PDA

Visualizza versione completa : USA, work in progress



ARAGORN II
30-08-10, 20: 03
Ciao a tutti! :hap

Mi rendo conto che forse la richiesta che c'è dietro questa discussione è un po' ambiziosa, ma mi piacerebbe ugualmente sapere che ne pensate, se poi c'è qualcuno disposto a darmi una mano per qualche aspetto dell'organizzazione, ancora meglio! :hap

In caso contrario provvederò ad aggiornare la discussione io stesso, in modo che magari possa essere utile a qualcun altro.

Per correttezza vi dico anche che ho iniziato una discussione del tutto simile in un altro forum, esclusivamente dedicato a NYC e più in generale agli Stati Uniti, ma dopo alcuni preziosi consigli la situazione si apparentemente bloccata ed ho pensato di chiedere aiuto qui, nonostante il forum abbia un target decisamente diverso. Scrivo questo, sia chiaro, non perchè consideri CT un ripiego, ma perchè mi rendo conto che i temi trattati qui nel forum sono, ora come ora, un po' lontani a questo.

Mi scuso in anticipo per la lunghezza di questo primo post, ma è dovuto principalmente al fatto vorrei fare il punto della situazione. Naturalmente se non volete leggere tutto, fatelo tranquillamente! :eye

Cominciamo dall'inizio.

Mi piacerebbe moltissimo, a conclusione dell'università, fare il mio primo viaggio negli USA. La collocazione temporale del viaggio dipende fondamentalmente dal tempo che mi ci vuole per finire i 4 esami che mi mancano, fare il tirocinio e la tesi. Giusto per avere un'idea di massimo, direi un periodo non ben precisato nella seconda metà del 2011 (agosto/settembre 2011) o alla più brutta nel 2012, anche se spero sinceramente di riuscire a farcela prima!

In rete si trovano moltissime informazioni, non lo metto in dubbio, tuttavia mi piacerebbe condividere impressioni con chi ha fatto qualcosa del genere o anche con chi sta progettando un viaggio simile. Gli aspetti da toccare sono molti, questa discussione dovrebbe anche servirmi per mettere un po' le cose in ordine.

Sono e sarò uno studente ancora per un po', con tutti i vantaggi e gli svantaggi (sicuramente minori dei vantaggi) del caso, che riguarda principalmente le risorse finanziare che sto lentamente, molto lentamente, cercando di accumulare.

Mi piacerebbe quindi rientrare in alcune indicazioni di massima.

1) restare in un budget totale di 2500/3000 €, ovvio che se sono meno è anche meglio, però potrebbe essere difficile, soprattutto ora che il dollaro sta guadagnando sull'euro, si è passato da un cambio di oltre 1,50 agli attuali 1,27,
2) alternare la visita di una grande città con una parte di vacanza "on the road" (senza ricorrere a voli interni),
3) non superare i 25/26 giorni di viaggio, comprese andata e ritorno.

Il primo impatto con gli Stati Uniti ho sempre immaginato di averlo con New York, non so perché, ma mi attira in maniera particolare, ho letto molto, e sono perfettamente consapevole che un viaggio "on the road" sarebbe molto più probabilmente affascinante sulla west coast, anche perchè a livello paesaggistico c'è moltissimo da vedere; c'è anche chi mi ha consigliato di dedicarmi (per un primo viaggio) solo alla visita di New York, perchè indubbiamente c'è un sacco da vedere, però sono abbastanza sicuro di questa scelta.

Spero davvero che questo non sia l'unica viaggio negli Stati Uniti e alla west coast mi piacerebbe dedicargli un intero viaggio.

La mia idea è quella di passare circa 8 giorni a New York (magari suddividendoli in 5 giorni subito dopo l'arrivo e 3 prima della partenza, o qualcosa di simile) e poi trascorrere i restanti 17/18 giorni circa in giro per la zona centro-orientale degli USA.

Il budget mi sembra più o meno in linea con quello di altri viaggiatori che hanno effettuato esperienze simili, il problema (che un po' mi spaventa) è che non so se dovrò affrontare il viaggio in solitaria o se riuscirò a convincere qualche amico nella cosa, ad ogni modo questo potrebbe influenzare in maniera abbastanza importante le risorse economiche, soprattutto per quanto riguarda il noleggio dell'auto e la benzina (da non poter dividere in due) e il costo degli ostelli/motel (da quel che ho capito, non ci sono spesso tariffe per singole, ma piuttosto tariffe per stanze doppie da suddividere in 1 o 2 persone a seconda dei casi).

Ok, per non tirarla troppo alle lunghe, questo è il giro che avevo immaginato, naturalmente è ancora solo una bozza.

http://lh5.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TEVTHcOy1cI/AAAAAAAAAj4/6d6UTwaEyqs/Itinerario%20di%20massima.png

Nell'elenco qua sotto ho riportato i chilometri e i tempi che pensavo fossero necessari, anche questo giusto per avere un'idea. Ho indicato anche i giorni che pensavo di rimanere nella meta finale di ogni tratto. In rosso invece ho indicato le tappe che non vorrei mancare, le altre sono "di collegamento" e possono essere riviste o aggiustate in qualche modo.


New York -> Montreal: 604 Km (6 ore e 18 minuti) [1 giorno di viaggio + 2 giorni] = 3 giorni (*)
Montreal -> Toronto: 539 Km (5 ore e 35 minuti) [1 giorno di viaggio + 1 giorno] = 2 giorni
Toronto -> Niagara Falls: 132 Km (1 ora e 27 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Niagara Falls -> Detroit: 383 Km (4 ore e 9 minuti)
Detroit -> Chicago: 453 Km (4 ore e 30 minuti) [1 giorno di viaggio + 2 giorni] = 3 giorni
Chicago -> Indianapolis: 296 Km (3 ore e 4 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Indianapolis -> Charleston: 504 Km (5 ore e 16 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Charleston -> Charlotte: 425 Km (4 ore e 8 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Charlotte -> Wilmington: 320 Km (3 ore 53 minuti) [1 giorno di viaggio + 1 giorno] = 2 giorni
Wilmington -> Washington: 588 Km (5 ore e 57 minuti) [1 giorno di viaggio + 1 giorno] = 2 giorni
Washington -> Philadelphia: 288 Km (2 ore e 38 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Philadelphia -> New York: 154 Km (2 ore circa)


TOTALE: 4686 Km, 17 giorni

(*) Per quanto riguarda il passaggio a Montreal l'avrei previsto perchè mi piacerebbe andare a trovare una ragazza che avevo conosciuto a Londra un anno fa (a patto che lei sia d'accordo!), in ogni caso se la cosa non dovesse accadere potrei comunque evitare di fermarmi 2 giorni là e rimanere solo 1 notte, anche se vorrei comunque informarmi su come sia Montreal da visitare.

Come dicevo all'inizio ho pensato di spezzare la permanenza a New York, dividendola in 5 giorni all'inizio e 3 alla fine, principalmente per 2 motivi:


per inziare e finire con New York, alla fine 3 giorni non sono moltissimi, ma potrei comunque continuare a vedere qualcosa
far in modo che nel caso avessi qualche problema (spero di no), lasciarmi 2 o 3 giorni di vantaggio, rispetto il volo di ritorno (ovvero se l'auto si rompe, ad esempio, ho 2 o 3 giorni per sistemare la cosa, prima che l'aereo mi abbandoni negli USA! :hap)



Dormire

Per quanto riguarda il dormire, devo necessariamente limare al massimo (soprattutto se mi troverò da solo) ho già dato un'occhiata alla varie possibilità (magari ne parlerò più avanti per non uccidervi con questo post), in ogni caso pensavo di prenotare un ostello nelle città più grandi (New York, Montreal, Chicago, Wilmington, Washington e Philadelphia) e affidarmi ai motel che potrei (dovrei) trovare lungo le highways e le interstates sfruttando anche i roomsavers (Hotel Deals & Discount Hotel Room Coupons - RoomSaver.com (http://www.roomsaver.com/)) che credo si trovino nelle varie stazioni di servizio o che anche possibile ricevere via mail, che permettono di risparmiare un po', affidandomi principalmente ai Motel6, Super8, Best Western, Days Inn, ecc...

Le domande sono moltissime, ma giusto per iniziare, vado un po' per ordine sparso:

1) Detroit, ho letto rete un po' riguardo la sua "fama" non proprio entusiasmante, ora io non la conosco affatto, qualcuno sa per caso se valga la pena fermarsi e vederla un po'? O se è proprio meglio evitarla? In tal caso mi potrei fermare lungo la strada o un po' prima o un po' dopo anche se non so dove...

2) Si trovano moltissime informazioni su New York, Chicago e le varie città a sud di New York (tra parentesi, su New York ho raccolto diverse informazioni che tuttavia devo organizzare), ma molto poco sugli stati centrali come Indiana, Kentucky, Virginia e West Virgina, per ora tra Chicago e Wilmington ho previsto solo una fermata a Lafayette (Indiana) per visitare l'università (Purdue University (http://www.purdue.edu/)), qualche consiglio particolare per il resto?

E' ovvio che se non si trova molto un motivo ci sarà :hap però mi piacerebbe sfruttare il viaggio anche per conoscere posti meno turistici e battuti, che magari hanno qualcosa da offrire. Così come a New York o Chicago mi piacerebbe visitare qualcosa di caratteristico, mangiare dove e cosa mangiano gli americani e vivere un po' i luoghi non solo come turista. Giusto per portare un esempio credo che a NY salterò completamente i musei (MOMA, Guggheneim, ecc...) non mi interessano moltissimo, non perchè non li reputi belli ma perchè preferisco di gran lunga girare e vedere.

Ok mi fermo qui, ho più o meno programmato la prima tappa New York -> Montreal, ma magari la affronto in un secondo momento.

Scusate ancora per la lunghezza, se ci sono domande o curiosità, sono qui. :hap

:bai

MarcoStraf
31-08-10, 00: 28
Come potevi immaginare, non posso fare a meno di risponderti :)

Aragon, ho paura che con quell'itinerario finirai con lo spendere tanto tempo in auto e con il vedere molto poco
NYC e' una citta' fantastica, ma sinceramente non vedo il bisogno di visitarne altre, se non per Washington DC, che come NYC e' unica nel suo genere. Ti sconsiglio vivamente Detroit. Motreal e Toronto (che tra l'altro sono in Canada) non valgono assolutamente la pena. Chicago e' interessante, ma a parte le architetture interessanti e un museo di prima classe, lascia molto a desiderare. Se proprio, aggiungerei Boston, che ha un interessante centro storico. Philadelphia e' una noiosa citta' grigia e industriale.

Cominciamo con quello che NON hai detto: quale esperienza vuoi avere da questo viaggio?
Quando visiti una citta', a cosa sei interessato?
Ti piacciono i musei?
Ti piace la natura? E se si, che tipo?

A riguardo NYC: come ho detto e' fantastica, ci vado spesso e c'e' sempre qualcosa da fare, io e mia moglie la chiamiamo "la Disneyland degli adulti". Ma e' un po' come visitare San Francisco: ambedue fantastiche, ma NON rappresentano la realta' americana. E non oerche' non la rappresentano, ma semplicemente perche' ne rappresentano solo una parte.

Ma mi fermo qui, meglio andare a piccoli passi.

ARAGORN II
31-08-10, 13: 12
Non posso negare il fatto che un po' ci speravo, anzi ti ringrazio molto! :hap

Si lo so, a dire la verità mi viene detto spesso quando descrivo il percorso che mi piacerebbe fare! ;) Dal punto di vista chilometrico avevo appositamente cercato di mantenermi sotto i 600 Km ogni 1 o 2 giorni (a parte per le tappe più importanti, in quel caso la sosta sarebbe un po' più lunga), lo so non sono pochi, però il punto principale è che mi piace molto viaggiare, spostarmi, vedere, mi piace farlo qui in Italia, e mi piacerebbe molto non farmi mancare questo aspetto nel mio primo viaggio negli USA. :hap

Ed è per questo che vorrei abbinare la visita di una città come New York, che come mi dicevi (e come immaginavo) rappresenta solo una parte delle realtà americana, con qualcosa di tipicamente "on the road", noleggiare un'auto e girare, ovviamente con un minimo di cognizione di causa, ma andare un po' all'avventura, per questo avevo creato un simile itinerario. Poi ti ripeto so che una cosa del genere verrebbe molto meglio sulla costa ovest, prendendo come città di partenza San Francisco ad esempio, e poi girandomi parchi, Gran Canyon, Death Valley, Monument Valley e chi più ne più ne metta!

Il fatto che abbia scelto la zona centro/est degli Stati Uniti dipende principalmente da alcuni motivi:

New York (non vorrei fare un viaggio, soprattutto il primo, senza vederla),
cascate del Niagara,
Chicago (naturalmente non ci sono mai stato, ma leggendo alcuni racconti sul web ne era rimasto piacevolmente impressionato),
Montreal (si sono consapevole che sia in Canada, il fatto è che avevo aggiunto questa tappa più che altro per andare a trovare questa ragazza canadese che avevo conosciuto a Londra un anno fa, e che mi aveva parlato molto bene dei luoghi nel Quebec),
Wilmington (lo so può sembrare stupido, ma ormai un paio di anni fa iniziai, quasi per caso, a vedere una serie TV americana, ambientata proprio nella North Carolina, ed in particolare a Wilmington, per affinare un po' il mio inglese, e devo dire che oltre ed essermi stata estremamente utile, mi è piaciuta anche molto, da qui il desiderio di rivisitare quei luoghi).
evitare il drop-off dell'auto in due città diverse, cosa che comporterebbe costi aggiuntivi, non solo per il noleggio, ma temo anche per il volo.


Detto questo, risalendo la costa est avevo inserito Washington e Philadelphia, con la possibilità di uno stop a Baltimora (città che, più che altro da quello che ho letto, mi incuriosiva); la prima (Washington) perchè, più che altro per spirito prettamente turistico, mi piacerebbe vedere Casa Bianca e Pentagono, la seconda (Philadelphia) più che altro perchè era di strada ed era anche utile per spezzare un po' la tappa, pensando che magari qualcosa di bello potevo vederlo. In realtà stavo pensando ad una risalita anche lungo la costa, ma non so dovrei vedere un attimo, come dici, meglio andare per piccoli passi. :hap

Probabilmente è una cosa strana, ma nell'informarmi ho cercato soprattutto di leggere molto, avrei potuto guardare centinaia di foto o video, ma ho preferito (e preferirei) farlo il meno possibile, anche perchè credo sia un po' come vedere un film prima di leggere un libro a cui si tiene molto e sapere già dall'inizio come va a finire... si lo so è strano! :hap

Ok passiamo a quello che vorrei dal viaggio.

Credo, più che altro entrare in contatto con la realtà americana, sia quella dei grattacieli, del traffico, della confusione, sia quella delle cittadine isolate distanti decine di miglia l'una dalle altre; fermarmi a bere una birra in un pub lungo la strada in cui magari ci sono solo gli abitanti del luogo e pochi altri e magari trascorrere una serata a New York; visitare una città universitaria, un college e notare la differenza con quelli italiani...

Nel visitare le città, eviterei di andare nei musei, quelli che ospitano quadri non mi interessano più di tanto, gli altri (come il Natural History Museum) già mi interesserebbero di più, ma li eviterai perchè posso vederli anche a Londra o a Roma per dire (con questo non voglio dire che quelli di New Yorn o Chicago siano più brutti, ci mancherebbe. A proposito, a Chicago che museo famoso c'è?), e preferire di gran lunga, camminare per la città, fare una foto dal Top of the Rock o dall'Empire, passare una mezzora sul Pier 17 a vedere il ponte di Brooklyn e vederlo direttamente da vicino (alla fine, faccio ingegneria civile, queste cose mi interessano abbastanza), oppure fare una foto alla Grand Central, visitare anche qualche zona meno "turistica", visitare la spiaggia e potrei continuare un bel po'! :)

Ad esempio questo è quello che ho trovato scritto in un forum, e non nego che mi piacerebbe andarci:


La nostra meta era il Five Pointz, definito come “la Mecca dei writers mondiali”: un insieme di edifici abbandonati e coperti di sgargianti murales. [...] Il Five Pointz (vicinissimo alla metro, che in effetti ci passa - in sopraelevata - di fianco) è certamemte suggestivo: grandi edifici ricoperti di disegni bellissimi, dagli argomenti più disparati come i cartoni animati o la prostituzione.
Diciamo però che il luogo non mette molto a proprio agio... e le facce che si vedono, pure. Di turisti, manco l’ombra: c’era solo un’altra coppia a parte noi.
Non dico che sia un luogo malfamato, anche perché non siamo stati importunati da nessuno. Però ci sentivamo osservati... seguiti con lo sguardo... e abbiamo cercato di non starci troppo!
Questa, comunque, è vera arte: alcuni disegni non sarebbero sfigurati al MoMa. Splendidi. Rimpiango solo di aver scattato foto in modo un po’ affrettato.

Non so se ho reso l'idea...

Si la natura mi piace, se dovessi immaginare qualcosa che mi piacerebbe vedere, sicuramente mi verrebbero in mente (idealmente perchè non li ho mai visiti) i paesaggi della west coast, quelli un po' più "selvaggi", tuttavia per i motivi di cui sopra, e anche perchè mi piacerebbe, magari nel futuro dedicarglici un viaggio apposito, li vedo un po' lontani.
Per questo cercavo di trovare anche qualcosa nella zona centro/est, che possano essere le cascate del Niagara, attraversare un parco, vedere un lago e scattargli un paio di foto, o anche attraversare distese più o meno deserte, così come vedere l'Oceano, una spiaggia, un faro... su questo manco un po' di informazioni per quelle zone, a dire il vero.

Boston: so che, sempre da quello che ho letto, che è una città molto bella, cosi come la zona che si trova a nord rispetto Boston, e l'indecisione è stata tanta. Il fatto che mi ha portato ad escluderla è che da New York a Montreal (quando ipotizzai il percorso) è di circa 600 Km, se aggiungo Boston il giro si allunga parecchio, a meno che non passi invece di due giorni a Montreal un solo giorno, e che inserisca la deviazione, fermandomi a Boston una notte.

Nei mesi scorsi avevo abbozzato la prima tappa (New York -> Montreal) questo quello che avevo appuntato (nell'altro forum), lo metto qui giusto per far capire che mi farei volentieri 1 ora di strada in più evitando una interstate per vedere qualcosa di un po' più interessante:


http://lh3.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TESRIXC5BrI/AAAAAAAAAjs/F7rs8P3Wpkg/s720/New%20York%20-%20Montreal.png

Leggendo un po' in giro nel web ho scoperto che una delle strade consigliate è proprio la U.S. Route 9W (http://en.wikipedia.org/wiki/U.S._Route_9W), che ha dispetto della Interstate I87 (http://en.wikipedia.org/wiki/Interstate_87_%28New_York%29) costeggia più da vicino l'Hudson, concedendo panorami e viste migliori. Il problema è che, non essendo appunto una Interstate, immagino sia più lenta e tortuosa rispetto l'I87 (anche se non riesco ad immaginare quanto). Per questo motivo avrei pensato di seguirla almeno fino ad Albany per poi rimettermi sulla I87 fino a Montreal.

Sia la 9W che la I87 sono costeggiate da parchi e laghi che suppongo sia molto bello vedere, tuttavia questo richiederebbe sicuramente una traversata da più di un giorno, dato che già così sono circa 600 Km, con un tempo di percorrenza stimato di 7 ore (senza soste).

A questo proposito mi chiedevo, avendo come obiettivo un viaggio del genere, avrebbe senso spezzettare un tratto di collegamento del genere? Ci sono posti o luoghi (che voi sappiate) nelle immediate vicinanze di queste strade (10-20 km) che valga la pena assolutamente vedere? Albany potrebbe meritare una breve visita (del tipo tappa per il pranzo)? Ho letto qualche pare non proprio positivo riguardo questa città...

Per quanto riguarda il o i pernottamenti a Montreal invece (devo ancora decidere se fermarmi una sola notte, oppure due notti dedicando il giorno successivo all'arrivo ad una breve visita della città, anche se propendo per quest'ultima opzione), ho trovato su TripAdvisor delle buone recensioni per questi 2 ostelli:
- Montreal Central: Montreal Central in Montreal, Canada - Find Cheap Hostels and Rooms at Hostelworld.com (http://www.hostelworld.com/availability.php/Montreal-Central/Montreal/35143) (30€ per notte circa)
- HI-Montreal: HI-Montréal in Montreal, Canada - Find Cheap Hostels and Rooms at Hostelworld.com (http://www.hostelworld.com/availability.php/HI-Montr-al/Montreal/4699) (30€ per notte circa)

ai quali vanno poi aggiunti 5$ più o meno di tasse a notte.

:bai

janet
01-09-10, 01: 21
Bhè a me è sempre piaciuto il giro naturalistico Wyoming ecc e poi il Pacifico con l'aereo, comunque gran parte del giro che piace a me è qui (http://www.viaggiatorinelmondo.com/index.php?pid=6)

ARAGORN II
01-09-10, 08: 50
Ciao janet e grazie per i consigli! Non dubito che quello che mi hai linkato e lo stato dello Wymoing siano straordinari da vedere, ma come dicevo poco sopra, ci sono almeno 3 o 4 ragioni per cui mi piacerebbe dedicarmi alla zona centro orientale degli Stati Uniti, con la speranza di poter vedere quei luoghi, magari in un viaggio successivo, interamente dedicato a quelle zone.

:bai

Armandillo
01-09-10, 12: 03
:bai

Mi chiedevo se avevi mai pensato al couchsurfing (http://www.studenti.it/viaggi/viaggi_estero/surfcouching.php)!

Giusto ieri sera ho seguito un programma ad esso dedicato e mi e' parso un modo veramente innovativo e interessante di viaggiare.

Circa il tuo programma non ti posso aiutare non essendo mai stato negli Usa, ma da un paio di esperienze all'estero (Asia/Europa) mi esprimo, come MarcoStraf, per pochi posti da approfondire perche' l'alternativa, credo, diverrebbe un tour de force stressante e poco appagante.

:bai

ARAGORN II
01-09-10, 16: 29
Grazie Armadillo anche a te per i consigli! :hap

Dunque si conosco il couchsurfing, sono anche registrato al sito ufficiale CouchSurfing - Participate in Creating a Better World, One Couch At A Time (http://www.couchsurfing.org/index.html), credo che dal punto di vista dell'esperienza che si può avere, della possibilità di incontrare persone e conoscere l'effettiva realtà del paese che si visita, sia piuttosto appagante!

