PDA

Visualizza versione completa : Avete mai assaggiato piatti a base di animali "esotici"?



vane
10-09-10, 15: 27
Oggi con amici appena tornati dal Madagascar (poverini eh!) mi sono ritrovata a discutere della cucina esotica, più che altro dell'abitudine di molte culture di cucinare animali che noi non ci sogneremmo mai di mangiare. Insetti, serpenti, iguane (in generale tutti gli altri rettili/anfibi), vermi...per finire poi con particolari mammiferi (non parlo degli animali da compagnia (sigh!) quanto di carne di cammello, balena, scimmia...).

Io non ne ho mai avuto l'occasione ma sinceramente non credo che riuscirei mai a mangiare certe specie d'animali. Quando vedo video di gente che mangia insetti fritti oppure mangia ciò che cucinano alcune tribù cambio canale. E' un mio limite, non riesco a non pensare "Oddio che schifo, che schifo, che schifo". http://s6.imagestime.com/images.php/i1966_heeeeelp.gif

Voi che esperienze avete avuto in proposito?

Mafalda
10-09-10, 16: 01
Voi che esperienze avete avuto in proposito?

Nessuna, fortunatamente:lol:
Non credo proprio che riuscirei a tirar giù niente del genere, anche se poi sono dei preconcetti, visto che probabilmente sono buoni. Nel senso: io mangio le lumache e mi piacciono tanto. Se ci si pensa fanno un pò senso ma sono abituata a mangiarle da quando ero piccina. Se avessi mangiato scorpioni da quando avevo cinque anni adesso per me sarebbe una cosa normale come mangiar le lumache.
Se ora però avessi davanti un piatto di scorpioni in umido penso che potrei svenire per lo schifo.

vane
10-09-10, 16: 21
Nel senso: io mangio le lumache e mi piacciono tanto. Se ci si pensa fanno un pò senso ma sono abituata a mangiarle da quando ero piccina.
Bleeeeeh! http://www.emoticons.free.fr/smileys/Default/tongue.gif Da piccolina quando pioveva aiutavo i miei a coglierle in campagna...loro le pulivano, le cucinavano e le congelavano. Non sono mai riuscita a mangiarle, sono troppo viscide da vive (infatti non mangio nemmeno ostriche e molluschi vari). So che probabilmente sono buone, o meglio per lo meno non fanno schifo, però l'aspetto è troppo brutto, è più forte di me.

Da piccina la pietanze più "esotiche" che sono riusciti a farmi mangiare (dietro ricatto ovviamente, non volevamo farmi vedere i cartoni) sono gli involtini e il pollo alle mandorle cinesi, che adesso però non mangio più perché il solo odore di cucina cinese mi fa venire la nausea, troppo olio, troppe fritture.

Comunque è chiaro che se fossimo nate, che so, in tribù africane o del sud-est asiatico probabilmente avremmo mangiato e gustato tanti animali strani.

ps: per la cronaca, i miei amici hanno assaggiato carne d'iguana, arrostita direttamente sul fuoco (non in padella e quindi senza spezie, senza alcun condimento) e l'hanno trovata paragonabile alle carni bianche, un po' sciapa ma mangiabile. :ghgh

Andy86
10-09-10, 16: 28
Io non ne ho mai avuto l'occasione ma sinceramente non credo che riuscirei mai a mangiare certe specie d'animali. Quando vedo video di gente che mangia insetti fritti oppure mangia ciò che cucinano alcune tribù cambio canale. E' un mio limite, non riesco a non pensare "Oddio che schifo, che schifo, che schifo". http://s6.imagestime.com/images.php/i1966_heeeeelp.gifFinché si tratta di insetti vale anche per me... :sisi

Magari il cammello e la scimmia sono pure buoni... :boh
Il primo lo mangia anche jackie chan in rush hour.

La balena è specie protetta, quindi non se ne parla.:whip

Comunque per il momento la risposta la sondaggio rimane :nono.


Se ci si pensa fanno un pò sensoQuelle però quando cuociono diventano nere (almeno quelle che fa mia nonna) e non fanno schifo come da vive;
fermo restando che non le ho mai assaggiate (basta la parola :ehmm).

