fortunatamente come scritto in un precedente post la meccanica si ferma con lo scollegamento dell'USB per poi riattivarsi in automatico, quindi preferisco andare avanti così almeno per ora.



quoto! basta tenerlo alzato anche di poco in modo che circoli l'aria sotto e quindi si disperda il calore
un piccolo accorgimento che però stressa molto meno l'hard disk

come ultima cosa se valuti l'acquisto di un altro hard disk io quasi quasi opterei per un unità interna iinvece che esterna, che penso mi garantisca meno rischi e alla fine anche più durata

però c'è da valutare un altro aspetto
molte case produttrici di hard disk ormai garantiscono i loro prodotti dai 2 o tre anni, per quelli esterni di sicuro è cosi mentre per quelli interni ora come ora non saprei con certezza
quindi se ti si rompe questo ti viene cambiato quasi sicuramente a meno che non si bruci per via di un fulmine e in quei casi loro non coprono
ti dico questo perchè a me è successo sia con un Maxtor che con un Seagete che si sono rotti quasi al termine del loro rispettivo periodo di garanzia e che mi sono poi stati sostituiti con due di nuovi e di qualità migliore pure allo stesso prezzo ... :ghgh
quindi se sei fortunato puoi andare avanti molti più anni con un unico aquisto ... :bgg2
certo che devi cautelarti con dei costanti buckup per non perdere tutto

però se per il momento non ti attrezzi di backup tipo raid su dei server NAS (uso domestico) la soluzione hard disk interno rimane quella che mi da maggiore sicurezza

:bai
Ti dò ragione, infatti in uno dei primi posto ho specificato che se un altro hard disk prenderò sarà interno, anche perchè è perfettamente adattabile ad esterno con un box di quelli da una quindicina di euronin alluminio e raffreddati sicuramente meglio.
Questo hard disk era a prezzo davvero da occasione, io cercavo spazio e... :sisi

Per quanto riguarda il backup, mi sto attrezzando.
Già è meglio tenere due copie dei dati più importanti (una su disco principale e una di riserva su HD esterno)


[EDIT 14:01]
Anche con hard disk leggermente rialzato si va su temperature altine, siamo a 47 (adesso aumenta molto lentamente, ma aumenta).
Probabilmente dopo un annetto la ventola inizia a "cedere" un pochino.
Sento l'aria calda fuoriuscire da sotto le prese d'aria adesso provo ad alzarlo ancora un pochino, sennò pace, ho letto sulla discussione linkata sulla prima pagina che la temperatura critica si aggira sui 65°C. Da non dimenticare poi che l'involucro è di plastica e non di alluminio...

principe andry
01-10-10, 16: 32
Se 49° non erano pochi, gli attuali 47° non cambiano sostanzialmente la storia...
Le prese d'aria e la ventolina, sono pulite? Purtroppo più di tanto non si può fare.
Il fatto che abbia la scocca di plastica, di certo non aiuta.

Ma la ventolina, butta aria dentro e questa esce dalle feritoie in basso?
Non mi sembra una configurazione ottimale... Sarebbe il caso che la ventolina estraesse l'aria calda interna, e che quella fresca entrasse da quelle feritoie...

:bai

( Deep Silence )
02-10-10, 13: 15
Se 49° non erano pochi, gli attuali 47° non cambiano sostanzialmente la storia...

Eh si, anche perchè dopo un pò si arriva ancora a 49° :)



Le prese d'aria e la ventolina, sono pulite? Purtroppo più di tanto non si può fare.
Il fatto che abbia la scocca di plastica, di certo non aiuta.

Le prese d'aria sono pulite, le ho anche rilupite ma non c'era niente da togliere



Ma la ventolina, butta aria dentro e questa esce dalle feritoie in basso?
Non mi sembra una configurazione ottimale... Sarebbe il caso che la ventolina estraesse l'aria calda interna, e che quella fresca entrasse da quelle feritoie...
:bai
Sinceramente questo non te lo so dire con certezza, ma non è che sento esattamente fuoriuscire aria calda... sento un passaggio d'aria tutto qui, effettivamente non è che sento buttar fuori aria calda, ma è altrettanto vero che aria calda non ne sento uscire da nessuna parte proprio.

Se una cosa "buona" volgiamo trovare è che oltre i 49°C non si va.
Azzarderei a dire che la "colpa" è della scocca di plastica che sicuramente tratterrà un bel pò di calore all'interno.
Il Maxtor da 100 GB che ho adattato ad esterno USB ha cinque anni di cue quattro come esterno e non va mai oltre i 40/42 proprio perchè secondo me il box è in alluminio.

sheva777
02-10-10, 17: 20
ciao

mio modesto parere su quel box, e' di pessima costruzione, i seagate scaldano pareccho e metterli in un risicato box di plastica, vuol dire non avere le idee chiare.
per dei dati di importanza vitale, credo che nel limite del possibile non si debba stare troppo su prodotti economici.
ti consiglio un box per 2 dischi con connessione almeno eSata, la normale usb e' lenta e spesso da problemi, detto box deve poter essere configurato in raid in modo da avere gli stessi dati su due dischi, ne schiatta uno non perdi nulla.
secondo me i dischi migliori per riporre i dati sono i wd della serie green power, non sono dei fulmini di guerra ma scaldano pochissimo (del resto nel tuo caso non devono fare il boot del pc o avere il sistema operativo
installato).
questo esempio di box, mi pare un buon compromesso tra economicita' e qualita' delle sue caratteristiche.
c'e' anche il modello con interfaccia usb 3.0, ma ovviamente devi avere una porta di questo tipo nel pc.
http://www.drako.it/drako_catalog/product_info.php?products_id=7422
http://www.drako.it/drako_catalog/product_info.php?products_id=7778
ora sta a te valutare quanto valgono i tuoi dati e la tua tranquillita', con questo box e 2 dischi da 1 tera, spendi circa 200€

ciao :bai

Kirk
28-12-10, 11: 41
Ci avevano mandato un avviso di aggiornamento firmware]Ci avevano mandato un avviso di aggiornamento firmwareScusami ma..questa non l' ho capita.. cioè che 1 backup su 1 solo HD non sia sicuro ok, ma un aggiornamento firmware non cambia sostanzialmente le cose, o perlomeno non si perdono tutti i dati solo per quello.

Tutto puo' partire, sia Hardware..che un sito web dove si sono uploddati files importanti! Per questo piu' copie danno garanzie maggiori.

Ah..e per i dvd, non fatene troppo affidamento, o perlomeno dopo 2-3 anni rifate una copia, qualsiasi masterizzazione "non tiene" come se fossero originali.