Però, secondo me, è una cosa che deve essere affrontata solo se non si hanno degli obiettivi precisi, ma l'unico intento è spostarsi (e per questo bisogna avere anche una grande disponibilità in termini di tempo), cioè bisogna essere pronti a partire se non si ha più la possibilità di restare in una casa o restare se invece non si trova la disponibilità per la tappa successiva. E' una bella cosa ma che impegna molto del tempo della vacanza nella ricerca delle successive sistemazioni e questo può essere forse anche più limitante che percorrere 500/600 Km ogni due o tre giorni.

Si capisco, anche io ho girato un po' sia in Italia che in Europa, e sinceramente non posso non dire che fare 500 Km al giorno sia un po' pesante, ogni anno per andare in settimana bianca ci facciamo 600 Km partendo alle 3 di notte e anche quest'estate abbiamo girato per circa 2000 chilometri tra Italia e Svizzera in 4 giorni e un po' di stanchezza la si sentiva, però mi è piaciuto parecchio! :hap E' ovvio che un conto è fare 500 Km da solo, un conto è farli in 2, in tal caso sarebbe molto meno stancante credo, ma per ora questo non è un punto su cui posso contare... Inoltre dal momento che i posti che mi piacerebbe vedere non sono proprio vicinissimi, l'itinerario che avevo immaginato mi sembrava buono per cercare di consiliare un po' il tutto :hap

:bai

vane
03-09-10, 13: 56
Ah ah anch'io progetto di andare a farmi una vacanza a New York per il prossimo anno (il sogno sarebbe fare Natale 2011), però non vorrei girare gli USA, al massimo farei un saltino da dei parenti in Canada. Vorrei starci un mese per potermela girare bene tutta e divertirmi. Infatti sto già cercando di informarmi, rileggere un libro letto qualche anno fa ma utilissimo ("Vado a vivere a New York" di S. Spadoni) e vedere qual è la soluzione migliore, cioè l'affitto di una stanza oppure di un intero appartamento.

Infatti ho scoperto solo ora che non serve più richiedere il visto per entrare negli USA, basta fare l'ESTA (http://italy.usembassy.gov/visa/esta/default.asp), stamparsi il codice e portarselo dietro per sicurezza. Non avendo amici/parenti che hanno viaggiato o vivono in quelle città non posso esserti molto d'aiuto in tal senso, posso però linkarti un forum (http://www.nyc-site.com/forum/index.php) di italiani che hanno viaggiato e vivono principalmente a NYC, ma in cui comunque si parla anche di viaggi nelle altre città, nei parchi e in generale di tutto quel che serve prima di partire per un viaggio in USA.

:bai

ARAGORN II
03-09-10, 19: 35
Ciao vane! :hap Grazie mille per l'intervento!!

Caspita i parenti in Canada tutto sommato sono una buona base d'appoggio, poi certo dipende da che parte in Canada e che parte degli Stati Uniti si vuole vedere!

Per quanto riguarda il soggiorno più lungo che parte ti piacerebbe vedere? Anche io conosco quel libro di Spadoni, ma non l'ho mai letto, per ora mi sto documentando un po', oltre che su internet con un paio di Lonely Planet di New York e degli Stati Uniti Orientali, ci vuole un po' a leggerle, ma sono abbastanza interessanti!

Si per quanto riguarda l'ESTA avevo già letto, l'unica cosa, anche se in un viaggio del genere non incide poi tanto, è che dai primi di questo mese passerà dall'essere gratuita al costare 10$.

NYC-Site Forum lo conosco abbastanza bene! :hap Mi sono letto gran parte dei racconti di viaggio, il forum a cui facevo riferimento all'inizio è proprio quello, ho avviato anche una discussione sull'onda di questa, ma ci siamo un po' bloccati, molto probabilmente perchè in pochi hanno viaggiato per queste zone, quindi pensavo di tentare anche qui! ;)

:bai

vane
03-09-10, 20: 01
Ciao vane! http://www.collectiontricks.it/forum/images/smilies/happy%20%29.gif Grazie mille per l'intervento!!
Caspita i parenti in Canada tutto sommato sono una buona base d'appoggio, poi certo dipende da che parte in Canada e che parte degli Stati Uniti si vuole vedere!
Ciao Aragorn :hap, figurati, prego. :eye

I miei parenti abitano vicino Toronto, non ricordo bene il nome della città. Non è molto lontano da New York, un po' come Milano-Napoli, con meno di 2 ore d'aereo sei lì. Comunque, come già detto, la mia idea è di farmi 1 mese a New York, al massimo potrei andare fuori città per mezza giornata ma visto che non voglio andar lì d'estate non posso nemmeno pensare di andare al mare. Se proprio devo andare al mare mi piacerebbe andare a Miami :oo2, però organizzerei un altro viaggio per andarci.

Se c'è una cosa che odio delle vacanze culturali è quello di dover vedere tutto di corsa e di non potersi godere appieno la città. Io voglio avere il tempo di starci anche tutta la giornata al museo, per poi passare la serata in giro. Poi quando il giorno dopo mi sveglio esco di nuovo. Ecco perché vorrei stare un mese solo a New York.


Per quanto riguarda il soggiorno più lungo che parte ti piacerebbe vedere? Anche io conosco quel libro di Spadoni, ma non l'ho mai letto, per ora mi sto documentando un po', oltre che su internet con un paio di Lonely Planet di New York e degli Stati Uniti Orientali, ci vuole un po' a leggerle, ma sono abbastanza interessanti!
Io l'ho letto qualche anno fa, onestamente non ricordo quanto, ma lo trovai utilissimo per capire un po' la mentalità, i costumi e il modo di fare dei newyorkesi e più in generale degli americani. Ai tempi ad esempio non sapevo né immaginavo che in USA fosse la norma lasciare il 20% del conto come mancia. Oppure che a New York fossero così diffuse le lavanderie a gettone, i più fortunati ne hanno una nel seminterrato del palazzo. Per noi è impensabile una cosa del genere.


Si per quanto riguarda l'ESTA avevo già letto, l'unica cosa, anche se in un viaggio del genere non incide poi tanto, è che dai primi di questo mese passerà dall'essere gratuita al costare 10$.
Io ho letto che sarebbe venuta a costare 14$, comunque dura 2 anni o fino alla scadenza del passaporto se non ho capito male. Per quel che mi riguarda poterla fare da casa grazie ad internet è molto più comodo che dover andare a richiedere il visto.


NYC-Site Forum lo conosco abbastanza bene! :hap Mi sono letto gran parte dei racconti di viaggio, il forum a cui facevo riferimento all'inizio è proprio quello, ho avviato anche una discussione sull'onda di questa, ma ci siamo un po' bloccati, molto probabilmente perchè in pochi hanno viaggiato per queste zone, quindi pensavo di tentare anche qui! ;)

Anche io ogni tanto lo visito, sono belle le storie di chi è riuscito a trasferirsi dopo aver vinto la Green Card. In effetti il viaggio che vuoi fare tu non è da tutti, è molto stancante, ce ne vuole di forza di volontà per fare tutti quei km al giorno. Io infatti non ci riuscirei, io odio i viaggi lunghi in macchina.

:bai

MarcoStraf
03-09-10, 20: 36
... Io voglio avere il tempo di starci anche tutta la giornata al museo, per poi passare la serata in giro. Poi quando il giorno dopo mi sveglio esco di nuovo. Ecco perché vorrei stare un mese solo a New York ...
Concordo. Per un mese conviene affittare un piccolo appartamento a Manhattan, si risparmia un sacco. E si possono fare "day trips" nelle zone vicine.


Se proprio devo andare al mare mi piacerebbe andare a Miami ...
Orribile e noiosa citta', con un clima afoso da fare paura, stattene in Italia se vuoi andare al mare (nulla batte le isole Lipari)
Della Florida quello che e' interessante sono le isole Keys (per chi piace il mare) ma di piu' il parco delle Everglades, unico al mondo.


Ai tempi ad esempio non sapevo né immaginavo che in USA fosse la norma lasciare il 20% del conto come mancia. ...
Normalmente e' il 15%, il 20% si da' quando il servizio e' ottimo. Per i tassisti e barbieri la norma e' il 10%. La mancia non si lascia nei fast food (ossia dove uno ordina e ritira il cibo al banco, tipo MacDonald)
Ma in certi ristoranti di alta classe a volte il "servizio" e' incluso (occorre leggere bene il conto).

vane
03-09-10, 21: 01
Concordo. Per un mese conviene affittare un piccolo appartamento a Manhattan, si risparmia un sacco. E si possono fare "day trips" nelle zone vicine.
Rispetto all'hotel il risparmio è notevole, anche perché si ha la possibilità di cucinare il cibo in casa, senza dover mangiare sempre fuori. Ci sono anche molte stanze in affitto in appartamenti condivisi ma sinceramente tremo all'idea di dover condividere un appartamento con persone che non conosco e che magari lasciano bagno e cucina in condizioni igieniche pietose oppure che fanno casino quando entrano/escono da casa. Se devo fare una vacanza di 1 mese la devo fare bene per potermela godere. :sisi


Orribile e noiosa citta', con un clima afoso da fare paura, stattene in Italia se vuoi andare al mare (nulla batte le isole Lipari)
Della Florida quello che e' interessante sono le isole Keys (per chi piace il mare) ma di piu' il parco delle Everglades, unico al mondo.
Io sono attratta dall'accoppiata oceano+vita notturna più che altro. Lo so che per questo potrei andare anche in Spagna (penisola iberica in generale e/o Isole Canarie) o in altre note località d'Europa, però a me piace viaggiare e spero un giorno di poter visitare tutti questi posti.


Normalmente e' il 15%, il 20% si da' quando il servizio e' ottimo. Per i tassisti e barbieri la norma e' il 10%. La mancia non si lascia nei fast food (ossia dove uno ordina e ritira il cibo al banco, tipo MacDonald)
Ma in certi ristoranti di alta classe a volte il "servizio" e' incluso (occorre leggere bene il conto).
Non si smette mai di imparare, grazie Marco! http://s6.imagestime.com/images.php/i1969_occhiolinoanm.gif

MarcoStraf
03-09-10, 21: 26
Vane, il problema di Miami e' che il suo oceano e' come il nostro mare Adriatico di Rimini, una lunga spiaggia nascosta da alberghi giganteschi, con l'acqua molto bassa. Ti assicuro, mio suocero viveva la' e io sono un appassionato del mare: per me, e parlo ache da italiano, la Florida e' stata una cocente delusione.
A riguardo la vita notturna e' vero: ma e' molto costosa, e di fatto di giorno nessuno e' in giro, le strade sono deserte, e' troppo caldo, e l'umidita' ti entra nelle ossa, tutti sono in casa con l'aria condizianata a manetta (e il golfino) a prendersi il raffreddore.

PS ma l'oceano e' anche vicino a NYC :)
YouTube - Coney Island Baby (http://www.youtube.com/watch?v=ZPrIulnAblk)

vane
03-09-10, 21: 54
L'acqua bassa non mi piace, quest'anno sono stata nel mare adriatico e oltre alle maledette meduse ho poco amato dover allontanarmi diversi metri dalla spiaggia per fare un bagno completo. In effetti il caldo di Miami è quello Africano, infatti non so come facciate a vivere nel sud, io morirei con quel caldo. Della Florida mi preoccupano un po' solo gli uragani, però ammetto che una settimanella me la farei volentieri.

D'altronde anche New York dà sull'oceano ma oltre agli Hamptons (che comunque sono per i ricconi) non avevo mai sentito parlare di località, più che altro non le ho nemmeno mai cercate. Il primo viaggio negli USA vorrei farlo a New York ma non in estate, poi un eventuale secondo viaggio sarebbe valutato diversamente. Certo è che se parto non è per starci solo una settimana, farmi 10-11 ore di volo per stare solo pochi giorni in vacanza non mi va, a quel punto preferisco spendere lo stesso denaro per farmi 2 (anche 3) settimane in Europa.
:bai

MarcoStraf
03-09-10, 22: 11
... In effetti il caldo di Miami è quello Africano, infatti non so come facciate a vivere nel sud, io morirei con quel caldo. ...
Non proprio, il caldo africano e' secco (come quello della Sicilia), mentre quello degli stati americani del sud e' umido (da sincope) a causa del Golfo del Messico. Mentre invece nel sud-ovest (Arizona, California, New Mexico) e' un caldo secco, e quindi piu' sopportabile (almeno per me che non sopporto l'umidita')

Dove vivo io, vicino a San Francisco, la temperatura media e' costante lungo l'anno in un intervallo di meno di 10 gradi (centigradi), il mese piu' caldo e' Settembre (21 gradi) quello piu' freddo Gennaio (13 gradi), con una umidita' moderata (infatti e' dove tutti coloro che odiano il caldo vorrebbero venire ad abitare)

vane
04-09-10, 00: 00
Non proprio, il caldo africano e' secco (come quello della Sicilia), mentre quello degli stati americani del sud e' umido (da sincope) a causa del Golfo del Messico. Mentre invece nel sud-ovest (Arizona, California, New Mexico) e' un caldo secco, e quindi piu' sopportabile (almeno per me che non sopporto l'umidita')
Wow se in Sicilia c'è un caldo sopportabile (come a Roma c'è spesso un'afa pazzesca, io senza condizionatore/ventilatore non dormo ad agosto) non oso immaginare cosa possa essere quello della Florida.

Pensavo però che la stessa situazione riguardasse tutto il sud. Anche perché ogni volta che ambientano un film in California o in Florida stanno sempre al mare.


Dove vivo io, vicino a San Francisco, la temperatura media e' costante lungo l'anno in un intervallo di meno di 10 gradi (centigradi), il mese piu' caldo e' Settembre (21 gradi) quello piu' freddo Gennaio (13 gradi), con una umidita' moderata (infatti e' dove tutti coloro che odiano il caldo vorrebbero venire ad abitare)
21 gradi a settembre? :shock Beati voi, se d'estate ci fosse sempre quella temperatura butteremmo tutti i condizionatori.

Io più che l'umidità non sopporto il caldo, d'inverno infatti in genere non soffro il freddo, basta che mi copro e sto bene, però d'estate non posso spellarmi e quindi m'attacco al tram se non c'è l'aria condizionata o almeno un ventilatore.

Infatti una città che ha la neve d'inverno (sarà pericolosa, congestionerà il traffico...ma il paesaggio è splendido e basta andare in un parco di discrete dimensioni per fingere di trovarsi in montagna, sci a parte) e che d'estate non è eccessivamente calda sarebbe l'ideale, però deve anche stare vicino al mare. Sono poco esigente. :ghgh Se Roma avesse la neve, 2mln di cittadini in meno e strade più larghe e pulite sarebbe quasi perfetta.

MarcoStraf
04-09-10, 00: 21
... Anche perché ogni volta che ambientano un film in California o in Florida stanno sempre al mare ...
Gia', questo e' un problema: gli italiani conoscono gli Stati Uniti solo dagli stereotipi che i film propongono.

Prendi la California per esempio: ha una superficie piu' grande di quella italiana (piu' di 400mila chilometri quadrati), ed e' distante quasi 4mila chilometri dalla Florida. Nella costa (lunga 1300 chilometri), la California del sud e' calda (dove vengono girati tutti i film), quella del centro e' temperata, quella del nord e' fredda. All'interno ci sono quasi tutti i climi terrestri, si va dal deserto (Death Valley) alla pianura, alle colline alle montagne con la neve perpetua. Vicino a San Francisco, la valle di Napa, che produce buona parte dei vini locali) ha una geografia e clima molto simili a quelli italiani della Toscana (non per nulla i primi immigranti italiani iniziarono li' a coltivare la vite)

E non lasciarti impressionare da quei numeri: ti assicuro, uno non si rende conto di quanto vasta (e variegata) questa nazione sia finche' non ci si viaggia dentro. E vasta non solo dal punto di vista geografico, ma anche e specialmente da quello sociale e culturale.

ARAGORN II
04-09-10, 14: 32
Io ho letto che sarebbe venuta a costare 14$, comunque dura 2 anni o fino alla scadenza del passaporto se non ho capito male. Per quel che mi riguarda poterla fare da casa grazie ad internet è molto più comodo che dover andare a richiedere il visto.

Hai ragione! Ho controllato proprio ora e si dice che dal 8 Settembre la tariffa sarà di 4+10$ (https://help.cbp.gov/app/answers/detail/a_id/1193/kw/esta/session/L3NpZC96NzM5Vzk5aw%3D%3D/p/0/c/0) e durerà (come prima suppongo) 2 anni o come dicevi fino alla scadenza del passaporto.


Normalmente e' il 15%, il 20% si da' quando il servizio e' ottimo. Per i tassisti e barbieri la norma e' il 10%. La mancia non si lascia nei fast food (ossia dove uno ordina e ritira il cibo al banco, tipo MacDonald)
Ma in certi ristoranti di alta classe a volte il "servizio" e' incluso (occorre leggere bene il conto).

A proposito, ne approfitto per chiedere, ma se ad esempio la mancia non è inclusa nel conto, ad esempio in un qualsiasi ristorante di medio livello, supponendo che il totale sia, che so, di 40$ con la mancia farebbero circa 46$, come si fa? Se si paga con 50$ bisogna dire quanto si vuole dare di mancia, oppure sono loro a portarti un resto che ritengono adatto?

Non che sia di vitale importanza, sono cose che magari si vedono al momento, giusto per sapere! ;)

A me sarebbe piaciuto molto andare in Florida non tanto per il mare, che tutto sommato non mi dispiace, anche se mi annoio un po' di solito se devo fare una vacanza di "solo mare", ma più che altro per vedere l'ultimo lancio dello Space Shuttle che è a fine Giugno del 2011, purtroppo però non ci siamo affatto con i tempi...

Per quanto riguarda il clima nel periodo Agosto/Settembre di sicuro dalle parti di New York immagino sia piuttosto caldo, con umidità crescente man mano che si procede verso sud, mentre nella zona centrale quella a sud di Chicago? Più temperato?

:bai

Strider
04-09-10, 16: 24
ciao ragazzi :bai

un saluto speciale a tutti voi, vane, Marco, Aragorn e tutti gli altri :fleurs

gli USA sono un paese bellissimo, ma è difficile separarlo dalle immagini fortemente simboliche, spesso iconiche, che hanno segnato l'immaginario giovanile di ognuno di noi e che derivano dal Cinema, dalla musica, dai libri, dalla pubblicità, .....

trovo che, a volte, questa influenza possa essere negativa perchè ostruisce (o limita) la reale visione di un paese così grande e variegato. Insomma...voglio dire....è bene stare alla larga dagli stereotipi e non aspettarsi di trovare John Wayne in Arizona o il tassista Travis Bickle a New York :lol:

Io sono stato tre volte negli USA ed ho visto diverse città anche se mi manca, ahimè, la zona ovest e la California in particolare, una delle mete che mi piacerebbe tanto visitare :sisi

tra le città che ho visto, mi permetto di segnalare:

1) New York: imperdibile, bellissima, maestosa, dai mille volti, è l'America per eccellenza ... e meno male che avevo detto di stare alla larga dagli stereotipi :lol:

2) New Orleans: magica, misteriosa, vitale, creativa, dalle grandi atmosfere

poi mi son piaciute molto anche Boston e le cascate del Niagara (per metà americane e per metà canadesi), penso che sia il caso di farci una capatina se vai nel nord est :sisi

e poi Las Vegas, città folle, città del vizio ma di grande spettacolarità, merita una visione a patto di sapersi controllare e di non portarsi troppi soldi in tasca :lol:

anche io sono rimasto deluso da Miami, al clima caldo umido ci sono abituato (sebbene lì le temperature siano ben più elevate) ma l'ho trovata molto sporca ed anche il mare non mi è parso gran cosa :ohoh

e poi andando in giro la sera non mi sentivo gran che sicuro, se proprio devo essere sincero :ghgh

della Florida ricordo soprattutto Disney World :lol:

e poi anche il Gran Canyon, uno spettacolo naturale che lascia senza fiato :sisi, da vedere assolutamente

a me piace molto andare in giro per le strade, vedere la gente, insomma cercare di vivere i posti e le città dove vado e non limitarsi al giro da cartolina, ma questo è un po' più difficile perchè vuol dire un soggiorno prolungato e, quindi, una spesa maggiore :hap

va beh...alla fine non credo di averti detto cose che non sapevi già, ma un saluto mi sentivo di farlo :bgg2

buon viaggio Aragorn :bai

MarcoStraf
04-09-10, 17: 10
, ne approfitto per chiedere, ma se ad esempio la mancia non è inclusa nel conto, ad esempio in un qualsiasi ristorante di medio livello, supponendo che il totale sia, che so, di 40$ con la mancia farebbero circa 46$, come si fa? Se si paga con 50$ bisogna dire quanto si vuole dare di mancia, oppure sono loro a portarti un resto che ritengono adatto? i
Se si paga in contanti, il cameriere ritorna con il resto corrispondente al prezzo prima della mancia, in questo caso 10$ È il cliente che quando esce lascia nel tavolo la mancia (da 6 a 8$) Accertarsi quindi di avere i contanti giusti (si può chiedere al cameriere se può portare il resto in bancanote più piccole, per esempio un 5 e cinque 1 invece che una di 10, e lui capisce al volo)
Se si paga con la carta di credito, la si da' al cameriere che ritorna con la ricevuta in cui compare uno spazio sotto la cifra in cui uno aggiunge la mancia desiderata, la si somma al prezzo e scrive il totale sotto.

Parlando di soldi.
Prima di partire per gli States, consiglio di andare alla propria banca per conoscere le spese di transizione, ossia quanto la banca fa pagare per usare un bancomat e quanto per la carta de credito, in modo da usare il metodo più conveniente. Ad ogni modo è essenziale avere la carta di credito, possibilmente una con il marchio VISA, che è universalmente riconosciuta, poiché è indispensabile per certe trattazioni (per esempio assicurazioni e depositi) e non potete affittare una auto senza di essa. Per il bancomat non dovrebbero esserci problemi, ma assicursi bene che il proprio sia collegato al maggiore possibile numero di collegamenti.