:bai

MarcoStraf
10-09-10, 17: 53
Crescituo in una citta' di mare, venni subito abituato a mangiare pesce (inclusi frutti mare) crudo, appena pescato, lavato con acqua di mare e lasciati asciugare al sole in modo da restare salati. Per cui non ho preconcetti a mangiare, potrei ingerire qualsiasi cosa (e infatti lo faccio abitualmente) In genere nei miei viaggi riesco a stupire un po' tutti, inclusi i "locali", perche' non mi tiro dietro a niente, magari solo per assaggiare, non tutto e' buono.... anzi. Vi assicuro che alligatori e serpenti non sono buoni per nulla (mangiabili, ma niente di piu')

Del resto, e' questione di abitudine. Per esempio noi italiani amiamo certi tipo di gorgonzola il cui odore di petrolio fa arricciare il naso a molta gente, e molte persone dell'Asia non lo toccano neppure ma scappano inorridite.

Non e' un cibo "animale", ma in Giappone andavo pazzo per il natto:
natto - Google Search (http://www.google.com/images?q=natto&oe=utf-8&rls=org.mozilla:en-US:official&client=firefox-a&um=1&ie=UTF-8&source=univ&ei=OFOKTK-lGYOglAf1q4nBDA&sa=X&oi=image_result_group&ct=title&resnum=6&ved=0CFAQsAQwBQ&biw=1020&bih=718)
Solo a guardarlo, sembra uscito da un film dell'orrore, con quei filamenti che paiono ragnatele (infatti sono fermenti) e l'odore e' molto pungente (ma niente a confronti di certi formaggi) ma vi assicuro che e' delizioso (se vi piacciono i semi di soya) e ha un alto contenuto nutritivo, e' ricco di proteine e vitamine, e viene consigliato per la cura di molte malattie.

Lo Zio T
10-09-10, 19: 32
Alla fine è questione d'abitudine.

Se mangi certi pietanze fin da piccolo (ad esempio i serpenti), allora continuerai farlo anche in futuro, in caso contrario, c'è sempre quel velo di diffidenza verso una tipologia di cibo differente a quella che siamo abituati a vedere di solito.

Ad esempio, se non avessimo mai mangiato pesce da piccoli, non ci sogneremmo mai di assaggiarlo, figuriamoci a mangiarlo.

Chiaro che non è una regola, perchè può anche darsi che il serpente ti lascia un gusto in bocca che non sopporti e non riesci a mangiarlo, ma questo vale anche per i nostri piatti (c'è sicuramente una tipologia di pesce o di frutta o di verdura o di primo che non ci piace o addirittura ne siamo allergici).

P.S. no, non ho avuto nessun tipo di esperienza diretta per quanto concerne la cucina di animali esotici

:bai

Lilirose
10-09-10, 23: 57
le rane e le lumache contano come animali esotici? :ghgh

comunque ancora ai serpenti e al "semifreddo di cervello di scimmia" (cit. :bgg2) non ci sono arrivata, però non nego che sarei molto curiosa di provare qualche carne strana, magari di serpente...non provo nessun tipo di repulsione a pensarci;
poi ovvio come dice lo Zio che puoi assaggiarla e può non piacrti affatto, ma prima appunto dovrei provarla, non ho nessun tipo di preconcetto :hap
(anche perchè ho questa idea che le carni si assomiglino tutte e che "decontestualizzate" neanche riusciremmo a capire che si tratta di un animale esotico, però non avendo provato non lo so con certezza :tong2)

MarcoStraf
11-09-10, 00: 22
... ho questa idea che le carni si assomiglino tutte ...
Permettimi di dissentire.
Le carni sono molto diverse l'una dall'altra, addirittura sono diverse le parti di uno stesso animale.
Prendi per esempio la carne di manzo: i vari tagli (equivalenti a diverse parte dell'animale) come Filet Mignon, T-Bone, New York, Rib eye, Shank, Sirloin e Tenderloin (per nominare quelli che mangio abitualmente, non so i termini italiani equivalenti, scusate) sono completamente diversi l'uno dall'altro. E' diverso sia il sapore che la consistenza, e' diversa la quantita' di grassi, di fibre, di nervi, di sangue e via dicendo.
Senza contare poi altri parti, come la lingua, le orecchie, le guance, il fegato (che non e' carne per nulla) e gli intestini (ahh.... un bel piatto di trippe...)