ARAGORN II
05-09-10, 19: 18
Grazie mille anche a te Strider per i consigli! :hap In questo momenti mi è utile qualunque cosa mi diciate!


gli USA sono un paese bellissimo, ma è difficile separarlo dalle immagini fortemente simboliche, spesso iconiche, che hanno segnato l'immaginario giovanile di ognuno di noi e che derivano dal Cinema, dalla musica, dai libri, dalla pubblicità, .....

trovo che, a volte, questa influenza possa essere negativa perchè ostruisce (o limita) la reale visione di un paese così grande e variegato.

Quello che mi piacerebbe è cercare di fare proprio questo, tentare di apprezzare entrambe (o forse molte di più) queste realtà, cercare di trovare la cosa particolare e poco turistica in una città come New York, così come salire sull'Empire o ad esempio visitare una città che, pur trovandosi nella tratta Washington-New York, poco spesso viene nominata, come Baltimora (credo di averlo scritto qualche post fa), prima stavo leggendo un passo della Lonely Planet su questo posto è devo dire che mi ha incuriosito (quanto meno)! :hap Qualcuno ha esperienze in merito?

New Orleans mi piacerebbe vederla, anche solo leggendo gli aggettivi che hai usato per descriverla, però per questa volta è decisamente troppo a sud.


poi mi son piaciute molto anche Boston e le cascate del Niagara (per metà americane e per metà canadesi), penso che sia il caso di farci una capatina se vai nel nord est

Le cascate per ora sono un punto fermo, il problema è Boston... leggendo sia i vostri consigli sia quello che si dice "in giro" è una città da non perdersi.

Ragionando un attimo vedevo che, ipotizzando di dormire una notte in meno a Montreal (quindi 1 notte invece che 2), nel caso non ci fosse molto da vedere, anche perchè se l'incontro con la ragazza canadese è fattibile, posso anche farlo la sera stessa, potrei effettuare una fermata a Boston.

Passando da una cosa del tipo:


New York -> Montreal: 604 Km (6 ore e 18 minuti) [1 giorno di viaggio + 2 giorni] = 3 giorni
Montreal -> Toronto: 539 Km (5 ore e 35 minuti) [1 giorno di viaggio + 1 giorno] = 2 giorni

A qualcosa di questo tipo:


New York -> Boston: 353-375 Km (circa 4 ore e 30 minuti) [1 giorno di viaggio + 1 giorno] = 2 giorni
Boston -> Montreal: 499-628 Km (5 ore e 30 minuti/6 ore e 40 minuti) [1 giorno di viaggio] = 1 giorno
Montreal -> Toronto: 539 Km (5 ore e 35 minuti) [1 giorno di viaggio] = 2 giorni

Sarebbero quei 200-300 Km in più, ma sarebbero divisi in più giorni.

Considerando il tragitto New York -> Boston, sono 4 ore e 30 di viaggio quindi pensavo a quale fosse la strada migliore anche per vedere qualcosa lungo il tragitto.

Google Maps mi da tre alternative:

1) 353 Km - 4 ore e 11 minuti

http://lh3.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TIPKs4dwdEI/AAAAAAAAAuc/aeK9hN7ipwo/ny-boston1.png

2) 377 Km - 4 ore e 19 minuti

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TIPKtGa4TZI/AAAAAAAAAug/gLDVL4yDUHs/ny-boston2.png

3) 375 Km - 4 ore e 41 minuti

http://lh5.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TIPKtNNRzLI/AAAAAAAAAuk/zWeUE0Eusm4/ny-boston3.png

Considerando soprattutto quello che si può vedere lungo quelle strada, c'è qualcuno che saprebbe consigliarmi il migliore dei tragitti? O anche uno modificato, questo sono quelli che Google mi da in automatico.

Poi, giusto per non farmi mancare niente, avevo anche qualche dubbio sulla eventuale tratta Boston -> Montreal. Potrei tornare ad Albany e riprendere la strada panoramica di cui avevo letto (la 9W -> 620 Km e circa 6 ore e 30 minuti di viaggio), oppure tirare dritto per la I-89 N (la blu scuro) o la I-93 N (la blu chiaro) (in entrambi i casi circa 500 Km e 5 ore e 30 minuti di viaggio).

I-89 N o I-93

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TIPODx3vC5I/AAAAAAAAAu4/_2rW1pdKIAA/boston-montreal.png

Questa sarebbe la parte più tirata a chilometri, per le restanti tappe dovrei essere sempre intorno ai 500 Km (non al giorno).


va beh...alla fine non credo di averti detto cose che non sapevi già, ma un saluto mi sentivo di farlo

buon viaggio Aragorn :bai

Ci mancherebbe! Come dicevo per me è tutto utile, un idea un racconto, qualsiasi cosa! ;)

@Marco: Grazie per la spiegazione sulla mancia! Ora mi è decisamente più chiaro come funziona la cosa. :hap Il fatto che qua in Italia a meno di casi particolari non si usa affatto, e quelle poche volte in cui mi è capitato di lasciare qualcosa non avevo la più pallida idea di come comportarmi...


Parlando di soldi.
Prima di partire per gli States, consiglio di andare alla propria banca per conoscere le spese di transizione, ossia quanto la banca fa pagare per usare un bancomat e quanto per la carta de credito, in modo da usare il metodo più conveniente. Ad ogni modo è essenziale avere la carta di credito, possibilmente una con il marchio VISA, che è universalmente riconosciuta, poiché è indispensabile per certe trattazioni (per esempio assicurazioni e depositi) e non potete affittare una auto senza di essa. Per il bancomat non dovrebbero esserci problemi, ma assicursi bene che il proprio sia collegato al maggiore possibile numero di collegamenti.

Questo è un altro punto decisamente importante. Ho letto che spesso le commissioni sono "gratuite" anche se ho qualche dubbio, anche perchè bisogna vedere che tasso di cambio decidono di applicare e se, per quanto riguarda il solo cambio, c'è anche li una commissione, come quella che c'è in banca quando cambi dei contanti.

Per la carta di credito ho qualche problema invece, io ora ho una PostePay (circuito Visa Electron) e una prepagata della UniCredit Banca (circuito Mastercard). In tutti e due i casi sono delle prepagate e non hanno i numeri in rilievo ne il nome impresso sopra.
So che in questo caso potrebbero esserci dei problemi...

Potrei fare una carta di credito (credo si chiami propriamente "di debito"), ma non lavorando non penso proprio che la banca me la faccia fare.

Un'alternativa potrebbe essere quella di prendere in presto una carta (VISA con numeri in rilievo di mio padre), solo che non so se ci siano problemi se io pago con una carta su cui è scritto il nome di un'altra persona (mio padre), che dite?

:bai

MarcoStraf
05-09-10, 20: 41
Che io sappia, non c'è alcun problema nel farsi una carta di credito, tieni però conto che nel tuo caso il credito sarà piuttosto piccolo, quindi la dovrai usare solo quando ne hai bisogno veramente (affittare un'auto) Di certo non puoi usare una carta di credito intestata a un altro, ma puoi chiedere a tuo padre e alla tua banca se sia possibile avere una carta con lo stesso numero, e quindi lo stesso acconto, intestata a te (qui è possibile)
E per restare nel discorso auto, negli States c'è un limite minimo di età per affittare un'auto, sinceramente non ricordo se sia 24 o 25 anni

ARAGORN II
05-09-10, 21: 07
Ah ok bene, io pensavo invece che potesse esserci qualche problema, più che altro per il fatto che, non avendo uno stipendio fisso, non potrei garantire il plafond (non so sinceramente se si chiama così) della carta, che so 1000/2000€. Quella di intestare una carta a me intestata, collegata al conto di mio padre è decisamente una buona idea, a dire la verità non ci avevo proprio pensato! :hap

Si sul limite di età mi ero documentato un po' fa, e come dici tu, al di sotto di 25 anni non si potrebbe noleggiare a meno di non pagare un sovrapprezzo (più o meno salato) al giorno, fermo restando che di anni devi averne comunque 21, con una patente di almeno 3 anni credo. Fortunatamente da questo punto di vista sono ok, visto che ho compiuto a Febbraio scorso 25 anni.

:bai

Kirk
05-09-10, 22: 25
Ho letto che spesso le commissioni sono "gratuite" anche se ho qualche dubbioDubito che siano gratuite fuori dall' italia, però mai dire mai..
La carta ovviamente deve avere un massimo, che si può cambiare alla propria banca, mensile, in caso di rischi di perdita o furto (o clonazione).

Grazie per la spiegazione sulla mancia! Ora mi è decisamente più chiaro come funziona la cosa. Il fatto che qua in Italia a meno di casi particolari non si usa affattoNon sono stato in Usa ma, fuori dall' Italia e' praticamente una prassi, uno non è obbligato ma guarda caso sempre si aspettano qualcosa, gli abitueè del posto infatti la lasciano, in qualche paese europeo, magari frequentato da italiani, è meno richiesta.

solo che non so se ci siano problemi se io pago con una carta su cui è scritto il nome di un'altra persona (mio padre), che dite?Questo no, per pagamento diretto dovresti falsificare una firma (quella di tuo padre), anche se per un prelievo da cassa automatica basta saper il codice, ma eviterei comunque questo.
Sulle commissioni, per fare un esempio se non ricordo male, la mia banca con carta circuito Visa, applica 7 euro per ogni prelievo che sia da 1 dollaro fino al massimo consentito giornaliero (300 euro), per spese fino al massimale mensile, 7 euro ogni 300, ma come dicevo questo può variare a seconda dell' accordo con la banca.

Beh visto che pensi le cose per tempo, direi che tempo a disposizione ne hai :-D

P.s. NY sarà anche affascinante, ma dovessi partire io la prima volta per gli States andrei direttamente verso il West..nonostante le uniche conoscenze le ho in Quebec.. considerazione personale ovvio, poi a ognuno piace una cosa differente.

ARAGORN II
06-09-10, 20: 58
Grazie Kirk per le informazioni! :hap


Dubito che siano gratuite fuori dall' italia, però mai dire mai..
La carta ovviamente deve avere un massimo, che si può cambiare alla propria banca, mensile, in caso di rischi di perdita o furto (o clonazione).

Ho appena controllato ed hai ragione, leggendo il foglio informativo per quanto riguarda le carte bancomat (per le carte di credito/debito emesse da questa banca la cosa è un po' diversa, in peggio) vedo che:


C) ATM-POS esteri
- Prelievi di contante all’estero presso sportelli automatici ATM:
importo disponibile
Giornaliero max € 2.500,00
Mensile max € 2.500,00
Commissioni € 2,58
Spese per operazione € 2,00 Max

In pratica la commissione fissa e di 2,58€ ai quali potrebbero sommarsi i 2,00 per l'operazione, certo non è pochissimo, circa 5,00€ a prelievo, ma cercando di limitarli nella frequenza si potrebbe risparmiare qualcosa.

L'unica cosa è che nel foglio è scritto espressamente che "gli ATM-POS esteri devono riportare il simbolo CIRRUS", cosa sia non ne ho idea, dovrei vedere meglio.


Sulle commissioni, per fare un esempio se non ricordo male, la mia banca con carta circuito Visa, applica 7 euro per ogni prelievo che sia da 1 dollaro fino al massimo consentito giornaliero (300 euro), per spese fino al massimale mensile, 7 euro ogni 300, ma come dicevo questo può variare a seconda dell' accordo con la banca.

Beh visto che pensi le cose per tempo, direi che tempo a disposizione ne hai :-D


Si si infatti di tempo ne ho abbastanza! hap Però vedo che di cosa da vedere e sapere non ce ne sono poche!

Comunque per le carte di credito dovrei vedere. Ad esempio la Bank Americard applica una commissione sulle operazioni di acquisto e prelievo in valuta di paesi NON Euro del 1,75%.


P.s. NY sarà anche affascinante, ma dovessi partire io la prima volta per gli States andrei direttamente verso il West..nonostante le uniche conoscenze le ho in Quebec.. considerazione personale ovvio, poi a ognuno piace una cosa differente.

Lo so non lo metto assolutamente in dubbio, ma che ti devo dire NY vorrei davvero vederla, e magari potrei avere l'opportunità di vedere la west coast con più calma un'altra volta. Si senz'altro le scelte sono scelte, uno può anche sbagliare. ;)

:bai

Kirk
06-09-10, 21: 44
L'unica cosa è che nel foglio è scritto espressamente che "gli ATM-POS esteri devono riportare il simbolo CIRRUS", cosa sia non ne ho idea, dovrei vedere meglio.
Cirrus-Maestro, cioè maestro è il circuito che fa parte di Mastercard, collegato direttamente a Cirrus che è un network interbancario che gestisce da quel che vedo oltre 1 milione di ATM in tutto il mondo, i simboli sono quelli sotto, quello più in basso io l'ho sul bancomat..infatti dovrebbe funzionare anche il pagobancomat all' estero se ha quel simbolo, o almeno nella maggioranza dei paesi e certamente in Usa, in definitiva, se si può dir così, e' il rivale di VISA, che comunque visto ciò che mi dici è allora più cara sui prelievi allo sportello automatico.
Il fatto è che però io non ero sicuro se in certi paesi accettavano altre carte non visa, in 1 che ho visitato certamente no, ma cirrus-->mastercard maestro in Usa non dovrebbero aver problemi.
http://www.carte-di-credito.net/images_cartedicredito/thumb/7/7e/Cirrus_maestro.jpg/180px-Cirrus_maestro.jpg


Si senz'altro le scelte sono scelte, uno può anche sbagliare. ;)No beh, mica e' sbagliato, uno deve seguire le proprie convinzioni, e poi hai comunque in progetto più avanti di poter comunque andare anche a west, magari lo dicevo più che altro se io non fossi sicuro di ritornarci..

MarcoStraf
06-09-10, 21: 55
CIRRUS è uno dei tanti "circuiti" connessi ai bancomat internazionali. Negli USA i bancomat si chiamano Automatic Teller Machine (ATM) e espongono tutta una serie di circuiti a cui sono collegati.
Nel tuo caso non sei molto fortunato in quanto la tua carta è connessa solo a uno di loro, quindi dovrai girare un po' per trovarne uno.
A causa delle spese di transizione, ti consiglio di ritirare il massimo di cui ti senti comodo portarti dietro, invece che 40 dollari per volta (i prelievi sono in multipli di 20 dollari, ma generalmente c'è un limite per volta, indipendente da cosa dice la tua banca)
Consiglio da amico: prima di partire, vai alla tua banca e chiedi quale numero di telefono devi chiamare in caso ci siano problemi, ti assicuro che trovare un numero telefonico italiano dagli States è... tosto!

Se hai un laptop con wifi, portalo con te, in quanto negli States è facilissimo trovare free wifi spot, quasi tutti i caffè Starbuck ne sono provvisti.

ARAGORN II
07-09-10, 18: 48
Grazie Kirk e Marco per le precisazioni! Piano piano mi sto togliendo diverse domande che avevo! :hap Per togliermi il dubbio sono andato a vedere direttamente sul bancomat e vedo che anche io ho riportato il logo "Maestro", quindi credo possa andare bene.

Per quanto riguarda la carta di credito VISA, la Bank Americard era la prima che mi è capitata sotto mano, non so se altre carte (sempre appartenenti al circuito VISA) applichino commissioni diverse.

Ad ogni modo credo che la spesa più grossa (da pagare con carta di credito, direttamente negli USA) sia il noleggio dell'auto, purtroppo per tutti quei giorni non credo di riuscire a stare entro i 500€, anzi credo sia piuttosto improbabile, dovrei controllare meglio... ma giusto per avere un termine di paragone, 500€ con una commissione del 1,75% fanno poco meno di 9€ in più, che non è pochissimo ma su una somma del genere va giù un po meglio!

E' ovvio che poi bisogna sempre considerare il tasso di cambio dollaro/euro non so se anche negli acquisti tramite carta di credito/bancomat accada come quando si cambiano contanti in banca, in cui la banca applica due prezzi, uno di acquisto della valuta e uno di vendita...


No beh, mica e' sbagliato, uno deve seguire le proprie convinzioni, e poi hai comunque in progetto più avanti di poter comunque andare anche a west, magari lo dicevo più che altro se io non fossi sicuro di ritornarci..

Nono è chiaro! Mi sono espresso male, spero davvero di poter ritornare, naturalmente ora, non lavorando, la cosa la vedo un po' lontana, anche per un viaggio tipo questo è abbastanza difficile accumulare i soldi necessari, ma piano piano spero di potercela fare! :hap


A causa delle spese di transizione, ti consiglio di ritirare il massimo di cui ti senti comodo portarti dietro, invece che 40 dollari per volta (i prelievi sono in multipli di 20 dollari, ma generalmente c'è un limite per volta, indipendente da cosa dice la tua banca)
Consiglio da amico: prima di partire, vai alla tua banca e chiedi quale numero di telefono devi chiamare in caso ci siano problemi, ti assicuro che trovare un numero telefonico italiano dagli States è... tosto!

Si infatti stare a prelevare continuamente piccole somme, sarebbe come farsi mangiare dalle commissioni! Perfetto, ricevuto! Immagino anche sia piuttosto costoso chiamare in generale l'Italia dagli USA tramite un cellulare con SIM italiana (a patto che il mio vecchio Nokia 6600 funzioni, avevo letto che la rete mobile negli Stati Uniti è diversa da quella italiana/europea).

Riprendendo la frase poco oltre il quote, pensavo di portarmi il portatile utilizzare Skype il più possibile per comunicare con l'Italia, se poi comi mi dici ci sono parecchi spot wifi (praticamente introvabili qui in Italia, solo al centro di Bologna ho notato che era installata una wifi cittadina). Avrei anche un iPod Touch, prima versione, che purtroppo manca di microfono!

:bai

MarcoStraf
07-09-10, 20: 38
Riguardo il cellulare: ad alcuni miei amici italiani venuti in visita funzionava, ad altri no. Devi chiedere a chi ti ha venduto il cellulare, o meglio fai una ricerca in rete (non sempre i venditori sanno quello che dicono...) Ma il modo migliore e piu' economico e' usare Skype.

Confermo che puoi usare una carta bancomat con il simbolo Maestro in quasi tutti gli ATM americani che espongono il simbolo Cirrus. Le puoi trovare usando questo link:

MasterCard Global ATM Locator | MasterCard® (http://www.mastercard.com/us/personal/en/cardholderservices/atmlocations/index.html)

Kirk
07-09-10, 21: 11
a patto che il mio vecchio Nokia 6600 funzioni, avevo letto che la rete mobile negli Stati Uniti è diversa da quella italiana/europea).Il tuo e' tri-band, (900/1800/1900mhz)teoricamente dovrebbe andare, anche se forse in limitate zone di Usa e Canada c'è la frequenza 850mhz, che per i nostri cellulari si trova nei quad-band.
Con numero italiano sei in roaming comunque e paghi anche se ricevi, se lo vuoi usare quando non e' possibile skype, ti consiglierei di chiedere prima la miglior carta internazionale al tuo gestore, a volte ce ne sono di molto convenienti.

P.s. Non dimenticare l' adattatore per la presa di corrente :eye

MarcoStraf
07-09-10, 22: 12
P.s. Non dimenticare l' adattatore per la presa di corrente :eye
Vero :)
Ma ricordarsi di controllare il voltaggio: ormai quasi tutti gli alimentatori degli apparecchi elettronici funzionano sia a 110 che a 220, quindi non occorre un trasformatore ma un semplice adattatore.

Kirk
07-09-10, 23: 48
non occorre un trasformatore ma un semplice adattatore.Si, in effetti io anni fa avevo anche un piccolo trasformatore, ma poi si ruppe e nei successivi viaggi usai un semplice adattatore (roba da 3 euro) ma con la 110V mai avuto problemi, almeno con cellulare, videocamere, e portatile.

ARAGORN II
09-09-10, 20: 14
Riguardo il cellulare: ad alcuni miei amici italiani venuti in visita funzionava, ad altri no. Devi chiedere a chi ti ha venduto il cellulare, o meglio fai una ricerca in rete (non sempre i venditori sanno quello che dicono...) Ma il modo migliore e piu' economico e' usare Skype.


Il tuo e' tri-band, (900/1800/1900mhz)teoricamente dovrebbe andare, anche se forse in limitate zone di Usa e Canada c'è la frequenza 850mhz, che per i nostri cellulari si trova nei quad-band.

Si in ogni caso credo che, se possibile, utilizzerò Skype, anche perchè ho visto che offre dei pacchetti abbastanza convenienti per quando si è all'estero, eliminando il piccolo (quasi inesistente) inconveniente di dover chiamare da PC a PC.

Ad esempio con 5/6 € al mese si possono chiamare i fissi senza limiti. Non c'entra niente con l'argomento ma è incredibile che:

- per chiamare l'Italia su fissi+cellulare per 400 min/mese: 68,00€/mese
- per chiamare gli USA su fissi+cellulari con minuti illimitati: 6,00€/mese

Magari mi sbaglio... :shock

In ogni caso grazie per i chiarimenti sul cellulare, avevo letto anche io della questione quad-band, tuttavia dando una rapida occhiata ai costi di TIM per le chiamate dall'estero (in particolare Stati Uniti, zona 2), c'è da rimanerci secchi! Cioè, credo di non sbagliare, nonostante legga:

- chiamate effettuate: 2€/min con scatti anticipati di 60 secondi,
- chiamate ricevute: 1,45€/min più scatto alla risposta 16€cent,
- SMS inviati: 49€cent/min

Altrimenti c'è un "convenientissimo" piano che costa 5€ di attivazione, poi sia per le chiamate effettuate che per quelle ricevute sono 0€cent/min, ma lo scatto alla risposta è di 3€ e oltre i 5 minuti di chiamata, si applicano le tariffe scritto poco più su... mah!

Decisamente più economica sembra essere la New Columbus (http://www.187.alice.it/cda187/c/portale/c58/i284/o1718/prodotto.do) che consente di chiamare dagli Stati Uniti all'Italia (fisso -> fisso) per 15€cent/min senza scatto alla risposta.


P.s. Non dimenticare l' adattatore per la presa di corrente


Vero :)
Ma ricordarsi di controllare il voltaggio: ormai quasi tutti gli alimentatori degli apparecchi elettronici funzionano sia a 110 che a 220, quindi non occorre un trasformatore ma un semplice adattatore.

Giusto! :hap Ok per l'adattatore non dovrebbero esserci problemi, più che altro dovrei controllare, come diceva Marco, il voltaggio dei vari apparecchi. Il portatile dovrebbe andare, ho controllato ora e l'alimentatore riporta, 110-240V (a 1,5A) con una frequenza compresa tra 50-60Hz. Ora dovrei vedere meglio ma credo che le uniche altre cose da verificare siano alimentatori cellulare, macchina fotografica, e phon (quest'ultimo penso non vada visto che c'è scritto solo 220-240V).

Qualche idea sparsa qua e la: mi era saltata in mente l'idea di poter visitare lo Smithsonian (http://www.nasm.si.edu/visit/guides/index.cfm), Air and Space Museum, che si trova vicino l'aeroporto (o uno degli aeroporti) di Washington.

Si in effetti è un museo e poco sopra avevo detto che li avrei evitati :hap però questo mi ispira, diciamo che la tematica mi interessa parecchio, e se non posso vedere un lancio dello Space Shuttle almeno l'Endeavour a terra mi piacerebbe non perderlo!

Per quanto riguarda il resto dell'ancora ipotetico tratto on the road, stavo leggendo qualcosa sulla Lonely Planet, in particolare dell'Indiana.

Diciamo che l'introduzione fa un attimo desistere:


Come scrisse il giornalista di Chicago Mike Royko: "Nell'Indiana, il massimo del divertimento consiste nell'indossare la tuta e il berretto con il nome di una marca di macchinari agricoli e nell'andare alla stazione di servizio a spettegolare sul povero Elmer che quel mattino non è riuscito a mettere in moto il suo pick-up". Royko esagerava, ma la sua descrizione di questo stato disseminato di fattorie non è poi lontana dalla realtà. [...]

Poi andando avanti nella lettura sono incappato nella città di Columbus, che a leggere qui sembra interessante, "la città offre inaspettate e autentiche meraviglie architettoniche, che non sfigurano rispetto a quelle presenti in città più celebri, come Chicago, New York, e Washington DC".

Ma dovrei documentarmi un attimo di più.

:bai

PS. Per curiosità, mi sapreste dire se le immagini sono ancora visibili? Perché ho cambiato un'impostazione su Picasa e dal momento che sono hostate li ieri avevo qualche problema a visualizzarle.

MarcoStraf
09-09-10, 20: 50
... mi era saltata in mente l'idea di poter visitare lo Smithsonian (http://www.nasm.si.edu/visit/guides/index.cfm), Air and Space Museum, che si trova vicino l'aeroporto (o uno degli aeroporti) di Washington ...
Il museo ha due edifici: quello principale (nel mezzo della citta', che ho visitato) e un'altro che hanno recentemente aperto vicino all'aereoporto (che non era ancora aperto quando visitai DC), che e' gigantesco e contiene tutto quello che non hanno potuto mettere nell'edificio principale (incluso lo Shuttle Enterprise), decisamente dovro' visitarlo al mii prossimo viaggio a DC

Capisco la tua reticenza nel visitare i musei americani, ed e' vero che quelli europei sono molto meglio per quanto riguarda l'arte antica, ma alcuni musei di arte moderna negli States sono di prima qualita', ed sarebbe interessante visitarne almeno uno per vedere come sono diversi da quelli europei. Lo Smithsonian, beh, e' unico del suo genere. Se vuoi ti posso dare la lista dei musei, scelti tra i miei preferiti, che penso possano interessare anche un europeo a causa della loro unicita', una volta che hai una idea delle citta' che vuoi visitare.

Tanto per farti una idea dei miei gusti: a me i musei piacciono parecchio, ma raramente riesco a rimanere in un museo per piu' di un'ora, dopodiche' il mio cervello va in overdose di arte e non riesce piu' ad apprezzarla (e' vero per tutti i musei, anche quelli europei) L'unico museo in cui sono riuscito a passarci una mezza giornata e' quello dell'olocausto, di Washington DC, veramente ben fatto e molto meno deprimente di quanto pensassi (altamente istruttivo)
United States Holocaust Memorial Museum (http://www.ushmm.org/)

MarcoStraf
10-09-10, 00: 17
Visto che a te piace girare in auto, eccoti 11 spettacolari itinerari (quelli che io ho fatto, ti posso assicurare che ne vale la pena...)
Guardati quelli che possono interessare a te in questo viaggio, ce ne e' uno in Maine e uno in Virginia

The 10 Best Road Trips In America (PHOTOS) (http://www.huffingtonpost.com/2010/09/09/the-10-best-road-trips-in_n_709653.html)

ARAGORN II
10-09-10, 16: 32
Il museo ha due edifici: quello principale (nel mezzo della citta', che ho visitato) e un'altro che hanno recentemente aperto vicino all'aereoporto (che non era ancora aperto quando visitai DC), che e' gigantesco e contiene tutto quello che non hanno potuto mettere nell'edificio principale (incluso lo Shuttle Enterprise), decisamente dovro' visitarlo al mii prossimo viaggio a DC

Innanzi tutto grazie mille Marco sia per questi consigli sia per il link dell'ultimo post! :hap
Si sono dei posti spettacolari... tra i due più probabili (Maine e Virginia) sono rimasto davvero colpito dal Maine, anche se temo che allungando verso nord in quel modo (già dovrei vagliare il passaggio per Boston, anche se sono propenso per farlo) renda la cosa abbastanza improponibile. Bello anche il Virginia, ho visto più o meno la zona e il tragitto, stavo pensando come inserirlo, magari modificando un po' il percorso in qualcosa del tipo: dintorni di Indianapolis -> Knoxville -> Charlotte -> Wilmington. Solo che dovrei pensare bene un attimo a quale sia la strada migliore.

Mentre il museo in centro città come ti è sembrato? Ti era piaciuto?


Capisco la tua reticenza nel visitare i musei americani, ed e' vero che quelli europei sono molto meglio per quanto riguarda l'arte antica, ma alcuni musei di arte moderna negli States sono di prima qualita', ed sarebbe interessante visitarne almeno uno per vedere come sono diversi da quelli europei. Lo Smithsonian, beh, e' unico del suo genere.

Concordo pienamente, sono sicuro che alcuni musei americani meritino molto, forse anche di più di alcuni famosi musei europei, la mia reticenza riguardava soprattutto musei di arte antica come dicevi (quadri, sculture...), per i quali magari si vedono più o meno le stesse cosa qua in Europa (a meno ad esempio di musei dedicati proprio alla storia americana).


Se vuoi ti posso dare la lista dei musei, scelti tra i miei preferiti, che penso possano interessare anche un europeo a causa della loro unicita', una volta che hai una idea delle citta' che vuoi visitare.

Se hai tempo di darmi qualche indicazione sui musei mi fa più che piacere! ;) Dunque per ora credo che le città fisse siano: New York, Boston (con qualche riserva per ora), Montreal, Toronto, Chicago, Wilmington, Washington, Baltimora e Philadelphia (quest'ultima è inserita per spezzare un po' il viaggio e potrei anche cambiare senza problemi). Queste credo siano le più famose, poi ovviamente dovrei valutare un po' quelle "in mezzo".

Mi segno anche il museo dell'olocausto, grazie! :hap Non so se negli 1/2 giorni a Washington riuscirò ad inserirlo, ma è utile tenere in considerazione che c'è e che ne vale la pena.


Tanto per farti una idea dei miei gusti: a me i musei piacciono parecchio, ma raramente riesco a rimanere in un museo per piu' di un'ora, dopodiche' il mio cervello va in overdose di arte e non riesce piu' ad apprezzarla (e' vero per tutti i musei, anche quelli europei)

E' esattamente così anche per me, quando sono stato al British Museum a Londra, bello per carità, ma è enorme, dopo 2 ore avevo la schiena a pezzi e si camminava giusto per riuscire a passare almeno in tutte le stanze, così gran parte dell'interesse va perso.

:bai

Old_Glory
14-09-10, 19: 57
uff arrivo tardi!!!!
Ti copierò senza dubbio questo viaggio!! La scorsa estate ho fatto la california e per capodanno 5 miseri giorni a NY. Ti avverto, ti copio spudoratamente tutto!!

scusate, sto leggendo a "sprazzi" la discussione. Ogni tanto quindi edito il post.

Per la carta di credito io l ho usata abbondantemente entrambe le volte. Soprattutto per effettuare pagamenti e non c'è nessuna commissione (Visa con carta della mediolanum).

Una volta l ho usata a Las Vegas per ritirare i soldi e la commissione c'è stata (non vorrei dire una cavolata, quindi prendila con le molle): al POS ti dice quanto costa la commissione, e nel caso di Las Vegas è più alta del solito (so di certo che agli Universal Studios era più bassa, il mio amico ha prelevato da lì) forse va in base allo Stato o alla Contea oppure boh. Comunque mi pare che ci sia una quota fissa (non ricordo quanto) e una quota in percentuale. Non ricordo se una di queste quote varia in base a quanto ritiri.

Comunque io son partito con i contanti, ma quando possibile pagavo con carta (escluso taxi e piccole spese).

Per il telefono: io avevo un cellulare Nokia triband (cmq modello vecchissimo della Nokia) e non avevo problemi, tranne per il fatto che:
- spendi uno sproposito sia quando chiami che quando ricevi o mandi sms
- dipende dove vai e non sempre c'è segnale o se c'è magari non di una compagnia "affiliata" a Vodafone (ad esempio a Beatty, Nevada)
Quindi io ho nel 90% dei casi ho usato Skype. Negli alberghi ho sempre trovato internet compreso nel prezzo della camera, ed girando con il notebook spesso e volentieri quando mi serviva trovato un accesso libero (ad esempio al Sequoia National Park il cellulare non prendeva, ma c era la wi-fi). A Times Square a NY internet lo "regala" Yahoo.

Per il resto c'è Marco che a me lo scorso anno è stato di grandissimo aiuto, anche se non sempre l ho ascoltato e fatto di testa mia (vedi il museo dei computer a Mountain View :-D )

Per i musei a NY io mi son perso il Metropolitan perchè avendo pochi giorni a disposizione, non volevo vederlo di corsa.
Ho puntato quindi sul MOMA (a me è piaciuto davvero molto) e il Guggenheim.

MarcoStraf
14-09-10, 21: 19
... c'è Marco che a me lo scorso anno è stato di grandissimo aiuto, anche se non sempre l ho ascoltato e fatto di testa mia ...
Grazie! E hai fatto bene a non ascoltarmi sempre :) io posso dare solo consigli, spetta poi a voi decidere.

PS nessuno interessato al Giappone? Per quello di consigli ne ho una marea :)

ARAGORN II
16-09-10, 11: 34
uff arrivo tardi!!!!
Ti copierò senza dubbio questo viaggio!! La scorsa estate ho fatto la california e per capodanno 5 miseri giorni a NY. Ti avverto, ti copio spudoratamente tutto!!

Grazie mille dei consigli Old!! :hap Scusa il ritardo nel rispondere ma sono stato un po' impegnato in questi due giorni.

Non c'è nessun problema! Assolutamente. Anzi mi fa davvero piacere che ti piaccia, se ti può aiutare/far piacere magari posso inserire anche qualche dettaglio in più sui luoghi e sulle tappe.

Come ho detto anche agli altri per me qualsiasi consiglio è davvero ben accetto, quindi per qualsiasi domanda o qualsiasi perplessità ti venga in mente io sono qui.


Per la carta di credito io l ho usata abbondantemente entrambe le volte. Soprattutto per effettuare pagamenti e non c'è nessuna commissione (Visa con carta della mediolanum).

Beh questa è una buona cosa! :sisi Per quanto riguarda la commissione sei sicuro che magari non l'applicavano al cambio? Non so se sia possibile una roba del genere, ma magari potrebbe capitare che se il cambio è, che so, a 1,26 e la commissione è del 1,75%, ti viene applicato un tasso di cambio ridotto di quella percentuale (1,237).

In ogni caso non è problema, se tu quando hai pagato non hai visto nessun costo aggiuntivo, meglio così! Vedrò di trovare una carta di credito che convenga sotto questo punto di vista.


Per il telefono: io avevo un cellulare Nokia triband (cmq modello vecchissimo della Nokia) e non avevo problemi, tranne per il fatto che:
- spendi uno sproposito sia quando chiami che quando ricevi o mandi sms
- dipende dove vai e non sempre c'è segnale o se c'è magari non di una compagnia "affiliata" a Vodafone (ad esempio a Beatty, Nevada)
Quindi io ho nel 90% dei casi ho usato Skype. Negli alberghi ho sempre trovato internet compreso nel prezzo della camera, ed girando con il notebook spesso e volentieri quando mi serviva trovato un accesso libero (ad esempio al Sequoia National Park il cellulare non prendeva, ma c era la wi-fi). A Times Square a NY internet lo "regala" Yahoo.

Infatti anche io conterei di sfruttare le connessioni WiFi libere per i motel/ostelli e se necessario nei luoghi pubblici, anche perchè sarebbe davvero un costo in più non indifferente utilizzare il cellulare per chiamate/sms.


Per i musei a NY io mi son perso il Metropolitan perchè avendo pochi giorni a disposizione, non volevo vederlo di corsa.
Ho puntato quindi sul MOMA (a me è piaciuto davvero molto) e il Guggenheim.

Per i musei invece, non so, nel senso che penso di seguire il consiglio di Marco, quello cioè di non perdermi i musei più particolari e belli che posso incontrare durante il percorso, evitando però le arti antiche, sculture, quadri ecc... anche da questo punto di vista devo ancora fare il punto della situazione.


Grazie! E hai fatto bene a non ascoltarmi sempre :) io posso dare solo consigli, spetta poi a voi decidere.

Si ok questo è giusto, in ogni caso ogni consiglio mi è utile, forse qualche volta si da (ho dato) l'impressione di voler fare di testa mia, soprattutto per quanto riguarda il giro ipotizzato e le tappe, non tanto perchè non volessi seguire i vostri consigli (per altro piuttosto sensati) ma piuttosto perchè la decisione (anche se scrivendo in forum magari non si riesce a dare l'idea) era scaturita da un ragionevolmente lungo ragionamento (si lo so, in italiano è una frase pessima quella che ho appena scritto). :hap


PS nessuno interessato al Giappone? Per quello di consigli ne ho una marea :)

Per quel che mi riguarda, per ora non molto, però forse un giorno... :hap Il fatto è che credo che il Giappone sia una bella terra, ma non so per quale motivo gli Stati Uniti mi hanno sempre colpito di più. Per dire un altra cosa che mi piacerebbe davvero fare è un viaggio in Africa, sempre spostandosi in auto/jeep, mentre vedo (magari sbagliando eh!) il Giappone come una terra più "tranquilla"...

Dunque in questi giorni ho anche rivisto un po' l'itinerario che di massima è sempre lo stesso, ma ho considerato le cose un po' più in dettaglio (ovviamente la cosa riguarda solo alcune tappe, poi dovrò vedere anche le altre):


Boston, penso proprio che inserirò questa tappa che in molti mi avete consigliato! Eliminando una notte a Montreal e aggiungendone una a Boston,
Toronto, ragionando un po' avevo pensato di eliminare il pernottamento a Toronto, sia dai vostri consigli, sia leggendo sul web mi sembra di aver capito non abbia molto da offrire, inoltre ho anche pensato che se devo farmi 800 Km, forse è meglio farsene tutti in un unico giorno, e poi riposarsi un giorno in più piuttosto che dividerli in 2 tappe da 400 Km (che sono comunque stancanti).
Il punto è che, visto che ci sono, mi piacerebbe salire sulla CN Tower (http://it.wikipedia.org/wiki/CN_Tower), facendola diventare una piccola tappa intermedia durante la giornata.
Tuttavia per fare una cosa del genere, bisogna che mi organizzi bene la cosa. Quindi quel giorno dovrei fare una tappa del genere:

a) Montreal (8.00) -> Toronto (14.15): ON-401 W, 545 Km, circa 6 ore e 15 minuti

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjLsLU5WI/AAAAAAAAAvs/cuDUXZnb0v0/montreal-toronto.png

b) Pranzo a Toronto e salita sulla CN Tower: 2 ore (compresa entrata e uscita dalla città) è troppo ottimistico? (14.15-16.15) eventualmente potrei anche rivedere la cosa (anticipando la partenza da Montreal) o eliminare la tappa, anche se mi piacerebbe farci un giro.

c) Toronto (16.15) -> Niagara Falls (Ontario, Canada) (17.50): Queen Elizabeth Way, 127 Km, circa 1 ora e 35 minuti

http://lh3.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjLxZiljI/AAAAAAAAAvw/6gfd_F6p9d0/toronto-niagara.png

in questo modo potrei vedere le cascate sia di giorno (anche se non ho idea di quando tramonti il sole a quelle latitudini, dovrei un attimo vedere) che di sera, illuminate.

d) Visita cascate, cena e dogana Canada-USA (17.50-21.30)

e) Niagara Falls (Ontario, Canada) (21.30) -> motel lungo la strada, dintorni di Erie (Pennsylvania) (23.00): I-90 W, 184 Km, circa 1 ora e 50 minuti

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjMXJbe3I/AAAAAAAAAv0/9KsXVnpVKE8/niagara-erie.png

Ammetto che la cosa è abbastanza complessa, ma se posso dedicare un giorno in più a Chicago ad esempio oppure prendermi con calma un'altra tappa in cui magari c'è più da vedere lo farei volentieri...

Chicago, su questa tappa ancora non ho letto molto, se ne vale la pena, in quanto c'è qualcosa di interessante dove fermarsi potrei spezzarla in due, altrimenti sarebbe un unica tappa.

f) motel lungo la strada, dintorni di Erie (Pennsylvania) -> Chicago: I-90 W, 712 Km, circa 7 ore e 10 minuti


In tutto questo ho eliminato Detroit, devo dire che da un lato mi preoccupava un po' la cosa, dall'altro mi incuriosiva, però anche Marco mi diceva che non c'è granché da vedere, giusto? Quindi ho pensato fosse il caso di toglierla...

Mi fermo qui anche se le prossime due tappe erano quelle che avevo "studiato di più", dal momento però che già il post è bello lungo le inserirò nel prossimo. :hap

PS. Ho inserito orario di partenza e di arrivo solo per stimare la fattibilità della cosa, è ovvio che è un'indicazione di massima, credo che il bello di un viaggio sia anche affrontarlo anche un po' così come viene, è giusto però che io sappia che se mi fermo 4 o 5 ore a Toronto, poi non posso pensare di arrivare molto lontano dopo ed è forse il caso che mi trovi un posto per dormire! ;)

:bai

Kirk
16-09-10, 14: 51
Per quel che mi riguarda, per ora non molto, però forse un giorno... Il fatto è che credo che il Giappone sia una bella terra, ma non so per quale motivo gli Stati Uniti mi hanno sempre colpito di più. Per dire un altra cosa che mi piacerebbe davvero fare è un viaggio in Africa, sempre spostandosi in auto/jeep, mentre vedo (magari sbagliando eh!) il Giappone come una terra più "tranquilla".Mmm..senza tappe intermedie? Io la farei, passare da Usa a Africa direttamente potrebbe essere scioccante, oppure no, dipende anche da come viene effettuato il viaggio, e' una mia idea ovviamente, nel senso che seppur di pericoli ce ne possano essere anche in Usa o altri paesi diciamo cosi, industrializzati, gli imprevisti nel continente nero potrebbero essere, dico potrebbero, di piu ardua soluzione, dipende dove vai comunque.

E farsi le ossa con una tappa intermedia da questo punto di vista (media difficolta', io son arrivato fin li ) potrebbe temprare la tua esperienza di viaggiatore.

ARAGORN II
16-09-10, 15: 45
Si si è chiaro! :hap Lo dicevo più che altro come idea, mi piacerebbe parecchio, ma non penso che sia il prossimo viaggio in ordine cronologico, perchè mi rendo conto che l'esperienza potrebbe essere totalmente diversa e ricca di difficoltà. A dire la verità l'anno scorso stavo pensando di scegliere il Congo per fare un tirocinio all'estero con l'università, ovviamente è una cosa diversa rispetto ad un viaggio in jeep, però è per dire che comunque mi attira come cosa...

Tra parentesi, poi non ho più scelto il Congo soprattutto perchè i tempi di quel tirocinio non erano molto compatibili con gli altri esami che avrei dovuto fare, ed ho puntato sull'Australia, ma c'era un unico posto e ne avevo 13 davanti a me... :hap

@Kirk: Se posso, qual'è stata la tua tappa intermedia?

:bai

Kirk
16-09-10, 17: 32
Se posso, qual'è stata la tua tappa intermedia?Piu' che altro America Latina, Messico, Cuba, Peru' Ecuador..
Sempre viaggi fai da te, fuori dai tipici luoghi turistici di massa e dai viaggi organizzati.
Probabile che al momento mi fermi a questi intermedi :ghgh
Almeno lingua e cultura la conosco gia..

A volte c'e' da adattarsi, usi e costumi diversi, anche perche' non ho mai grandi badget e sai, se resti a piedi con un macchina di 30 anni in mezzo a una vallata deserta c'e poco da chiamare il 116 :lol:

Old_Glory
16-09-10, 19: 50
Non c'è nessun problema! Assolutamente. Anzi mi fa davvero piacere che ti piaccia, se ti può aiutare/far piacere magari posso inserire anche qualche dettaglio in più sui luoghi e sulle tappe.


io quello che volevo fare questa estate (poi nulla, ma forse la prossima...) era un po' diverso, ma con tappe in comune.
Infatti il mio viaggio sarebbe stato: Boston ---> New York con treno o bus ---> Cascate del Niagara con pernottamento (bus o volo interno) ---> di nuovo New York ----> Atlantic City con auto a noleggio ---> Philadelphia ---> auto a noleggio ---> Washington. Più o meno una cosa del genre, con magari qualche altra tappa al di là di queste città. Totale giorni 21.


Infatti anche io conterei di sfruttare le connessioni WiFi libere per i motel/ostelli e se necessario nei luoghi pubblici, anche perchè sarebbe davvero un costo in più non indifferente utilizzare il cellulare per chiamate/sms.
Sì internet è davvero facile da trovare. Io ogni sera scrivevo una sorta di "diario di viaggio" sul mio blog. Consiglio anche a te di fare una coa del genere. Perchè tante "cavolate" magari poi puoi scordarle una volta che torni a casa dopo un viaggio così lungo e vario. Poi mi raccomando foto e video a nastro!!