Va be'... lo avete capito che non sono vegetariano... :)

Lilirose
11-09-10, 02: 06
ma probabilmente è anche questione di "educare" il palato a queste differenze, io (che come dice sempre una mia amica ho un "palato primitivo" :bgg2) ti confesso che a volte trovo difficile perfino distinguere una fettina di maiale da una di manzo, o una di tacchino da una di pollo....anche le rane fritte se non sapessi che sono rane e non le vedessi così piccoline le scambierei tranquillamente per pollo :ehmm

MarcoStraf
11-09-10, 02: 18
ma probabilmente è anche questione di "educare" il palato a queste differenze, ...
Ti assicuro: non ci vuole molto. Specialmente perche' la differenza non e' solo nel sapore, ma anche nella consistenza, ossia a come la carne si comporta quando la si mastica.
Ma e' meglio che la smetta di parlare di cibo. Adesso da me sono le 5 del pomeriggio... devo partire dall'ufficio (ho ancora qualche email da mandare) e fermarmi in palestra prima di andare a casa a prepapare da mangiare... :)

Mafalda
11-09-10, 09: 18
"decontestualizzate" neanche riusciremmo a capire che si tratta di un animale esotico

Ma infatti il problema principale da adulti è di tipo visivo. Se non sai di cosa si tratta non credo che ci siano particolari problemi a tirar giù un boccone ed assaggiare. Se invece sai o vedi cosa è, il preconcetto e la "schifiltosità" hanno gioco facile.
Certo però che quando poi quando ti dicono cosa avevi nel piatto.....:znc

DeST
11-09-10, 17: 24
La mia è una preoccupazione allergica... essendo un soggetto allergico evito di mangiare cose di cui non conosca la reazione...
Non si sa mai!!!

Armandillo
11-09-10, 19: 45
:bai a tutti

Sono arrivato tardi ma recupero :hap

Il massimo qui in Italia, come diversi di voi, era rappresentato dalle lumachine al sugo (squisite) e non sono andato oltre mentre all'estero mi e' capitato di assaggiare il brodo di tartaruga...:ehmm:ehmm

Lo so, in quel periodo ancora non avevo sviluppato una coscienza "ambientalista/animalista" ritenendo l'animale tale e quale agli altri !
Ora non lo rifarei mai !
Comunque, per inciso, era veramente squisito come dicono :sisi

Nello stesso viaggio mi sono sbizzarrito con piatti di cucina locale, come credo sia giusto fare per capire gusti e usanze diverse dalle nostre, quindi alghe e rane sono entrate in un menu' particolare ma senza trarne piacere...direi proprio sapori neutri e non esaltanti.

Di cibi ancora piu' al "limite" ne farei volentieri a meno anche se capisco che possono essere diversi i fattori che costringono a sviluppare cucine che a noi fanno ribrezzo ma che altrove rappresentano la normalita'.

Se si pensa alle popolazioni che vivono nelle giungle o a quelle che per necessita' si sono dovute adattare magari a quel poco che la natura offriva, beh, allora si spiegano tanti gusti indigeni e per noi rivoltanti :hap

:bai

juanita
18-09-10, 08: 54
gran bel sondaggio...:eye credo che bisogni "disturbare" la psicologia ...come è già stato detto varie volte ...in Italia siamo talmente abituati a mangiare determinata carne fin da piccoli che non ci passa neppure per l'anticamera del cervello di provarne una diversa(anzi a me si chiude proprio lo stomaco se so di dover magari provare altro che non sia commestibile da noi) q uesto a mio parere proprio per un concetto psicologico che abbiamo... sono sicurissima che in altre parti del mondo dove mangiare iguane equivale a mangiare pollo gli si chiude lo stomaco al solo pensiero di mangiare vitello :bgg2
altra cosa per cui dico che si disturba la psicologia è che tendi ad associare l'animale che hai nel piatto all'immagine dell'animale vivo,motivo per cui non mangerei mai lumache che tanto maffy adora ....l'unico modo per farmi provare qualcosa do nuovo è che non mi dicano cosa sto mangiando... e a questo proposito vi racconto un aneddoto di quel che mi è successo.... la mamma del mio fidanzato(attuale marito) una volta i ha invitato a pranzo,credo fosse una delle prime volte...mi ha detto...ti va di fermarti da noi a mangiare? oggi ho fatto pollo alla milanese...alla fine ...quando avevo bevuto anche il caffè mi ha detto...lo sai che ti sei mangiata in realtà?ti sei mangiata rane....:hap beh immagino che ora se nel listino di un ristorante ci fossero rane non avrei difficoltà ad ordinarle ,dato che il sapore mi era piaciuto...cosa che non farei se ci fosse scritto "iguana al salmì" :bgg2

Rodolfo Tatana
21-09-10, 18: 35
io mangio le lumache e mi piacciono tanto

le lumache non sono buone, sono straordinarie, fatte con un sughettino piccantino, mmmm..divine!!
io mangio qualsiasi cosa, penso che riuscirei a mangiare anche cavallette o rinoceronti o pipistrelli, non ho esperienze dirette di carni esotiche ma non avrei problemi ad assaggiarle, l'unica discriminazione la farei su specie in via di estinzione come balene, leoni, serpenti rari (ho sentito che negli usa c'è un ristorante che serve carne di leone e adirittura un allevamento, non so se sia vero), una persona che odio abbastanza è Edward Bear quello che fa wild oltrenatura e fa finta di esplorare foreste vergini mangiando qualsiasi animale gli capiti tra le mani senza averne un effettivo bisogno, ragni rari, addirittura una anaconda..potrei giustificarlo se avesse davvero bisogno di mangiare per la fame, ma quello è solo uno show che coinvolge animali esotici e non mi va giu, comunque sto seriamente pensando di diventare vegetariano

vane
21-09-10, 18: 55
OT Rodolfo forse intendi Bear Grylls?

http://i491.photobucket.com/albums/rr277/Nolligan/bear_grylls_mordor.jpg

Quanto mi piace quest'uomo. http://www.interfans.org/forum/images/smilies/in.png Se mi perdessi nella giungla o rimanessi sola su un'isola deserta resisterei 3 giorni, cambio canale quando cattura gli animali più disparati perché mi fanno senso le budella o la visione di lui che mangia insetti. E' brutto quando uccide tipo tartarughe...ma se lo fa c'è chi gli ha dato l'autorizzazione per farlo. E' lì il problema.

Io in pratica sono semi-vegetariana data la pochissima carne (o pesce) che mangio però non rinuncerei ad alcune proteine animali (più che altro a cibi a base di uova e latte).

Tornando IT...'ste lumache vi piacciono tanto (vabè che se piacciono pure ai francesi...), ma non vi fa un po' senso ammazzarle e poi mangiarle. Cioè voglio dire, sicuramente se vedessi le condizioni igieniche in cui sono tenuti gli animali da macello probabilmente per un po' eviterei di mangiare carne, proprio perché ho quelle immagini negli occhi. A voi non accade con le lumache? :m:

MarcoStraf
21-09-10, 20: 19
...'ste lumache vi piacciono tanto (vabè che se piacciono pure ai francesi...), ma non vi fa un po' senso ammazzarle e poi mangiarle.
Che differeneza c'e' tra l'uccidere e mangiare un pollo o una aragosta? Sono animali, se uno non li vuole mangiare vivi, li deve pure uccidere prima...
La lumaca e' un mollusco come lo sono seppie, calamari e vongole (e la carne e' molto simile), ma nessuno si fa problemi con loro.

Armandillo
25-09-10, 13: 54
Tutto e' relativo !

Abitudini, usi, necessita', clima, territorio, cultura....credo che ognuna di queste voci incida nelle differenze alimentari.

Ospitando un venezuelano portai a tavola dell'insalata fresca e mi stupii quando lui, naso arricciato, osservo' quasi con raccapriccio quel contorno vanto della cucina mediterranea

Ebbene, mi spiego', come da loro quell'insalata sarebbe stata immangiabile per l'altissimo contenuto di insetti, acari e quanto altro !

L'immagine dell'animale esotico che qui conosciamo appartiene solo all'aspetto televisivo e non avendo conosciuto bisogni di sopravvivenza ci pare "follia" quando osserviamo cibarsi di simili animali :sisi

I nonni ancor oggi raccontano del periodo della guerra e della conseguente sparizione di gatti e perfino topi....:shock.....altro che lumachine !!! :hap

:bai

Kirk
27-11-10, 20: 44
Beh io mio paesino si chiama "città della lumaca" , c'è scritto anche sul cartello della località, c'è la sagra in agosto dunque sulle lumache figuriamoci, da piccolo andavo anche con mio padre dopo la pioggia a cercarle, viene gente da tutta la regione quando c'è la sagra per il tipico piatto che prende il nome del paese..

Su altro, beh avendo viaggiato ho provato varie cose, siamo nel paese dove si mangia meglio ma quando sei fuori, la pasta e la pizza o te la fai tu o meglio adeguarsi, premesso che la carne da noi non sa di niente, ovviamente perche' non cresciuta allo stato brado.

anche le rane fritteBeh normali anche quelle, se nel mio paesino c'è quella della lumaca, in uno a 4 km c'è la sagra della rana..sono ottime, anche in umido, il problema e' che ce ne sono sempre meno..