Per quanto riguarda la commissione sei sicuro che magari non l'applicavano al cambio?
Applicavano al cambio deciso da loro in quel momento. Ma i cambi fluttuano in ogni momento. Quello non dipende dall'uso della carta.

Per gli orari e le tappe: fai bene a fare una stima del genre. Lo scorso anno anche io la feci. Però non seguendola al millesimo, perchè giustamente oltre all'imprevisto può accadere anche che ti piace visitare maggiormente un certo posto quando ci sei. Considera poi che i limiti stradali vengono molto rispettati, se sei in ritardo e fai lo sborone, non passi inosservato.

ARAGORN II
18-09-10, 15: 19
Piu' che altro America Latina, Messico, Cuba, Peru' Ecuador..
Sempre viaggi fai da te, fuori dai tipici luoghi turistici di massa e dai viaggi organizzati.

Beh assolutamente, insomma una cosa del genere attira molto anche me, è ovvio che parlando di Africa ad esempio, la cosa diventi sicuramente più complessa, ma credo che anche viaggi "intermedi", come dicevi, regalino molte soddisfazioni! ;)

Proprio per questo tentavo di inserire una parte meno turistica/battuta nel viaggio, cosa che sulla parte on the road (magari dopo Chicago) risulta più semplice, mentre è più difficile quando si visitano grandi città, come New York, Washington e la stessa Chicago, soprattutto perchè la prima volta ci sono posti che non puoi saltare... ma le possibilità sono talmente tante che c'è solo da cercare!

Una curiosità, ma la macchina di 30 anni era quella che ti hanno dato al noleggio?! :hap


io quello che volevo fare questa estate (poi nulla, ma forse la prossima...) era un po' diverso, ma con tappe in comune.
Infatti il mio viaggio sarebbe stato: Boston ---> New York con treno o bus ---> Cascate del Niagara con pernottamento (bus o volo interno) ---> di nuovo New York ----> Atlantic City con auto a noleggio ---> Philadelphia ---> auto a noleggio ---> Washington. Più o meno una cosa del genre, con magari qualche altra tappa al di là di queste città. Totale giorni 21.

Beh niente male come itinerario! Più o meno queste sono le grandi città che vorrei toccare io, a parte Atlantic City, non ci avevo proprio pensato, (scusa l'ignoranza) ma c'è qualcosa in particolare per cui passi di li? L'unica cosa è che io per forza di cose dovrò rimanerci meno giorni, a parte New York che mi piacerebbe vedere bene.

Anche riguardo Boston, mi piacerebbe davvero passarci, solo che ogni tanto mi viene qualche dubbio, soprattutto perchè la deviazione non proprio una cosa da niente... mi sai/sapete dirmi qualcosa riguardo Boston? Cosa magari si possa vedere in 1/2 giorni?


Io ogni sera scrivevo una sorta di "diario di viaggio" sul mio blog. Consiglio anche a te di fare una coa del genere. Perchè tante "cavolate" magari poi puoi scordarle una volta che torni a casa dopo un viaggio così lungo e vario. Poi mi raccomando foto e video a nastro!!

Senz'altro! Ricevuto! :hap A parte gli scherzi il diario di viaggio pensavo di tenerlo anch'io, magari prima scrivere qualcosa a penna, poi organizzare il tutto e scriverlo su un forum/blog. Per le foto spero di riuscire ad avere una buona macchina per quella volta, ho un amico che ha una reflex Canon e mi sta appassionando un bel po' le foto che fa, rispetto alle tradizionali, sono un altro mondo, nonostante ci voglia una buona pratica dietro!


Applicavano al cambio deciso da loro in quel momento. Ma i cambi fluttuano in ogni momento. Quello non dipende dall'uso della carta.

Si infatti quello è vero, beh speriamo che non sia troppo sfavorevole... per ora siamo sugli 1,30, che non è male, ma in un anno può cambiare molto la cosa.

http://it.ichart.yahoo.com/z?s=EURUSD=X&t=1y&l=on&z=m&q=l
(spero che l'immagine sia visibile)


Per gli orari e le tappe: fai bene a fare una stima del genre. Lo scorso anno anche io la feci. Però non seguendola al millesimo, perchè giustamente oltre all'imprevisto può accadere anche che ti piace visitare maggiormente un certo posto quando ci sei. Considera poi che i limiti stradali vengono molto rispettati, se sei in ritardo e fai lo sborone, non passi inosservato.

Si infatti è anche quello il bello, avere una buona idea di quello che si vuole fare, ma lasciare che qualcosa di imprevisto accada!

Riguardo i limiti, starò attento a rispettarli, non vale la pena rischiare. Tu avuto qualche esperienza spiacevole a riguardo?

:bai

Old_Glory
18-09-10, 18: 18
Più o meno queste sono le grandi città che vorrei toccare io, a parte Atlantic City, non ci avevo proprio pensato, (scusa l'ignoranza) ma c'è qualcosa in particolare per cui passi di li?

In pratica se vai lì d'estate nei dintorni ci sono le spiagge. Non che sia mio interesse totale andare al mare (anzi all'oceano) in America, ma neanche mi dispiacerebbe. Poi soprattutto è la Las Vegas della costa est, per quanto riguarda i casinò. Non sono un giocatore e non amo il gioco d'azzardo, ma non viaggio da solo e devo adattarmi anche alle esigenze degli altri :)
Al di là di loro, comunque ci sarei andato lo stesso. Pur conscio del fatto che non sarà come las vegas, mi sono divertito molto. E cosa importante, sono riuscito a chiudere i conti in pari ehehe.

Anche riguardo Boston, mi piacerebbe davvero passarci, solo che ogni tanto mi viene qualche dubbio, soprattutto perchè la deviazione non proprio una cosa da niente... mi sai/sapete dirmi qualcosa riguardo Boston? Cosa magari si possa vedere in 1/2 giorni?
Forse è difficile da credere, ognuno ha le sue fisse. Fin da piccolo Boston, mi ha sempre attratto. La vedo come una tappa fondamentale. E già lo saltata in passato... Dal punto di vista storico mi attira perchè è molto europeizzata, molto irlandese, poi lì vicino c'è il MIT (un amico lavora lì e può essere un bel punto di appoggio anche per le dritte, i locali etc). Poi vabbeh la biblioteca pubblica, la trinity church, e tanti posti visti in molti film... Cioè via mi piace andarci, anche se magari non è NY o New Orleans....

Senz'altro! Ricevuto! A parte gli scherzi il diario di viaggio pensavo di tenerlo anch'io, magari prima scrivere qualcosa a penna, poi organizzare il tutto e scriverlo su un forum/blog
Io avevo iniziato con un post ogni giorni sul blog. Poi al ritorno volevo farne uno più dettagliato... Il primo è completo, mentre il secondo è composto da due o tre soli articoli... poi è passata la voglia ed il tempo eheheh. Per questo consiglio di buttare giù qualcosa immediatamente, prima che sia poi troppo tardi.
Ora ho disattivato le etichette a lato, cmq puoi vedere qui (Senz'altro! Ricevuto! A parte gli scherzi il diario di viaggio pensavo di tenerlo anch'io, magari prima scrivere qualcosa a penna, poi organizzare il tutto e scriverlo su un forum/blog) i post riguardanti gli usa. Quelli che iniziano con "day" ad esempio "day 1" day 12" e così via sono quelli scritti lì per lì. Gli altri invece in seguito.
Quando so andato a NY non lo ho scritto e meno pento, ma non avevo il pc dietro.


Tu avuto qualche esperienza spiacevole a riguardo?
Senti, i primi giorni andavamo decisamente entro i limiti. Leggendo su internet c'erano brutte storie di gente fermata dai poliziotti, multe salate ed anche altro. Dopo un po' però abbiamo visto che qualcuno superava questi limiti. Quindi senza esagerare troppo noi ci mettevamo dietro alle auto che andavano un po piu veloce, ed incrociavamo le dita. Non lo facevamo troppo spesso, ma qualche volta abbiamo superato i limiti (che cmq sono molto bassi).
Non abbiamo mai sfidato la sorte guidando briachi (o con bottiglie o lattine di alcolici in auto), non abbiamo mai fatto gli stupidi e così via. Quindi esperienze negative no, per fortuna.
Ah di là, si può sorpassare a destra. Le strade so immense, quindi è normale, altrimenti sarebbe un casino prendere le varie uscite, anche se il tomtom ti avvisava in tempo.
Poi per la guida che altro? le regole son più o meno simili. Mi sembra che quando il semaforo è rosso però puoi svoltare a destra se non ci sono pedoni, e in un incrocio senza semafori ha diritto di precedenza chi arriva prima allo stop. Vabbeh so cmq cose di poco conto. Gli autisti son più disciplinati che da noi, in generale. A los angeles invece no. A NY non ho mai guidato. e non ho intenzione di guidarci sinceramente.

ARAGORN II
19-09-10, 22: 06
Non sono un giocatore e non amo il gioco d'azzardo, ma non viaggio da solo e devo adattarmi anche alle esigenze degli altri :)
Al di là di loro, comunque ci sarei andato lo stesso. Pur conscio del fatto che non sarà come las vegas, mi sono divertito molto. E cosa importante, sono riuscito a chiudere i conti in pari ehehe.

No infatti quando si viaggia in gruppo è normale che si debbano conciliare un po' i desideri di tutti! Credo che poi l'importante è che la compagnia abbia più o meno il tuo stesso spirito riguardo al viaggio, altrimenti diventa difficile... ad ogni modo grazie per le informazioni, non penso la inserirò come tappa, visto che da quelle parti mi piacerebbe già vedere qualcos'altro e tutto non si può fare! :hap


Forse è difficile da credere, ognuno ha le sue fisse. Fin da piccolo Boston, mi ha sempre attratto. La vedo come una tappa fondamentale. E già lo saltata in passato... Dal punto di vista storico mi attira perchè è molto europeizzata, molto irlandese, poi lì vicino c'è il MIT (un amico lavora lì e può essere un bel punto di appoggio anche per le dritte, i locali etc).

Si senza dubbio, io anche ne ho sempre letto molto bene, poi certo se hai anche un appoggio di quel genere, è davvero un peccato non passarci! ;) Comunque avendo anche ridotto di 1/2 giorni la permanenza a Montreal e Toronto, per ora l'ho inserita nell'itinerario e credo che ce la manterrò! :hap

Considerando che da New York a Boston ci dovrebbero volere circa 4 ore, senza considerare l'uscita da New York, per la quale per sicurezza metterei in conto un'ora e mezzo, dato che sarà sicuramente dopo le 8 (non mi pare che il noleggio apra prima), cioè fondamentalmente non ho la più pallida idea di quanto ci possa volere, non so se può essere una stima sensata...

Avrei quindi a disposizione circa un giorno pieno e mezzo, so che non è molto, ma a proposito del MIT stavo vedendo che è possibile sia fare un tour del campus (http://web.mit.edu/visit/do.html) che visitare il museo (http://web.mit.edu/museum/index.html), che a leggere sul sito deve essere piuttosto interessante! Qualcuno l'ha mai visto direttamente?


Ora ho disattivato le etichette a lato, cmq puoi vedere qui i post riguardanti gli usa. Quelli che iniziano con "day" ad esempio "day 1" day 12" e così via sono quelli scritti lì per lì. Gli altri invece in seguito.

Stavo provando a vederli, ma ho qualche problema con il link... non riesco a vedere l'indirizzo. :hap Penso tu abbia ragione a proposito del prendere appunti al momento, io nei scorsi viaggi non l'ho mai fatto, ma questa volta vorrei provare, anche perchè scrivere tutto dopo un mese o due fa perdere molto di spontaneità.


Leggendo su internet c'erano brutte storie di gente fermata dai poliziotti, multe salate ed anche altro. Dopo un po' però abbiamo visto che qualcuno superava questi limiti. Quindi senza esagerare troppo noi ci mettevamo dietro alle auto che andavano un po piu veloce, ed incrociavamo le dita. Non lo facevamo troppo spesso, ma qualche volta abbiamo superato i limiti (che cmq sono molto bassi).

Capisco, non so, certo che se dovesse succedere non sarebbe una bella cosa, ad ogni modo cercherò di rispettarli, d'altronde anche qui in Italia, tra autovelox e tutor cerco di essere sempre entro il limite, a parte quando mi capitano assurdi limiti di 50 Km/h... piazzati probabilmente a caso!


Non abbiamo mai sfidato la sorte guidando briachi (o con bottiglie o lattine di alcolici in auto), non abbiamo mai fatto gli stupidi e così via.

Non che voglia guidare dopo aver bevuto o bevendo, ma... davvero non si possono portare neanche bottiglie in auto, tipo una birra?


e in un incrocio senza semafori ha diritto di precedenza chi arriva prima allo stop. Vabbeh so cmq cose di poco conto. Gli autisti son più disciplinati che da noi, in generale. A los angeles invece no. A NY non ho mai guidato. e non ho intenzione di guidarci sinceramente.

Questa è una cosa che non ho mai capito bene, non so se l'avevo già domandato a Marco, forse mi confondo, oppure mi sono dimenticato (che è possibile, scusate), ma come faccio a ricordarmi chi è arrivato prima all'incrocio? Cioè se non sono la prima auto della fila (ad esempio la terza), dovrei anche tenere in conto le auto che arrivano dietro le prime nelle altre 3 strade? C'è qualcosa che non mi è chiaro... :boh

Non penso guiderò a New York, l'unico problema e uscire una volta noleggiata l'auto, supponendo di farlo in qualche autonoleggio a Manhattan, e poi ritornare a fine viaggio. Speriamo di cavarcela! :hap

Nel frattempo, leggendo qualche racconto su internet e la Lonely Planet, ho buttato giù con un po' più di attenzione il tragitto da percorrere per andare da Boston a Montreal.

Boston -> Montreal: 571 Km, circa 6 ore e 39 minuti

via:
- I-95 N (fino a Portsmouth, New Hampshire)
- NH-16 N (fino a Conway, New Hampshire)
- NH-112 W (Kancamagus Hwy): la Lonely Planet ne parla molto bene, dice che è una delle migliori strada del New England, non ne ho idea, ma mi fido, è una strada che attraversa la White Mountain National Forest
- I-93 N
- I-91 N

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJZrD7ZS2eI/AAAAAAAAAwI/ufXCt1ayNq4/boston-montreal2.png

da Boston, Massachusetts, Stati Uniti a Montréal, Québec, Canada - Google Maps (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Boston,+Massachusetts,+Stati+Uniti&daddr=NH-113+E%2FNH-16+N+to:NH-112+E%2FKancamagus+Hwy+to:Montr%C3%A9al,+Qu%C3%A9b ec,+Canada&geocode=FZ9WhgIdw7bD-ykbMT0NLWXjiTGg6GIBJL98eA%3BFT4MnwIdNpPC-w%3BFah9nwIdJyS--w%3BFQNptgIdvqad-ykNt2QcVBrJTDHv7x8hODFOZQ&hl=it&mra=dme&mrcr=0,1&mrsp=1&sz=13&doflg=ptk&sll=43.984787,-71.111927&sspn=0.061634,0.154324&ie=UTF8&ll=44.418088,-71.446838&spn=0.978897,2.469177&t=h&z=9)

:bai

Kirk
20-09-10, 13: 35
Una curiosità, ma la macchina di 30 anni era quella che ti hanno dato al noleggio?!SI ma..diciamo un noleggio privato :ghgh
So comunque di qualcuno che rimase a piedi con un macchina di un paio d'anni.. cioe' non e' che voglia portar scalogna era solo per dire che niente e' impossibile :lol:

p.s. la fortuna all'epoca e' che l'unico che passo' in un'ora era un ex meccanico in pensione che si arrangio' per farci arrivare almeno in paese.

Old_Glory
20-09-10, 14: 38
Considerando che da New York a Boston ci dovrebbero volere circa 4 ore, senza considerare l'uscita da New York, per la quale per sicurezza metterei in conto un'ora e mezzo, dato che sarà sicuramente dopo le 8 (non mi pare che il noleggio apra prima), cioè fondamentalmente non ho la più pallida idea di quanto ci possa volere, non so se può essere una stima sensata...
Vabbe l'auto i conviene prenderla all'aeroporto. Anche se magari sono già alcuni giorni che sei a NY. Tanto per arrivare all'aeroporto fai presto, con mezzi pubblici, taxy o bus navetta.
Il vantaggio di prendere l'auto all'aeroporto è che sei già fuori città (traffico lì comunque ce ne è tanto lo stesso), dovrebbero essere aperti 24/24 (almeno a san francisco e los angeles era così, penso pure a NY)
) e poi alcune compagnie hanno migliori offerte (tipo il navigatore) se prendi all aeroporto.

Avrei quindi a disposizione circa un giorno pieno e mezzo, so che non è molto, ma a proposito del MIT stavo vedendo che è possibile sia fare un tour del campus che visitare il museo, che a leggere sul sito deve essere piuttosto interessante! Qualcuno l'ha mai visto direttamente?
io la farei con quel mio amico anzhe se per lui non è tanto interessante, ma lui non fa testo, ci passa ogni giorno lì dentro e non ha il mio stesso amore per le cose.

Non che voglia guidare dopo aver bevuto o bevendo, ma... davvero non si possono portare neanche bottiglie in auto, tipo una birra?
Puoi portarle, ma non devono essere aperte.

Questa è una cosa che non ho mai capito bene, non so se l'avevo già domandato a Marco, forse mi confondo, oppure mi sono dimenticato (che è possibile, scusate), ma come faccio a ricordarmi chi è arrivato prima all'incrocio? Cioè se non sono la prima auto della fila (ad esempio la terza), dovrei anche tenere in conto le auto che arrivano dietro le prime nelle altre 3 strade? C'è qualcosa che non mi è chiaro...
boh nell'incertezza fai passare gli altri :D

ARAGORN II
20-09-10, 20: 13
SI ma..diciamo un noleggio privato

Ah... ecco... :ghgh No infatti niente è impossibile, questo bisogna ricordarselo, anche se certo, rimanere a piedi in mezzo al nulla non deve essere esattamente simpatico! :hap


Vabbe l'auto i conviene prenderla all'aeroporto. Anche se magari sono già alcuni giorni che sei a NY. Tanto per arrivare all'aeroporto fai presto, con mezzi pubblici, taxy o bus navetta.
Il vantaggio di prendere l'auto all'aeroporto è che sei già fuori città (traffico lì comunque ce ne è tanto lo stesso), dovrebbero essere aperti 24/24 (almeno a san francisco e los angeles era così, penso pure a NY)
) e poi alcune compagnie hanno migliori offerte (tipo il navigatore) se prendi all aeroporto.

Infatti, ieri dopo aver scritto il messaggio c'avevo pensato! In effetti non sarebbe un'idea per niente cattiva, anche perchè intorno all'aeroporto ci dovrebbero essere tra la principali compagnie di autonoleggio.

A proposito del navigatore... secondo voi sarebbe una cosa poco sana decidere di non prenderlo e fare tutto alla vecchia maniera con atlanti e cartine per le città? Non tanto per il costo, ma più che altro così, sinceramente mi è capitato di usarlo qui in Italia in grandi e medie città tipo Roma, Bologna, Bolzano ma mi sono trovato sempre meglio senza. Vabbè era così per chiedere. ;)

Ok per le bottiglie ricevuto!


boh nell'incertezza fai passare gli altri :D

In effetti, mi sa che è l'unico modo... eheh!! :hap Poi magari nel 2025 sono ancora li fermo, ma ci può stare!

:bai

Old_Glory
20-09-10, 20: 19
A proposito del navigatore... secondo voi sarebbe una cosa poco sana decidere di non prenderlo e fare tutto alla vecchia maniera con atlanti e cartine per le città?
Boh gli "antichi" vivevano bene anche senza il gps.
Io senza, non sarei riuscito a fare il giro che ho fatto. Almeno all'interno delle città o per trovare alberghi e posti... Senza contare che indica quanto tempo ci vuole per arrivare ad una destinazione, trova i benzinai etc.
Cmq di sicuro è fattibile anche senza, ma magari è una preoccupazione in meno e ti godi meno il paesaggio se devi star sempre a guardare i cartelli o i limiti da seguire... In ogni caso considera che fino a pochi anni fa, facevano tutto senza...

MarcoStraf
20-09-10, 22: 40
Mi piacerebbe avere il tempo per aprire una discussione "come noleggiare e guidare l'auto negli USA" :hap

Veloce veloce, a riguado il "all way stop" (ossia lo stop in ogni direzione), che e' facilissimo (ed efficientissimo)
How to Handle a 4-Way Stop | eHow.com (http://www.ehow.com/how_2075341_handle-4way-stop.html)
All-way stop - Wikipedia, the free encyclopedia (http://en.wikipedia.org/wiki/All-way_stop)

Ricordarsi bene: fare uno "stop" completo (full stop), ossia le ruote devono fermarsi completamente. Se c'e' un poliziotto guarda se la vostra auto fa un "sobbalzo", ossia dondola su e giu', per accertarsi che si sia fermata. La multa e' salatissima.

La regola e' semplicissima: il primo veicolo che si ferma completamente alla linea dello stop e' quello autorizzato a ripartire per primo (e lo puo' fare solo quando l'incrocio e' libero di auto). In altre parole, finche' siete in coda non conta nulla, la regola inizia quando siete davanti allo stop.

Un'altra cosa che in genere non si trova in rete: il traffico stradale negli USA e' governato dalle leggi statali, e non federali, A volte le regole sono diverse perfino da contea a contea. Il "all-way stop" e' una delle regole comuni in tutti gli stati.
E una altra ancora veloce: agli incroci, i pedoni hanno sempre la precedenza, anche in mancanza di segnaletica.

Navigatore satellitare: gli States sono immensi, se volete visitarli viaggiando molto in auto sapete quante cartine avete bisogno? Il navigatore e' consigliatissimo (ma ovvio: fate vobis, ossia it's up to you :hap )

ARAGORN II
21-09-10, 21: 29
Veloce veloce, a riguado il "all way stop" (ossia lo stop in ogni direzione), che e' facilissimo (ed efficientissimo)
How to Handle a 4-Way Stop | eHow.com
All-way stop - Wikipedia, the free encyclopedia
[...]