Parlando di cose veramente esotiche vediamo.. ho mangiato coccodrillo, tartaruga (ottima!) , una zuppa cinese alle alghe, anche se il cinese qui ormai lo evito, vario pesce crudo alla giapponese, conchiglie che non so che erano, appena pescate e vendute in spiaggia in una ciotolina (ottime), e che, nonostante le abbia mangiate diverse volte, mai mi hanno causato dolori di pancia.. poi beh, canguro e struzzo li ho mangiati qui visto che arrivano.

Insomma sono per il "si prova di tutto" e che son tutte quelle pippe :lol:

Le uniche titubanze le avrei forse per degli insetti, ma li avrei assaggiati se me li avessero fatti.. ci sono specie molto buone fritte.


ma non vi fa un po' senso ammazzarle e poi mangiarleMa parli della bava?? Vanno comunque spurgate giorni prima, lasciandole in una gabbia a digiuno, per il resto, come detto da Marco, sono molluschi come quelli marini..


Ospitando un venezuelano portai a tavola dell'insalata fresca e mi stupii quando lui, naso arricciato, osservo' quasi con raccapriccio quel contorno vanto della cucina mediterraneaIn altri paesi sudamericani e' normale, e' vero che di solito piu' che con l' insalata verde, loro le insalate se le fanno solitamente con altre verdure, come pomodori, cetrioli, cipolla, avocado e altre verdure del posto.

comunque sto seriamente pensando di diventare vegetarianoMa ti sei fatto prendere da qualche dottore vegetariano? :ghgh

Ma lascia stare va', fatti una bella costata di vacca vissuta allo stato brado (non le nostre) e cotta al sangue, che e' meglio :ghgh

Rodolfo Tatana
02-12-10, 12: 14
Ciao giovani mi sono perso queste notifiche :triste


OT Rodolfo forse intendi Bear Grylls?

si vane proprio lui, che sia un gran fico fisicamente è fuori discussione, ma chi ama la natura non fa le scemenze che fa lui, amare la natura non significa dover mostrare a tutti i costi il dominio delle specie umana su ogni altra, ci vuole un po di rispetto, anche dei luoghi, e oltretutto quel programma lo trovo falsissimo, far finta di mangiare cavallette e poi a telecamere spente ti mangi quello che registi e staff ti hanno portato per la spedizione, ma vada a pendere in giro qualcun'altro, lo butterei volentieri in vigna poi vediamo se un uomo occidentale sopravvive mangiando api mantidi religiose lumache e formiche, io credo lo troverei stecchito dopo pochi giorni


E' brutto quando uccide tipo tartarughe...ma se lo fa c'è chi gli ha dato l'autorizzazione per farlo. E' lì il problema.

sicuro, se anche bear si rifiutasse ne trovano altri 10000 pronti a mangiare anaconde, il problema non è bear in se, ma visto che adesso c'è lui io me la prendo con lui


Tornando IT...'ste lumache vi piacciono tanto (vabè che se piacciono pure ai francesi...), ma non vi fa un po' senso ammazzarle e poi mangiarle. Cioè voglio dire, sicuramente se vedessi le condizioni igieniche in cui sono tenuti gli animali da macello probabilmente per un po' eviterei di mangiare carne, proprio perché ho quelle immagini negli occhi. A voi non accade con le lumache?

sfatiamo un po il mito delle condizioni igeniche degli animali da allevamento, ogni specie ha la sua microflora e grazie ad essa vive! basti pensare che il genere umano ospita nella sua pelle 7 specie su 8 di stafilococchi, ce ne sono alcuni buoni e altri cattivi, basti pensare che l'intestino animale, insieme al suolo, è il maggior produttore di batteri del mondo, immagina un allevamento di vacche, defecano a pochi metri da dove mangiano, camminano nella loro stessa merda, ma è una contaminazione naturale, è normale, e meno male che c'è!! quando una pecora fa la cacca rilascia nel terreno miliardi di batteri lattici che consentono alle produzioni animali e vegetali di ottenere livelli di qualita' incredibili! basti pensare ai formaggi, ma prima ancora al loro latte, un latte sanissimo di alta qualita' contiene minimo 1 milione di batteri per millimetro cubo, il mio proff dopo un'ora di lezione ci faceva passare la voglia di mangiare fino a quando abbiamo capito che tutto cio' è cosa buona, quindi non lasciarti influenzare dalle apparenze, dalla sporcizia che un qualunque inesperto puo' vedere in un allevamento, è normale, l'importante è che in fase di macelazione si mantengano certe procedure, haccp, una sequenza ben precisa nella macellazione, acqua calda, coltelli sterilizzati, personale non contaminante (pensa che se hai il raffreddore non puoi entrare in un macello, se ti scappano i bisogni è meglio non andare al bagno mentre sei a lavoro) ambienti studiati e realizzati appositamente, tutto questo solo per dire che l'ultima cosa di cui puoi' avere paura in italia è la scarsa igiene delle carni, noi abbiamo la normativa piu severa del mondo