Grazie Marco ho letto entrambi i link e la tua spiegazione ed ora la cosa mi è decisamente più chiara. :hap

C'era per un passo su wikipedia che non sono riuscito a capire/tradurre bene, dice:



After a full-stop has been made, vehicles usually have the right-of-way to proceed through the intersection in the order that they arrived at the intersection. In the USA, if vehicles arrive at approximately the same time, each driver must yield to the drivers on their right...

Dovrebbe essere, qualcosa del tipo:


Dopo aver fermato completamente l'automobile allo stop (parafrasando un po' :hap), di solito i veicoli che hanno the right-of-way (?) debbono procedere attraverso l'intersezione nell'ordine in cui sono arrivati all'incrocio. Negli USA, se i veicoli arrivano approssimativamente nello stesso momento, ogni guidatore deve lasciare la precedenza (?) a coloro che si trovano alla propria destra...

Per il resto ci sono, ai pedoni sempre la precedenza, fermare completamente l'auto, guardare chi è arrivato per primo alla linea dello stop e aspettare il proprio turno.


Navigatore satellitare: gli States sono immensi, se volete visitarli viaggiando molto in auto sapete quante cartine avete bisogno? Il navigatore e' consigliatissimo (ma ovvio: fate vobis, ossia it's up to you )

Si ovviamente, in effetti devo pensarci un attimo, in ogni caso visto che un atlante mi servirà comunque, tanto volte il navigatore non funzionasse o cose del genere, ho acquistato (cioè devo ancora sapere se il pagamento è andato a buon fine, con la PostePay qualche scherzo capita qualche volta) un atlante della American Map, che conto di sfogliare per bene prima di decidere. :hap


Mi piacerebbe avere il tempo per aprire una discussione "come noleggiare e guidare l'auto negli USA" :hap

Questa sarebbe un ottima idea! :hap Io per ora non ho cercato moltissimo, però con la Hertz ho trovato prezzi discreti. Inoltre mi sono informato su alcuni punti:
- per guidare senza sovrapprezzo ci vogliono 25 anni, come mi dicevate (e ci sarei),
- se si vuole andare in Canada non bisogna pagare niente in più, ma bisogna comunicarlo all'agenzia quando si ritira l'auto,
- serve una carta di credito con i numeri per garanzia (anche questo era stato detto),
- rifiutare l'opzione del pieno alla partenza, conviene sempre riportare l'auto con il pieno, ma evitare questa cosa,
- l'assicurazione è compresa nel prezzo, però se ne possono fare di aggiuntive, non so se sia saggio o meno?

:bai

Old_Glory
24-09-10, 16: 56
- rifiutare l'opzione del pieno alla partenza, conviene sempre riportare l'auto con il pieno, ma evitare questa cosa,

Mmmmm.
In che senso rifiutare il pieno? Io a San Francisco ho preso l'auto in città e senza pieno. Ma senza pieno per loro è decisamente vuota!!
Una volta uscito dal noleggiatore (Alamo con cui mi son trovato amle e ti scosniglio) cerco un benzinaio. Che ovviamente non è in centro. Ed il TomTom prima di agganciarsi ai satelliti ci ha messo almeno 15 minuti. Non so se per colpa dei palazzi alti o altro, ma in città di metteva un po' a trovare segnale. Ho rischiato di rimanere a secco.
Altra parentesi: lì la benzina te la regalano praticamente... In California costa un po' di più, ma sempre motlo meno che da noi!!

- l'assicurazione è compresa nel prezzo, però se ne possono fare di aggiuntive, non so se sia saggio o meno?

Quelle aggiuntive le ho fatte (lì sul posto). Non costano tanto, ma non so poi quanto convengano... Una era relativa mi sembra al carro attrezzi con macchina sostitutiva... Uno era un "kit" non mi ricordo cosa.

MarcoStraf
24-09-10, 17: 47
... Non costano tanto, ma non so poi quanto convengano...

Immagina di guidare a 25 all'ora in un centro residenziale. Investi un stupido gatto e lo fai secco, davanti agli occhi del padrone. Che è il CEO di una azienda Fortune 500. Che ti fa causa per trauma psicologico per cui non ha potuto lavorare, facendo perdere milioni di dollari alla sua azienda.
Non sto scherzando. Un piccolo incidente ha solo bisogno di qualche migliaio di dollari da un carrozziere. Se ci va di mezzo un ospedale o peggio, devi lavorare il resto della tua vita per pagare le spese.
L'assicurazione auto negli USA costa cara per questo motivo, ma ne vale la pena se si pensa alle conseguenze.

ARAGORN II
25-09-10, 19: 01
Mmmmm.
In che senso rifiutare il pieno? Io a San Francisco ho preso l'auto in città e senza pieno. Ma senza pieno per loro è decisamente vuota!!

In realtà era una cosa che avevo letto da qualche parte, in un forum credo, ma non so se possa essere una buona idea! :hap Comunque in sostanza si diceva che spesso la compagnia di noleggio di chiede se vuoi il pieno alla partenza in modo tale che quando lasci l'auto non devi riportarla con il pieno appunto.

Si diceva che il costo del pieno che ti addebitano è superiore a quello che spenderesti se andassi a farla tu direttamente dal benzinaio e che al ritorno quasi mai avrai l'auto a secco. Comunque è sempre una questione di un qualche decina di dollari... non so se vale la pena se soprattutto devi penare non poco a trovare presto un distributore appena uscito dal noleggio!

Per quanto riguarda Alamo, me lo sconsigliavi per il prezzo? O altro?

Facendo un preventivo così senza starci a riflettere troppo, vedo che per 18 giorni (per ora è indicativo):
- Hertz, classe compact, da JFK: 713,52 €

compreso:
- chilometraggio illimitato,
- recupero oneri per concessione aeroportuale,
- LDW, esonero penalità risarcitoria per danni e furto
- tasse
- supplemento per assicurazione responsabilità
- VEH LIC COST RECOVERY
- importo transazione

- AVIS, classe compact, da JFK: 791,56€

compreso:
- Responsabilità Civile verso terzi (RC)


Servizi Addizionali
Le seguenti opzioni vanno acquistate in aggiunta per ridurre o eliminare la responsabilità finanziaria da parte del cliente in caso di imprevisti. Scopri le nostre diverse soluzioni per:

Danni
- Riduzione responsabilità per danni al veicolo noleggiato (CDW)
- Eliminazione della responsabilità per danni al veicolo noleggiato (SuperCDW)

Furto
- Riduzione della responsabilità per furto del veicolo noleggiato (TP)
- Eliminazione della responsabilità per furto del veicolo noleggiato (SuperTP)

Danni e Furto
- Eliminazione responsabilità per danni e furto del veicolo noleggiato (SuperCOVER)



da quello che vedo è compreso solo questo, il resto sono tutti servizi aggiuntivi, ma guardando il sito non mi è chiaro per niente, sinceramente.

Per quanto riguarda l'Alamo ho visto che il costo, sempre per un'auto della stessa classe e per lo stesso numero di giorni si aggira attorno ai 790€, anche se ho preso come periodo di riferimento Marzo 2011, dato che non mi permetteva di fare il preventivo su Settembre 2011 (come fatto per Hertz e AVIS).

Solo che come dicevi Marco, andando a leggere nel dettaglio si vede che ci sono un'infinità di clausole, ciascuna diversa non per ogni stato, ma quasi.


Immagina di guidare a 25 all'ora in un centro residenziale. Investi un stupido gatto e lo fai secco, davanti agli occhi del padrone. Che è il CEO di una azienda Fortune 500. Che ti fa causa per trauma psicologico per cui non ha potuto lavorare, facendo perdere milioni di dollari alla sua azienda.
Non sto scherzando. Un piccolo incidente ha solo bisogno di qualche migliaio di dollari da un carrozziere. Se ci va di mezzo un ospedale o peggio, devi lavorare il resto della tua vita per pagare le spese.

:shock Ok bisogna stare piuttosto attenti! Certo sarebbe spiacevole a dir poco... comunque leggendo (dal sito dell Hertz) vedo che ci sono i servizi aggiuntivi di cui parlavate.


Copertura supplementare responsabilità civile (LIS - Liability Insurance Supplement)

La "Copertura supplementare sulla responsabilità civile - LIS" innalza il limite di copertura fino ad un totale cumulato per lesioni fisiche e/o danni al veicolo pari a USD 1,000,000.00 ( NB: nelle Hawaii l’opzione "Copertura supplementare responsabilità civile - LIS" estende tale valore a USD 2,000,000.00 ).

La "Copertura supplementare responsabilità civile - LIS" include anche la copertura per gli automobilisti non totalmente assicurati per un totale cumulato per lesioni fisiche e/o danni al veicolo fino a USD 100,000.00 ( Eccezione: nello stato di New York la "Copertura supplementare responsabilità civile - LIS" offre una copertura fino a USD 100,000.00 per le persone e USD 300,000.00 per incidente.

Copertura per gli automobilisti non totalmente assicurati. I risarcimenti in seguito ad incidente sono soggetti ai limiti di coperture personali della persona. Nel Vermont la "Copertura supplementare responsabilità civile - LIS" copre fino a 50,000.00 per le persone e fino a USD 100,000.00 per incidente.


Assicurazione Personale - PAI (Personal Accident Insurance)

L’'Assicurazione personale' è una copertura opzionale, offerta in combinazione con la "Copertura effetti personali" (PEC), per ogni incidente che dia luogo a decesso o a lesioni personali durante il noleggio dell’auto, proteggendo il noleggiante ed i passeggeri trasportati.

Morte accidentale

USD 175,000.00 (per guidatore)
USD 17,500.00 (per passeggero)

Spese mediche per incidente

non devono eccedere (tranne che nello Stato di N.Y.)

USD 2,500.00 (per guidatore)
USD 2,500.00 (per passeggero)

solo nello Stato di New York

USD 3,500.00 (per guidatore)
USD 3,500.00 (per passeggero)

Spese per l'ambulanza

non devono eccedere (tranne che nello Stato di N.Y.)

USD 250.00 (per guidatore)
USD 250.00 (per passeggero)

solo nello Stato di New York

USD 150.00 (per guidatore)
USD 150.00 (per passeggero)

L’indennità totale per ogni incidente è limitata ad USD 225,000.00.

Insomma un bel casino... però per ora sarei più indirizzato verso Hertz, a meno di non trovare qualcosa di più economico.

:bai

MarcoStraf
25-09-10, 19: 26
Aragorn visto che devi guidare un sacco ti sconsiglio veramente una compact
Se proprio non vuoi una full-size, che sarebbe il mio consiglio, vai almeno con una mid-size.
Ovviamente il portafogli è tuo, ma ti assicuro che specie in una vacanza fa una bella differenza guidare per cinque sei ore e arrivare a destinazione fresco come una rosa, invece che con la schiena a pezzi a causa di sedili scomodi e un mal di testa a causa di un motore rumoroso. Tieni presente che le strade americane non sono come le autostrade italiane che sono lisce come il velluto, ma sono fatte per il traffico pesante.

ARAGORN II
28-09-10, 15: 55
In effetti hai ragion Marco stavo vedendo che la differenza è di circa una trentina di €:
- Compact (Chevrolet Cobalt o simili): 710,74€
- Intermediate (Nissan Sentra o simili): 742,40€

mentre maggiore è la differenza con una full-size, si arriva a quasi 160,00€ in più e credo proprio di non farcela, soprattutto se sarò da solo (in effetti il noleggio dell'auto diventa una spesa parecchio importante se non c'è qualcuno con cui dividerla):
- Full-size (Chevrolet Impala o simili): 871,10€

A proposito di autostrade, ho letto che alcuni tratti (come ad esempio quello che costeggia il lato sud del lago Erie e pochi altri) sono a pagamento, che tu sappia funzionano come in Italia con casello d'entrata e casello d'uscita? Oppure hanno un prezzo fisso a tratta come accade in alcune sono in Francia/Svizzera?

:bai

MarcoStraf
28-09-10, 16: 37
... A proposito di autostrade, ho letto che alcuni tratti (come ad esempio quello che costeggia il lato sud del lago Erie e pochi altri) sono a pagamento, che tu sappia funzionano come in Italia con casello d'entrata e casello d'uscita? Oppure hanno un prezzo fisso a tratta come accade in alcune sono in Francia/Svizzera? i
Aragorn, il pagamento viene deciso dagli stati e non dal governo federale, quindi è diverso da stato a stato, non ti posso dire. In genere il prezzo è fisso per tratta, e si paga prima di entrare, in alcuni casi si può pagare con monete, se si ha l'importo giusto, lanciandole in una specie di canestro con reticella, simile a quello del gioco del basketball, in modo che non ci si debba nemmeno fermarsi (ci si fà la mano dopo un po') In alcuni posti esistono caselli a pagamento elettronico, occorre avere un transponder adatto in auto per potere accedere. In genere occorre fare attenzione a leggere le istruzioni, scritte a caratteri cubitali in cima a ogni casello, che indicano il pedaggio, se un casello accetta solo contanti o anche carta di credito, o solo dispositivi elettronici. Ma ti assicuro che è molto facile, per esempio caselli "speciali", tipo quelli a pagamento elettronico, sono ben evidenziati con corsie privilegiate che iniziano molto prima dei caselli

A riguardo il noleggio, non è tanto la dimensione della auto che conta, quanto la sua qualità. Una compact per un europeo sembra adeguata (e lo è per brevi viaggi), ma la sua qualità è molto al di sotto di quella a cui siamo noi europei siamo abituati, ti assicuro che guidarla anche per un breve viaggio è massacrante. Nel tuo caso, cerca almeno una mid-size.

ARAGORN II
01-10-10, 22: 02
Ti ringrazio Marco per le informazioni comunque, alla fine credo sarà una cosa da vedere al momento, anche se da quel ho letto tratti del genere (credo si chiamino tipo toll-road, o qualcosa di simile) non sono poi così frequenti.


A riguardo il noleggio, non è tanto la dimensione della auto che conta, quanto la sua qualità. Una compact per un europeo sembra adeguata (e lo è per brevi viaggi), ma la sua qualità è molto al di sotto di quella a cui siamo noi europei siamo abituati, ti assicuro che guidarla anche per un breve viaggio è massacrante. Nel tuo caso, cerca almeno una mid-size.

Si senza dubbio, in effetti pensando un po' alle auto che abbiamo noi mi ero orientato verso una compact, io ho una Punto (quella prima della Grande Punto) e di "soddisfazioni" me ne sono tolte, girando parecchio qua in Italia.

Ma come mi dicevi non posso fare un confronto con le auto europee, per di più anche le strade non sono come qua e soprattutto non si tratta di fare un'unica tirata di 600 Km, come mi capita in Italia, quindi vada per la mid-size! :hap

Anche perchè l'incremento, a meno di altri costi (che sinceramente non vedo) e piuttosto esiguo, circa 30/40€ in tutto!

Ritornando al possibile/probabile itinerario (a dire il vero ho un po' allentato visto che gli esami incombono, di nuovo) ho "studiato" un po' il percorso che da Chicago mi dovrebbe portare a sud.

Chicago (mattina) -> Columbus (pomeriggio): I-65 S, 371 Km

a) Chicago (mattina) -> Lafayette (pranzo): I-65 S, 198 Km, circa 2 ore e 21 minuti
- Visita della Purdue University (ho scoperto questa università, che in realtà non avevo mai sentito prima, perchè ha fatto uno studio sul crollo delle Torri Gemelle, dato che è abbastanza famosa per l'ingegneria civile, mi piacerebbe farci un salto).

b) Lafayette (dopo pranzo) -> Columbus (pomeriggio): I-65 S, 173 Km, circa 2 ore e 0 minuti
- Visita della città, la Lonely Planet ne parla molto bene, nonostante sia una piccola città con una popolazione di meno di 40000 abitanti (non che sia un male chiaro!).
- Cercare motel per la notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY2x5eaCaI/AAAAAAAAAw8/QMvaAJNtEWQ/chicago-columbus.png
.
Columbus (mattina) -> Nashville (pranzo): I-65 S, 395 Km, circa 4 ore e 2 minuti
- Visita della città nel pomeriggio, anche qui la guida si sbizzarrisce in consigli (sto pensando di provare a rimanere anche una parte della mattina successiva, anche se bisogna vedere dove è piazzato il motel/ostello).
- Cercare motel/ostello per la notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY4QPTxRzI/AAAAAAAAAxI/avzEJajzpJQ/columbus-nashville.png
.
Nashville (mattina) -> Asheville (sera): 547 Km

a) Nashville (mattina) -> Gatlinburg (pranzo): I-40 E, 349 Km, circa 3 ore e 41 minuti

b) Gatlinburg (dopo pranzo) -> Cherokee (primo pomeriggio): TN-71 S/US-441 S, 56,5 Km, circa 0 ore e 58 minuti
- Attraverso il Great Smoky Mountains National Park, da qui in poi l'itinerario l'ho ripreso dai link che mi ha suggerito Marco.

c) Cherokee (primo pomeriggio) -> Asheville (sera): I-40 E, 141 Km, circa 2 ore e 26 minuti
- Attraverso la Blue Ridge Parkway, qualche altra informazione su questo sito (http://www.byways.org/explore/byways/2280/).
- Cercare motel per ma notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY8ovxPI9I/AAAAAAAAAxQ/3Esc-5-R7RY/nashville-asheville.png
.
Asheville (mattina) -> Wilmington (sera): US-74 E, 519 Km, circa 5 ore e 45 minuti
- Passaggio per Charlotte. Per questo tratto ancora non ho visto niente di preciso.

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY9-9cU1sI/AAAAAAAAAxY/bVtzJ2VufrU/asheville-wilmington.png


Ecco, questo è quello che più o meno avevo pensato per questa parte. :hap

:bai

ARAGORN II
25-12-10, 18: 34
Ritorno su queste pagine dopo più di due mesi abbondanti, ma tra università ed esami è stato un periodo abbastanza pieno, e non è ancora finita! :shock

Ad ogni un modo, sia per chi è interessato, sia per me (per mettere un po' d'ordine tra le varie tappe che ho descritto un po' qua e la lungo tutto il thread), pensavo di fare un elenco un po' più preciso (quanto meno "più cronologico").

Naturalmente non mi aspetto che qualcuno si legga tutto questo mezzo trattato! :hap Anche perché mi rendo conto che è esageratamente lungo... Solo se avete voglio e/o qualche consiglio da darmi. :hap

Inserisco anche i giorni della settimana in via del tutto indicativa.


Giorno 1 (GIO): Casa (Italia) (mattino) -> New York (USA) (presumibilmente nel pomeriggio, fuso orario -6h): aeroporti di partenza e di arrivo non decisi, possibile compagnia aerea Lufthansa

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TMcrnkGSptI/AAAAAAAAAyE/Q5lj6aIGXpM/big%20apple%20hostel%20%28nyc%29.png

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)

Leggendo le recensioni su TripAdvisor ne parlano piuttosto bene. Ovvio è un ostello, ma mi sembra di capire piuttosto centrale, pulito, con lavanderia e wifi gratuita disponibile.
.
Giorno 2 (VEN): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 3 (SAB): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 4 (DOM): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 5 (LUN): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 6 (MAR): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 7 (MER): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 8 (GIO): New York (mattina) -> Boston (pomeriggio): I-95 N, 386 Km

a) Boston (mattina) -> New Haven (metà mattina): I-95 N, 133 Km, circa 2 ore
- Noleggio auto (Hertz JFK, Hertz Rent-a-Car - Rental Car Discounts, Coupons and Great Rates (http://www.hertz.com)).
- Breve visita Yale University e dintorni.

b) New Haven (metà mattina) -> Mystic (prima pranzo): I-95 N, 89 Km, circa 1 ore e 3 minuti
- Breve visita al centro città.

c) Mystic (dopo pranzo) -> Providence (primo pomeriggio): I-95 N, 83 Km, circa 51 minuti
- Breve visita al centro città: Brown University -> http://www.brown.edu/
- Block Island (?).

Valutare la possibilità di rimanere una notte a Providence, vistando un po' i dintorni (in caso aggiungere 1 giorno).

d) Providence (metà pomeriggio) -> Boston (sera): I-95 N, 84 Km, circa 58 minuti

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TIPKtGa4TZI/AAAAAAAAAug/gLDVL4yDUHs/ny-boston2.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=New+York,+Stati+Uniti&daddr=41.31954,-72.34248+to:boston&hl=it&geocode=FXFAbQIdK8KW-yk7CD_TpU_CiTFi_nfhBo8LyA%3BFXR8dgIdMCSw-yn91j_JpCLmiTG3mCk5MA0p9A%3BFZ9WhgIdw7bD-ykbMT0NLWXjiTGg6GIBJL98eA&mra=ls&doflg=ptk&sll=40.714353,-74.005973&sspn=1.038819,2.469177&ie=UTF8&t=h&z=8&via=1)
Lonely Planet pag. 293-305

Pernottamento:
- HI Boston Hostel, 12 Hemenway St, Boston, MA 02115: circa 46$ a notte (dormitorio, tasse incluse)

HI Hostel Membership -> Ways to Join Hostelling International USA (http://www.hiusa.org/membership/join.shtml) (evita i 3$ in più a notte per gli ostelli HI negli USA, costo annuale 28$).
.
Giorno 9 (VEN): Boston (giornata)

- Oltre al resto, aggiungere visita al MIT.

Pernottamento:
- HI Boston Hostel, 12 Hemenway St, Boston, MA 02115: circa 46$ a notte (dormitorio, tasse incluse)
.
Giorno 10 (SAB): Boston (mattina) -> Montreal (sera): 575 Km

a) Boston (mattina) -> Conway (metà mattina): I-95 N, NH-16 N, 209 Km, circa 2 ore e 32 minuti
- Possibile sosta a Portsmouth.

b) Conway (metà mattina) -> North Woodstock (pranzo): NH-112 W (Kancamagus Hwy), 58 Km, circa 1 ora e 30 minuti
- Attraverso la White Mountain National Forest, a proposito della Kancamagus Hwy, la Lonely Planet ne parla molto bene, dice che è una delle migliori strada del New England, non ne ho idea, ma mi fido.

c) North Woodstock (dopo pranzo) -> Montreal (pomeriggio/sera): I-93 N, I-91 N, Autoroute 10 W, 310 Km, circa 3 ore e 45 minuti
- Soste eventuali ancora da decidere.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJZrD7ZS2eI/AAAAAAAAAwI/ufXCt1ayNq4/boston-montreal2.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Boston,+Massachusetts,+Stati+Uniti&daddr=NH-113+E%2FNH-16+N+to:NH-112+E%2FKancamagus+Hwy+to:Montr%C3%A9al,+Qu%C3%A9b ec,+Canada&geocode=FZ9WhgIdw7bD-ykbMT0NLWXjiTGg6GIBJL98eA%3BFT4MnwIdNpPC-w%3BFah9nwIdJyS--w%3BFQNptgIdvqad-ykNt2QcVBrJTDHv7x8hODFOZQ&hl=it&mra=dme&mrcr=0,1&mrsp=1&sz=13&doflg=ptk&sll=43.984787,-71.111927&sspn=0.061634,0.154324&ie=UTF8&ll=44.418088,-71.446838&spn=0.978897,2.469177&t=h&z=9)
Lonely Planet pag. 321-325

Pernottamento:
- Montreal Central, 1586 St-Hubert, Montreal, Quebec, Montreal, Canada: circa 40$ a notte (dormitorio 8 persone, tasse incluse)
- HI Montreal, 1030 Mackay Street, Montreal, Canada: circa 36$ a notte (dormitorio 6 persone, tasse incluse)
Valutare la possibilità di fermarsi un'altra notte.
.
Giorno 11 (DOM): Montreal (prima mattina) -> motel lungo la strada, dintorni di Erie (Pennsylvania) (tarda sera): 856 Km

Per questa tappa ho inserito gli orari specifici per valutare bene la fattibilità della cosa.

a) Montreal (8.00) -> Toronto (14.15): ON-401 W, 545 Km, circa 6 ore e 15 minuti
- Pranzo a Toronto.
- Salita sulla CN Tower: 2 ore (compresa entrata e uscita dalla città) è troppo ottimistico? (14.15-16.15) Eventualmente potrei anche rivedere la cosa (anticipando la partenza da Montreal) o eliminare la tappa.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjLsLU5WI/AAAAAAAAAvs/cuDUXZnb0v0/montreal-toronto.png

b) Toronto (16.15) -> Niagara Falls (Ontario, Canada) (17.50): Queen Elizabeth Way, 127 Km, circa 1 ora e 35 minuti
- Visita cascate, cena e dogana Canada-USA (17.50-21.30), in questo modo potrei vederle sia di giorno (cercando un po' credo di aver capito che in quel periodo, in quella zona il sole tramonta verso le 19.30) che di notte.

http://lh3.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjLxZiljI/AAAAAAAAAvw/6gfd_F6p9d0/toronto-niagara.png
Lonely Planet pag. 198-199

c) Niagara Falls (Ontario, Canada) (21.30) -> motel lungo la strada, dintorni di Erie (Pennsylvania) (23.00): I-90 W, 184 Km, circa 1 ora e 50 minuti
- Cercare motel per la notte.

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TJHjMXJbe3I/AAAAAAAAAv0/9KsXVnpVKE8/niagara-erie.png
link del percorso complessivo giorno 11 (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Montr%C3%A9al,+Qu%C3%A9bec,+Canada&daddr=ON-401+W+to:301+Front+St+W,+Toronto,+Ontario,+Canada+ (CN+Tower)+to:Niagara+Falls,+Ontario,+Canada+to:I-90+W&geocode=FQNptgIdvqad-ykNt2QcVBrJTDHv7x8hODFOZQ%3BFU7gmwIdF95F-w%3BFcnrmQIdTaVE-yGBdRzexNjtFQ%3BFbdwkQId9g9J-ymFprwa6kPTiTGwH6TJKHsDBQ%3BFShTggIdmkM7-w&gl=it&hl=it&mra=dme&mrcr=3&mrsp=4&sz=9&sll=42.122673,-79.277344&sspn=1.016528,2.469177&ie=UTF8&t=h&ll=44.339565,-77.475586&spn=7.84048,19.753418&z=6)
.
Giorno 12 (LUN): motel lungo la strada, dintorni di Erie (Pennsylvania) (mattina) -> Chicago (sera): I-90 W, 712 Km, circa 7 ore e 10 minuti

Soste eventuali ancora da decidere.

Pernottamento:
- Chicago Getaway Hostel, 616 W. Arlington Pl., Arlington Place at Geneva Terrace, Chicago, IL 60614: circa 32$ a notte (dormitorio, tasse incluse, parcheggio 20$ a notte o nei dintorni)
- HI Chicago Hostel (migliore), 24 E. Congress Pkwy., South Loop, Chicago, IL 60605: circa 37$ a notte (dormitorio 6 persone, tasse incluse, parcheggio 28$ a notte o nei dintorni)
.
Giorno 13 (MAR): Chicago (giornata)

Pernottamento:
- Chicago Getaway Hostel, 616 W. Arlington Pl., Arlington Place at Geneva Terrace, Chicago, IL 60614: circa 32$ a notte (dormitorio, tasse incluse, parcheggio 20$ a notte o nei dintorni)
- HI Chicago Hostel (migliore), 24 E. Congress Pkwy., South Loop, Chicago, IL 60605: circa 37$ a notte (dormitorio 6 persone, tasse incluse, parcheggio 28$ a notte o nei dintorni)
.
Giorno 14 (MER): Chicago (giornata)

Pernottamento:
- Chicago Getaway Hostel, 616 W. Arlington Pl., Arlington Place at Geneva Terrace, Chicago, IL 60614: circa 32$ a notte (dormitorio, tasse incluse, parcheggio 20$ a notte o nei dintorni)
- HI Chicago Hostel (migliore), 24 E. Congress Pkwy., South Loop, Chicago, IL 60605: circa 37$ a notte (dormitorio 6 persone, tasse incluse, parcheggio 28$ a notte o nei dintorni)
.
Giorno 15 (GIO): Chicago (mattina) -> Columbus (pomeriggio): I-65 S, 371 Km

a) Chicago (mattina) -> Lafayette (pranzo): I-65 S, 198 Km, circa 2 ore e 21 minuti
- Visita della Purdue University (ho scoperto questa università, che in realtà non avevo mai sentito prima, perchè ha fatto uno studio sul crollo delle Torri Gemelle, dato che è abbastanza famosa per l'ingegneria civile, mi piacerebbe farci un salto).

b) Lafayette (dopo pranzo) -> Columbus (pomeriggio): I-65 S, 173 Km, circa 2 ore e 0 minuti
- Visita della città, la Lonely Planet ne parla molto bene, nonostante sia una piccola città con una popolazione di meno di 40000 abitanti (non che sia un male chiaro!).
- Cercare motel per la notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY2x5eaCaI/AAAAAAAAAw8/QMvaAJNtEWQ/chicago-columbus.png
link del percorso
Lonely Planet pag. 678-679
.
Giorno 16 (VEN): Columbus (mattina) -> Nashville (pranzo): I-65 S, 395 Km, circa 4 ore e 2 minuti
- Visita della città nel pomeriggio, anche qui la guida si sbizzarrisce in consigli (sto pensando di provare a rimanere anche una parte della mattina successiva, anche se bisogna vedere dove è piazzato il motel/ostello).
- Cercare motel/ostello per la notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY4QPTxRzI/AAAAAAAAAxI/avzEJajzpJQ/columbus-nashville.png
link del percorso
Lonely Planet pag. 549-558
.
Giorno 17 (SAB): Nashville (mattina) -> Asheville (sera): 547 Km

a) Nashville (mattina) -> Gatlinburg (pranzo): I-40 E, 349 Km, circa 3 ore e 41 minuti

b) Gatlinburg (dopo pranzo) -> Cherokee (primo pomeriggio): TN-71 S/US-441 S, 56,5 Km, circa 0 ore e 58 minuti
- Attraverso il Great Smoky Mountains National Park, da qui in poi l'itinerario l'ho ripreso dai link che mi ha suggerito Marco.

c) Cherokee (primo pomeriggio) -> Asheville (sera): I-40 E, 141 Km, circa 2 ore e 26 minuti
- Attraverso la Blue Ridge Parkway, qualche altra informazione su questo sito (http://www.byways.org/explore/byways/2280/).
- Cercare motel per ma notte.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY8ovxPI9I/AAAAAAAAAxQ/3Esc-5-R7RY/nashville-asheville.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Nashville,+Tennessee,+Stati+Uniti&daddr=Gatlinburg,+Tennessee+37738,+Stati+Uniti+to: Cherokee,+NC,+United+States+to:35.5173951,-83.2526546+to:35.5138928,-83.1923321+to:35.4531,-83.0933+to:35.30021,-82.92947+to:Patton+Ave&geocode=FQLZJwIdRcbT-ik9kOsTMuxkiDGg2umh0Lk_fQ%3BFdP0IAIdbLwF-ymJpQjL6lNZiDGoebd-rtexSg%3BFVpLHQIdRrcI-yk7KeXXiUFZiDGWFr7GuFeZow%3BFdPzHQIdUqoJ-ylvmAcLJ2hZiDGOEWgsxfThig%3BFSTmHQId9JUK-ymbBbu_5mhZiDG_MVTUDujXiw%3BFaz4HAIdzBgM-ykfZsEz4m1ZiDHpzy-ipn4huQ%3BFXKjGgIdwpgO-ynro_-DRApZiDEhYA3R2OcNbw%3BFWwiHwIdylgU-w&hl=it&mra=dme&mrcr=2&mrsp=7&sz=13&via=3,4,5,6&doflg=ptk&sll=35.581803,-82.565174&sspn=0.069665,0.154324&ie=UTF8&t=h&ll=35.706377,-83.07312&spn=2.225685,4.938354&z=8)
Lonely Planet pag. 452-456 e 561-562
.
Giorno 18 (DOM): Asheville (mattina) -> Wilmington (pomeriggio): US-74 E, 519 Km, circa 5 ore e 45 minuti
- Passaggio per Charlotte.

Per questo tratto ancora non ho visto niente di preciso.

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TKY9-9cU1sI/AAAAAAAAAxY/bVtzJ2VufrU/asheville-wilmington.png
link del percorso

Pernottamento:
- Days Inn Wilmington Market Street (http://www.daysinn.com/DaysInn/control/Booking/check_avail?areaCode=&brandCode=DI,HJ,KG,RA,SE,TL,MT&searchWithinMiles=50&areaType=1&destination=Wilmington&state=NC&country=US&checkInDate=01/18&numberAdults=1&numberRooms=1&checkOutDate=01/19&numberChildren=0&numberBigChildren=0&rate=000&useWRPoints=false&promotionCode=&corporateCode=&iataNumber=&cid=&affilid=&partnerid=&variant=&id=06209&propBrandId=DI&force_nostay=false&tab=tab3), 5040 Market Street, Wilmington 28405: circa 61$ a notte (motel doppia, tasse incluse)
- Super 8 Wilmington (http://www.super8.com/Super8/control/Booking/check_avail?areaCode=&brandCode=SE,RA,HJ,TL,DI,KG,BU,MT&searchWithinMiles=50&areaType=1&destination=Wilmington&state=NC&country=US&checkInDate=11/01&numberAdults=1&numberRooms=1&checkOutDate=11/02&numberChildren=0&numberBigChildren=0&rate=000&useWRPoints=false&corporateCode=&variant=&id=03238&propBrandId=SE&force_nostay=false&tab=tab1), 3604 Market Street, Wilmington 28403 : circa 56$ a notte (motel doppia, tasse incluse)
- The Carolinian Inn (http://www.thecarolinianinn.com/), 2916 Market Street, Wilmington, North Carolina 28403: circa 52$ a notte (motel doppia, tasse incluse)

Per Wilmington è piuttosto difficile trovare qualcosa a buon prezzo, bisognerebbe controllare meglio, anche se finora ho cercato più che altro motel e questi sono i prezzi migliori che ho trovato.
.
Giorno 19 (LUN): Wilmington (tardo pomeriggio) -> motel a circa 2 ore (o più) da Wilmington (sera): 170 Km

a) Wilmington (mattina e pomeriggio)
- Giornata a Wilmington.

b) Wilmington (tardo pomeriggio) -> motel a circa 2 ore (o più) da Wilmington (sera): US 17-N, 170 Km, circa 2 ore
- Cercare motel per la notte.
.
Giorno 20 (MAR): motel a circa 2 ore (o più) da Wilmington (mattina presto) -> motel dintorni di Richmond (sera tardi): circa 513 Km

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TNbWcM_fYXI/AAAAAAAAAyg/HxVuWx-la6c/2h_da_Wilmington-Richmond.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Live+Oak+St&daddr=N+Carolina+12+N%2FCedar+Island+Rd+to:N+Carol ina+12+N+to:N+Carolina+12+N+to:N+Carolina+12+N%2FC oast+Guard+Rd+to:35.26786,-75.51902+to:US-158+W%2FCaratoke+Hwy+to:Richmond,+Virginia,+Stati+ Uniti&geocode=FUzcEQIdQndu-w%3BFRBQFgIdzoFz-w%3BFcDQFwId7JB4-w%3BFe7xGAIdKLJ7-w%3BFUE3GQIdheR8-w%3BFRQlGgId1Kt_-ymjVA9xejqkiTENqnng05_vCA%3BFTiQJgIdCmZ7-w%3BFUPcPAIdXOph-yntyZlXCRGxiTHFPELibT7Yvw&hl=it&mra=dme&mrcr=0&mrsp=0&sz=11&via=5&doflg=ptk&sll=34.712267,-76.692123&sspn=0.281653,0.617294&ie=UTF8&t=h&z=11)
Lonely Planet pag. 440-445 e Outer Banks Scenic Byway (http://byways.org/explore/byways/12834/)
.
Giorno 21 (MER): motel dintorni di Richmond (mattina) -> Washington DC (pomeriggio/sera): I-64 O, Skyline Drive, I-66 E, 427 Km, circa 6 ore e 10 minuti
- Passaggio sulla Skyline Drive.
- Breve visita a Washington nel tempo rimanente.

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TQ50A0L0c8I/AAAAAAAAAzk/8HJjK1lpEb8/richmond-washington.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Richmond,+Virginia,+Stati+Uniti&daddr=38.17899,-78.76017+to:38.4476241,-78.4691202+to:skyline+drive+to:38.87284,-78.20466+to:Washington,+DC,+USA&geocode=FUPcPAIdXOph-yntyZlXCRGxiTHFPELibT7Yvw%3BFa6QRgIdFjdO-ynrVjem6YO0iTGmbgLjVOLHgw%3BFQiqSgIdAKhS-yl_qdkj10K0iTH7i_KwdCtxsQ%3BFdVgTQIdMZ1U-ymB8fN7E0m0iTFdSMB9-Oen8Q%3BFQgnUQIdDLFW-ykbgK97s8i1iTHSmDLZG4V3cQ%3BFQh-UQIdsoRo-ylb5PZa3sa3iTEqXYjUIkVSwg&hl=it&mra=dpe&mrcr=0&mrsp=1&sz=10&via=1,2,4&doflg=ptk&sll=38.237101,-78.409424&sspn=0.538247,1.234589&ie=UTF8&ll=38.350273,-77.129517&spn=2.149539,4.938354&t=h&z=8)
Lonely Planet pag. 423, 424

Pernottamento:
- Il motel/ostello per il pernottamento è ancora da decidere.
.
Giorno 22 (GIO): Washington (pomeriggio/sera) -> Baltimore (sera): 70 Km

a) Washington (mattina e primo pomeriggio)
- Visita Washington.
- Visita allo Smithsonian, Air and Space Museum (http://www.nasm.si.edu/visit/guides/index.cfm) (Shuttle Enterprise).

b) Washington (pomeriggio/sera) -> Baltimore (sera): Baltimore-Washington Pkwy, 70 Km, circa 1 ora e 10 minuti
-Trovare motel/ostello per la notte. Per Baltimore mi chiedevo se fosse il caso di prenotare qualcosa in anticipo non troppo lontano dal centro della città.

http://lh6.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TRYj8wyErwI/AAAAAAAAAz4/pfk8VwRfvQ8/washington-baltimore.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Washington,+Distretto+di+Columbia,+Stati+Uni ti&daddr=Baltimora,+Maryland,+Stati+Uniti&geocode=FQh-UQIdsoRo-ylb5PZa3sa3iTEqXYjUIkVSwg%3BFRGGVwIdo_1u-ym3g_TWrgPIiTFY5yNCqJZIBA&hl=it&mra=ls&doflg=ptk&sll=38.895308,-77.036133&sspn=0.266671,0.617294&ie=UTF8&ll=39.103423,-76.783447&spn=0.531773,1.234589&t=h&z=10)
.
Giorno 23 (VEN): Baltimore (tardo pomeriggio) -> New York (sera): 307 Km

a) Baltimore (mattina e primo pomeriggio)
- Visita Baltimore.

b) Baltimore (pomeriggio/sera) -> New York (sera): Turnpike N, I-95 N, 307 Km, circa 4 ore
- Partenza per New York intorno alle 16/17, arrivo al JFK (per lasciare l'auto) in serata.

http://lh4.ggpht.com/_CWL6skp8Efs/TRYnizhevoI/AAAAAAAAA0A/gkdEDlkbkNA/baltimore-new%20york.png
link del percorso (http://maps.google.it/maps?f=d&source=s_d&saddr=Baltimora,+Maryland,+Stati+Uniti&daddr=New+York,+New+York,+Stati+Uniti&geocode=FRGGVwIdo_1u-ym3g_TWrgPIiTFY5yNCqJZIBA%3BFXFAbQIdK8KW-yk7CD_TpU_CiTFi_nfhBo8LyA&hl=it&mra=ls&doflg=ptk&sll=39.103423,-76.783447&sspn=0.531773,1.234589&ie=UTF8&t=h&z=8)
Lonely Planet pag. 376-388

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)

Valutare la possibilità di spezzare la tappa fermandosi a Philadelphia, ne vale la pena? (in caso aggiungere 1 giorno).
.
Giorno 24 (SAB): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 25 (DOM): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 26 (LUN): New York (giornata)

Pernottamento (indicativamente, qualsiasi suggerimento è ben accetto):
- Big Apple Hostel, 119 West 45th Street, Times Square, New York, NY 10036: circa 44$ a notte (dormitorio 4 persone, tasse incluse)
.
Giorno 27 (MAR): New York (pomeriggio) -> Casa (Italia) (fuso orario +6h): aeroporti di partenza e di arrivo non decisi, possibile compagnia aerea Lufthansa


Ok credo di essere arrivato alla fine, è stata praticamente un'impresa! :hap Non ricordo neanche quanto giorni ho impiegato a scrivere e cercare il tutto! :shock

Come dicevo all'inizio (credo) è veramente molto pesante da leggere tutto, ho inserito questa sorta di diario qua anche per avere una promemoria.
Le cose da rivedere sono molte, i chilometri sono anch'essi decisamente abbondanti (facendo un calcolo approssimativo direi sui 5000 Km), anche se spalmati in circa 28/30 giorni.

Sono consapevole che ci sono diversi giorni di "solo viaggio", ma anche questo aspetto sarebbe comunque parte della vacanza, secondo me, ed effettuerei anche brevi soste durante il percorso per visitare qualcosa e spezzare un po'...

Se avete qualsiasi tipo di suggerimento, su qualunque cosa, sono qua!

Grazie comunque per l'attenzione!

:bai

ARAGORN II
04-02-11, 17: 25
A proposito di Cleveland (Ohio) (http://maps.google.com/maps?f=q&source=s_q&hl=en&q=Cleveland,+Cuyahoga,+Ohio&aq=t&sll=41.943149,-85.528564&sspn=4.077263,9.876709&ie=UTF8&geocode=FWc7eQIdT20h-w&split=0&hq=&hnear=Cleveland,+Cuyahoga,+Ohio&ll=41.469486,-81.340027&spn=1.026941,2.469177&t=h&z=9) qualcuno ha qualche informazione? :hap Vale la pena un passaggio?

:bai

Ricky
04-02-11, 18: 59
Mannaggia Aragorn leggo solo adesso questo magnifico 3d!

Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono mai stato negli USA, ma vorrei...
Aspetto con ansia poi il resoconto, le impressioni, le emozioni di questo meraviglioso viaggio...

MarcoStraf
04-02-11, 19: 27
A proposito di ...Cleveland (Ohio) ... Vale la pena un passaggio?
No.
(e mi sarei fermato qui, ma il bulletin mi ha detto che il messaggio era troppo corto)

ARAGORN II
04-02-11, 20: 25
Eheh! Perfetto, grazie! :hap Ricevuto.

:bai

--- Post unito in modo automatico ---


Mannaggia Aragorn leggo solo adesso questo magnifico 3d!

Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono mai stato negli USA, ma vorrei...
Aspetto con ansia poi il resoconto, le impressioni, le emozioni di questo meraviglioso viaggio...

Scusa Ricky prima non avevo visto il tuo messaggio! Eh piacerebbe anche a me. :hap Certo, se riuscirò nel portare a termine la cosa, sarete i primi a saperlo! :eye

In ogni caso, se vuoi chiedere o conoscere qualche informazione (per quel poco che ne so) il thread è a disposizione!

:bai

Kirk
04-02-11, 21: 53
A proposito di Cleveland (Ohio) qualcuno ha qualche informazione? Vale la pena un passaggio?Beh certo che le dovresti avere convicenti le informazioni per pensare di fermarti nel tuo tour in una città che è nominata " mistake by the lake" :ghgh

Credo che perfino LeBron James (http://it.wikipedia.org/wiki/LeBron_James) se ne sia andato (in caldi lidi) perchè non poteva piu' di vederla :lol:

P.s. Ovviamente è una battuta e mi baso solo su informazioni trovate in rete, ma non per caso in questo momento..dunque proprio uno spettacolo di città non credo sia.

MarcoStraf
04-02-11, 22: 11
.. dunque proprio uno spettacolo di città non credo sia.
Visto che chiedete...

Cleveland durante il boom economico e industriale del dopoguerra ha avuto un enorme successo e si e' espansa a visto d'occhio, al punto che negli States per indicare qualche cosa di grosso si dice "the size of Cleveland", come se fosse una unita' di misura. Poi con la crisi degli anni '80 Cleveland subi' un crollo fino a diventare una citta' fantasma, ma negli ultimi decenni sta resiscitando reinventando se' stessa, diventando un centro commerciale e culturale. Tanto per fare qualche esempio, prendete le italiane Genova o Torino. Cleveland non e' una brutta citta' (almeno adesso) ma non e' certo quella a cui manderei un turista italiano a visitare :) In quella area, Chicago e' mille volte meglio. Un po' come Oakland nella Bay Area: bella citta', in alcuni punti, ma la vogliamo confrontare con San Francisco?