tornando alle lumache, non sono esperto del settore ma immagino che siano allevate in ottime condizioni, quelle che invece trovi dopo una giornata di pioggia immagino siano comunque pulite e che non si corrano rischi per la salute, a meno che non ci sia un inquinamento del suolo dovuto ad altre cause, che ne so un petrolchimico a 500 metri

ucciderle: come dice kirk le lasci qualche giorno a spurgare, poi dentro una padella alta le bollisci, e poi ci fai quel che vuoi..come si cucinano i granchi piccolini, granchietti, si bolliscono ancora vivi, come si fa per le aragoste fresche, certo che non deve essere il massimo morire cosi di questo mi rendo conto e qui ogni tanto mi viene da pensare, i granchi sono ottimi con il pomodoro e poi ci fai la pasta, la cosa migliore sarebbe prenderli vivi a spaccarli in due, una padellina un filo d'olio un po d'aglio e poi 5 pomodorini ne esce una roba divina, io pero' non ce la faccio a spaccarli in due ancora vivi e preferisco bollirli


Ma parli della bava??

a proposito di bava, e grazie a kirk per aver sottolineato questa cosa..i dietologi affermano che mangiare lumache protegge contro ulcere e gastriti in generale, proprio in virtu della loro bava, che forma uno strato protettivo che aiuta la mucosa gastrica a proteggere le pareti delllo stomaco dall'acido cloridrico, niente i straordinario ma è impossibile avere una gastrite dopo aver partecipato a una sagra delle lumache


Ma ti sei fatto prendere da qualche dottore vegetariano?

Ma lascia stare va', fatti una bella costata di vacca vissuta allo stato brado (non le nostre) e cotta al sangue, che e' meglio

kirk non sono ancora diventato vegetariano, vivo con i miei e i miei sono gente cresciuta a pane e lenticchie e la carne la vedevano una volta al mese pero' adesso se non c'è una bisteca a pranzo e a cena pensano che non si sia mangiato, io dico che il troppo stroppia, il sabato agnello, la domenica maialletto, il lunedi' pesce che qui si pesca, il martedi pollo, il mercoledi salsiccia, il giovedi bistecca, il venerdi pancetta e da sabato si ricomincia da capo, in estate piu pesce in inverno piu carne, con le proteine che mangia un occidentale in un solo giorno si sfamerebbe un africano per quasi una settimana, è troppo gia vedendola da questo punto di vista e senza poi considerare i danni ai reni etc..che procura un eccesso di carne, ma poi guardo quelle povere bestiole e a volte mi chiedo se ci sia bisogno di squartare tutti sti animali per alimentare l'uomo occidentale, io sono di quelli che crede che tra cavolo e agnello ci corra una bella differenza innanzitutto il primo non ha un sistema nervoso ne un cervelletto e quindi non ha coscienza di se e non soffre, per me è gia una differenza importante, penso che l'uomo possa sopravvivere senz dover fare tutto questo abuso di proteine animali, pero' la carne mi piace, sono quindi in continua contraddizione

Kirk
29-12-10, 12: 38
Tanto per ravvivare il thread.. nessuno ha mai assaggiato il Noni (http://it.wikipedia.org/wiki/Morinda_citrifolia) ?
E' un frutto che cresce in paesi caldi, le sue propietà terapeutiche sono riconosciute, ma qui, chi lo assaggia, dovrebbe ricordarsi di cio' che ci diceva la mamma.. " e' cattiva ma e' una buona medicina!!".
In effetti è cosi, consigliato per colazione per vari giorni per le sue propietà terapeutiche, fa letteralmente schifo come odore e gusto, spesso lo si deve prendere con altro succo a mitigare l' odore (es. ananas).. e dire che a me non fa schifo niente, ma quell' odore è veramente nauseante eppure..

" la medicina piu' è cattiva piu' fa bene" :ghgh

P.s. Qualcuno mi ha detto che l' estratto di noni, in paesi occidentali (nordamerica e europa), è venduto a centinaia di dollari per ogni bottiglietta di estratto.