Conosco la sua storia perche' la frase "the size of Cleveland" che sento molto spesso mi ha incuriosito, e quindi fedele alla mia passione della storia mi misi a fare ricerche.

ARAGORN II
05-02-11, 12: 36
Beh certo che le dovresti avere convicenti le informazioni per pensare di fermarti nel tuo tour in una città che è nominata " mistake by the lake" :ghgh


Eheh!! :hap Ah si? Non lo sapevo mica, il soprannome non sembra decisamente incoraggiante! Il fatto è che guardando qua e la, avevo letto che qualcuno aveva consigliato il passaggio per Cleveland (in un ipotetico trasferimento da Chicago alle cascate del Niagara), ma non aveva spiegato il perchè... quindi ho provato a sentire. :eye


Cleveland non e' una brutta citta' (almeno adesso) ma non e' certo quella a cui manderei un turista italiano a visitare :) In quella area, Chicago e' mille volte meglio. Un po' come Oakland nella Bay Area: bella citta', in alcuni punti, ma la vogliamo confrontare con San Francisco?

Ok perfetto, era quello che mi serviva sapere, grazie! :hap San Francisco è comunque sempre nella lista (magari una lista "futura", ma è sempre lì).

:bai

ARAGORN II
21-04-11, 12: 59
Riporto a galla la discussione, con qualche piccola novità.

Ho riflettuto parecchio sull'itinerario e sui consigli che mi avete dato. Sono giunto alla conclusione che se dovessi effettuare il viaggio da solo (cosa per ora abbastanza probabile, a patto che riesco a laurearmi a luglio, cosa invece ancora incerta :hap) il percorso scelto sarebbe estenuante, i chilometri sono molti, i giorni poi non così tanti ed i costi parecchio elevati.

A questo punto pensavo di "troncare" l'itinerario a Chicago e dilatare il numero di giorni per il percorso (da 7/8 giorni a 12/13 magari). Arrivato a Chicago in auto avevo pensato di rimanere 3 giorni circa, quindi prendere un volo interno per Washington (dove vorrei vedere un paio di cose) e poi ritornare a New York in bus/treno.

Il problema è il noleggio dell'auto, pur diminuendo il periodo di noleggio della metà circa, il costo è praticamente lo stesso! :eek Me lo immaginavo perchè ero a conoscenza della tassa di drop off che veniva applicata nel caso si noleggiasse da una parte e si restituisse dall'altra, ma non pensavo fosse così elevato!

Per caso conoscete qualche compagnia che applica una tassa ridotta o tariffe più convenienti nel caso di noleggio one-way?

Grazie.

:bai

ARAGORN II
15-10-11, 15: 37
Ciao a tutti! Innanzi tutti grazie per i consigli e le informazioni che mi avete dato, sono state veramente utili!

Sono da poco ritornato da circa 3 settimane negli Stati Uniti; è stata una bella avventura e una vacanza che sarà difficile dimenticare! :hap

Mi faceva piacere, condividere una sorta di resoconto del viaggio, inserire qualche foto e dare qualche informazione nel caso potesse tornare utile a qualcuno. Credo inserirò 1 o 2 giorni alla volta, altrimenti scrivere tutto sarebbe un lavoro immane.

Inizio con qualche informazione generica.


USA 2011

Date di viaggio: dal 14/09/2011 al 05/10/2011
Spesa totale per il viaggio: circa 2800€ (tutto incluso), sui 2600€ preventivati
Voli:
- Volo intercontinentale: TAP Portugal -> circa 520€ a/r
- Volo interno: American Airlines [Chicago O'Hare-Baltimore] -> circa 125$ + 25$ per mettere 1 bagaglio in stiva
Alloggi: ostelli e motel (una media di circa 45$ a notte)
Noleggio auto: Hertz, noleggio per 7 giorni, classe Intermediate (Toyota Camry), navigatore satellitare Neverlost -> circa 563€ (30€ in più rispetto a quello che mi avevano comunicato, ma ci può stare)

Quello che riporto di seguito è l'itinerario che ho seguito in auto da New York a Chicago, ho quindi preso un volo interno da Chicago fino a Baltimore, dove sono rimasto per 3 notti. In un giorno di questi ho raggiunto Washington DC in treno, quindi l'ultimo giorno ho preso un autobus ed in circa 4h30m sono ritornato a New York.


https://lh3.googleusercontent.com/-DotKNyx_kkw/TpllrKd5v7I/AAAAAAAAA4s/JCXZufpjxiY/s720/itinerario_usa2011.png
link al percorso (http://maps.google.it/maps?saddr=210+W+77th+St,+New+York,+NY+10024,+USA&daddr=40.96198,-73.78775+to:41.0923601,-73.613001+to:New+Haven,+Connecticut,+Stati+Uniti+t o:Mystic,+CT,+USA+to:Airport+vicino+a+Boston,+MA,+ United+States+to:43.85549,-71.20614+to:43.9506449,-71.2161917+to:43.96874,-71.14475+to:Pleasant+St+to:Barre,+Vermont,+Stati+U niti+to:Burlington,+Vermont,+Stati+Uniti+to:Crown+ Point,+NY,+United+States+to:I-90+W+to:Niagara+Falls,+Ontario,+Canada+to:I-90+W+to:41.16799,-85.08852+to:I-69+S+to:Logansport,+Indiana,+Stati+Uniti+to:West+L afayette,+Indiana,+Stati+Uniti+to:Chicago+O%27Hare +International+Airport,+Bessie+Coleman+Drive,+Chic ago,+Illinois+60666,+United+States+%28chicago+o%27 hare+intl%29&hl=it&ll=42.504503,-79.562988&spn=9.425951,19.753418&sll=42.261049,-79.73877&sspn=9.462406,19.753418&geocode=FfZIbgIdZyeX-yl7aWD_iFjCiTHSpkYSkshh3Q%3BFbwHcQIdmhaa-yklua9xU5LCiTHsFdIbkPDzBg%3BFQgFcwIdN8Gc-ymxx7gfq6PCiTH_XGjX8Xn_aQ%3BFflPdgIdYjSn-ynlcIA6RNjniTHtZLJZxlSj9g%3BFRoEdwIdAuG1-yn9s2z6BwrmiTHOYBeWH6pobg%3BFbJuhgId1kvE-yFwFkPaULm1pg%3BFYIunQIdBHvB-ykdZbWxkRGzTDGH0V4hZF90Gw%3BFTSingIdwVPB-ynV4zzKiAyzTDH0adil10QcEw%3BFeTongId0mrC-ylVLiJZ3wuzTDH8qREdplFNPg%3BFfwMnwIdONLC-w%3BFY1kogId37St-ykBVKYV3Qa1TDHgIeGeOKU82Q%3BFeqlpgIdWN-i-ynlVZu2VXrKTDGOSQ5yGeVfww%3BFf-gngIddXCf-yntVoVVcaXKTDH6Cm3IWLJsVg%3BFRCTkQIdjJx3-w%3BFdWBkQId5D1J-ym5TYLsXkTTiTGIor1WYcXSRg%3BFTpafQIdjtss-w%3BFXYsdAId-Kbt-imLlEYaXf0ViDE2hpmgfo_mzQ%3BFXk2cgIdNCbr-g%3BFTTdbQIdRk3a-ikdY1gKCIUTiDHOoeDyw2c96Q%3BFY3ZaAIdX-PR-iktBGUhR_0SiDHvG6Gok-J13w%3BFbC4gAIdXfnC-ilHxGAVerYPiDHCZGFsIdi8jw&vpsrc=6&doflg=ptk&mra=luc&via=1,2,6,7,8,16&t=m&z=6)

[B]14 settembre 2011

https://lh6.googleusercontent.com/-SnjvpxaJffw/TpmI-KtkeLI/AAAAAAAAA5A/1My5sXHIZ7U/s512/DSC_0351.JPG
incrocio tra Amsterdam Avenue e 103th strada di fronte l'ostello

Il volo per New York parte alle 12.25 dall'aeroporto di Bologna e già di prima mattina sono lì aspettando che il check-in apra. Dopo un po' di attesa posso lasciare la mia valigia e cominciare ad aspettare per l'imbarco. Il personale della TAP Portugal (la compagnia con cui ho volato) è piuttosto gentile e disponibile. Una cosa che può essere utile ricordarsi (che credo valga un po' per tutte le compagnie) è che, se si è completato il check-in online, si può andare direttamente al banco business ed evitare la normale fila. Non lo sapevo, pazienza. I controlli di sicurezza sono tutto sommato veloci, devo tirare fuori il portatile che avevo nel bagaglio a mano, ma ero già pronto (sarà la prima di una lunga serie di volte).

Il volo, su un Airbus A319 (durante la fase di check-in è utile consultare il sito Seatguru (http://www.seatguru.com/airlines/TAP_Portugal/TAP_Portugal_Airbus_A319.php?Orig=BLQ&Dest=LIS&Date=) per avere idea di dove sia posizionato il posto assegnato ed eventualmente modificarlo), da Bologna a Lisbona dura circa 3 ore, che passano veloci, tanta è la voglia di arrivare a destinazione! :hap Durante il viaggio viene offerto qualcosa da mangiare (una specie di panino e dei biscotti) e bere più te e caffè a volontà.
A dire la verità ho qualche dubbio sulla fine che farà la mia valigia a Lisbona dato che per il collegamento c'è solo 1 ora ed una manciata di minuti e che siamo 20 minuti in ritardo... speriamo bene!

Come immaginavo arriviamo a Lisbona con il gate aperto ed i controlli di sicurezza già cominciati. Non siamo poi così in ritardo. Noto le valige che vengono caricate nella stiva, sperando che da qualche parte ci sia anche la mia mi preparo per il secondo controllo, decisamente più lungo. Esaminano passaporto, foto, tutto il bagaglio a mano e chi è più fortunato viene anche perquisito! Ovviamente sto scherzando sapevo benissimo che per entrare negli Stati Uniti i controlli erano molto più accurati (a ragione), quindi mi metto in fila e attendo il mio turno.

Il volo da Lisbona a New York (Newark) è bello lungo, quasi 8 ore! L'aereo, un Airbus A330 (Seatguru (http://www.seatguru.com/airlines/TAP_Portugal/TAP_Portugal_Airbus_A330.php?Orig=LIS&Dest=EWR&Date=)) è molto più grande rispetto al piccolo A319, i sedili in classe economy non sono proprio comodissimi, soprattutto perchè un po' stretti, ma non mi posso lamentare. Quello che manca è invece il sistema di intrattenimento, è costituito solo da alcune tv in comune che trasmettono i dati di volo e ogni tanto qualche film, immagino portoghese, sottotitolato in inglese. La temperatura in cabina è piuttosto polare. Per quanto riguarda il cibo invece mi sono trovato bene, il pasto principale non era affatto male (c'era un antipasto, una piatto caldo, verdura e dolce) ed il panino+dolce prima di atterrare mi ha fatto riprendere dalla stanchezza che cominciavo a sentire.
In volo abbiamo dovuto compilare il modulo I-94W (http://www.tuttoamerica.it/img/bot/custom_dec.jpg), indicando i proprio dati, quello che si trasporta, se si hanno più di 10000$ dietro e quanto soldi/beni si ha intenzione di lasciare negli USA.
Ad ogni modo alle 18.35 (ora locale, per me comincia ad essere mezzanotte passata), in perfetto orario, atterriamo a Newark (http://www.panynj.gov/airports/newark-liberty.html). Se devo dire la verità vedere la costa degli Stati Uniti dopo 7 ore di oceano e un paio d'anni di organizzazione, m'ha fatto un certo effetto, ero veramente contento!

Appena usciti dall'aereo si passa al controllo immigrazione, dove scattano una foto, prendono le impronte digitali e ti fanno qualche domanda. Quando mi è stato chiesto: "Perchè viaggi da solo?" sono rimasto un po' spiazzato, sarà la stanchezza, sarà l'inglese arrugginito, ma non sapevo che rispondergli! Dopo qualche secondo di imbarazzo mi ha lasciato andare. :hap

E' il momento di scoprire se anche la mia valigia ce l'ha fatta... il nastro inizia a sputare fuori valigie e borse di ogni genere, quando finalmente vedo in lontananza anche la mia! Faccio sapere che sono arrivato e mi avvio verso il NJ (New Jersey) Transit che in una mezz'ora mi porterà a New York ed in particolare a Penn Station (Manhattan) all'altezza delle 34th strada. Il costo del trasferimento è di 12,50$, ma non è l'unica alternativa, si può prendere un taxi (45/50$) o anche uno shuttle privato (15/20$). Per prendere il NJ Transit, bisogna prima prendere l'AirTrain gratuito, che parte da ogni terminal dell'aeroporto, fino al Newark Liberty International Airport Station (http://www.panynj.gov/airports/pdf/ewr-airtrain-brochure-english.pdf) e quindi il treno vero e proprio. Non buttate via il biglietto che serve anche per uscire dalla stazione!

Apro una piccola parentesi sul cellulare. E' necessario avere almeno un cellulare triband per poterlo utilizzare negli USA, il mio Nokia 6600 (TIM) si è comportato bene, nulla da dire! Per quanto riguarda i costi, senza aver alcun piano tariffario attivo, gli sms in uscita costano 0,49€ e nulla in entrata; le chiamate invece sono a 2,00€/min (più scatto alla risposta) in uscita e 1,45€ in entrata (http://www.tim.it/consumer/c367/i72545/livello2standard.do).
Io ho utilizzato spesso la carta Telecom New Columbus da 12€ (http://www.telecomitalia.it/telefono/carte-telefoniche/carte-internazionali/new-columbus-12-euro), che con circa 0,25€/min (0,15€/min se si telefona da un telefono fisso di un albergo o di una casa) mi permetteva di chiamare in Italia dai telefoni pubblici (quelli con scritto Titan non sempre funzionano, mentre gli AT&T e i Verizon si). Utilizzando invece la carta da cellulare (l'ho fatto solo un paio di volte) non sono riuscito a capire se la chiamata al numero verde abbia qualche costo aggiuntivo. I 12€ caricati sulla carta mi sono bastati per tutti i 21 giorni di viaggio, considerando che ho sfruttato anche Skype, sms e mail.
Per effettuare una chiamata da telefono pubblico con una Telecom New Columbus bisogna:
1) inserire una moneta da 10 o 25 cent,
2) digitare il numero d'accesso:

- 1 800 377 1207 (AT&T, io ho sempre utilizzato questo)
- 1 800 966 0039 (MCI)
- 1 800 292 5329 (SPRINT)
3) una volta digitato il numero d'accesso attendere di sentire il messaggio di Telecom che dice di premere 1 per selezionare la lingua italiana, quindi premere 1 (se non sentite il messaggio o ne sentite solo una parte, bisogna riagganciare e ripetere la procedura da capo, di solito al secondo tentativo, non ho idea perchè, funziona) (se si utilizza la carta da cellulare potrebbe essere necessario digitare il numero d'accesso senza l'1 iniziale, anche se di questo non sono molto sicuro),
4) seguendo le istruzioni a voce, inserire il PIN della scheda,
5) inserire il numero telefonico italiano senza prefisso internazionale, solamente il normale prefisso e il numero di telefono, ovviamente.

Sono a New York! :hap Prendo le scale mobili per uscire dalla stazione dei treni e mi trovo sotto il Madison Square Garden. Devo dire la verità, per 5 minuti buoni sono stato frastornato, le luci, i grattacieli, le persone è i taxi che sfrecciavano a destra e sinistra... mi allontano dalla folla e mi piazzo su una scalinata, devo raccogliere un attimo le idee.

Con la cartina in mano, mi dirigo verso la fermata della linea rossa (1,2,3) della metropolitana (http://www.mta.info/nyct/) che è praticamente a 10 metri da dove mi sono fermato, compro una Metrocard settimanale (il costo è di 29$, per quello che ho avuto modo di vedere penso che valga la pena prendere l'abbonamento settimanale anche se ci si ferma per solo 3 giorni, considerando che ogni corsa viene 2,25$ e che di media 5 corse al giorno è molto facile farle) e mi avvio verso l'ostello, che si trova nel Upper West Side, lungo Amsterdam Avenue, all'altezza della 103th strada. Arrivarci è semplice, basta prendere il treno 1 (che è un locale) che incirca 20/25 minuti porta alla fermata "103th st". Muoversi in metropolitana a New York non è difficile, anche se sicuramente quella di Londra rimane più intuitiva, magari dico qualcosa in un prossimo post.

Il check-in all'ostello (sono quasi le 23) è veloce, il personale è disponibile e parecchio amichevole, il costo del letto, in una camerata da 12 persone è di 42$/notte + 3$ se non si è membri (http://www.hiusa.org/membership) del HI USA. La membership costa 28$/anno, ma dal momento che gran parte delle restanti 20 notti le dormirò negli ostelli di questa catena ho deciso di acquistarla. Qui (http://www.tripadvisor.it/ShowUserReviews-g60763-d121994-r119266645-Hostelling_International_New_York-New_York_City_New_York.html#CHECK_RATES_CONT) su TripAdvisor ho inserito una breve recensione dell'ostello, leggendo anche quelle degli altri utenti potete farvi un'idea. In sintesi devo dire che mi sono trovato molto bene! :hap Quello che mi ha stupito è la velocità della connessione internet considerando che c'erano non so quante connessioni contemporanee!

Mi rendo conto ora che ho scritto un sacco, magari i prossimi post cercherò di farli più brevi altrimenti diventa un'impresa leggerli!

:bai

ARAGORN II
21-10-11, 19: 22
15 settembre 2011

https://lh4.googleusercontent.com/-KlICY3fztrc/TqGOiVQpv_I/AAAAAAAAA8o/iSH6kfmDmNs/s720/DSC_0438.JPG
Times Square

La notte in ostello è trascorsa tranquilla. Il jet lag non mi ha disturbato molto, dopotutto, viaggiando da est verso ovest, è come se si guadagnassero 6 ore. Nonostante questo alle 6.30 sono in piedi tanta era la voglia di buttarmi in strada ed iniziare a visitare New York!

Il viaggio l'avevo pianificato sì, ma ho preferito non fare una tabella di marcia precisa, soprattutto per la visita delle città in cui mi sarei fermato. E' così che decido di prendere la linea rossa della metropolitana (1, 2, 3) che si trova a non più di 100 metri dall'ostello e scendere in una stazione nei pressi della 74th strada; oggi mi sarei dedicato alla visita dell'Upper West Side, o almeno queste erano le intenzioni iniziali! :hap

Ah! La metropolitana è caldissima, anche se non torrida come ieri sera (anche perchè fuori, nonostante fossero le dieci di sera, saranno stati quasi 30 gradi). Il bello è che appena si entra in una vagone la temperatura polare dell'aria condizionata mette a dura prova la resistenza delle tue ossa che vorrebbero spezzarsi in mille pezzi.

Inizio a camminare (saranno i primi metri di non so veramente quanti chilometri) e subito mi rendo conto che nonostante le vie siano perfettamente organizzate in strade (che vanno da est verso ovest con numeri progressivi da sud verso nord) ed avenue (che vanno invece da sud verso nord con numerazione progressiva da est verso ovest) non sarà poi così semplice capire in che direzione muoversi una volta sbucato fuori dalla metro, a meno di non iniziare a camminare in una direzione a casaccio e vedere se le avenue o le strade aumentano o diminuiscono di numero!

Ad ogni modo inizio a girovagare e mi dirigo verso il Riverside Park, un parco (http://en.wikipedia.org/wiki/Riverside_Park_%28Manhattan%29) che si estende per qualche chilometro lungo la sponda ovest di Manhattan, da poco rimesso in sesto, offre degli scorci spettacolari su Hoboken, nel New Jersey, al di là dell'Hudson e sulla stessa Manhattan. Non è un posto molto frequentato da turisti, o almeno io ne ho visti molto pochi, ma si possono trovare newyorkesi che praticano ogni tipo di sport!

Dopo qualche foto (il link ad un album che ho caricato su Picasa, se volete, è in fondo al post) passo di fronte al Lincoln Center, una struttura bella e moderna, una sorta di teatro credo, e mi dirigo a piedi verso Central Park. Camminando verso nord arrivo al American Museum of Natural History. Questo sarà uno dei pochi musei che visiterò; sicuramente ce ne sono altri meritevoli, ma non essendo poi così interessato a sculture ed opere d'arte ho pensato di poter evitare dedicando più tempo a girare per la città.

Per quanto riguarda il biglietto, prima di partire ho acquistato su Go Select New York | Smart Destinations (http://www.smartdestinations.com/new-york-attractions-and-tours/_ptd_Nyc-p1.html) un pass un po' diverso rispetto ai comuni New York Pass o City Pass; con questo in pratica si possono scegliere le singole attrazioni che si vogliono fare e pagare di conseguenza. Più attrazioni si scelgono e più sconto si ottiene rispetto al prezzo intero ed in più si possono anche cumulare con quelle di altre città (io ho inserito New York, Boston e Chicago). Devo dire che mi sono trovato davvero bene, spesso si salta la coda e lo sconto si aggira intorno al 20% (per 5/6 entrate) ad aumentare se si scelgono più attrazioni!

Ah si, il museo! La visita (http://www.amnh.org/) è abbastanza veloce, credo di essere rimasto dentro un paio di ore (volendo ci si potrebbe stare una mezza giornata buona!), ma ogni minuto è stato speso bene! Le aree da vedere sono tantissime ma quello che mi ha lasciato a bocca aperta sono le riproduzioni (di animali, primitivi, dinosauri, ecc...) che ci sono. Tutte sembrano praticamente reali, anche l'ambientazione è rappresentata con una cura impressionante! Guardando alcuni video che spiegano i vari passi che sono stati fatti per la ricostruzione di un particolare esemplare si capisce come siano riusciti ad ottenere un qualità così alta. Mi fermo qui, non voglio rovinarvi la sorpresa! :hap Se siete da quelle parti vi consiglio decisamente di andare!

E' ormai ora di pranzo, mi avvio, questa volta in metropolitana verso Union Square (nella zona centro-sud di Manhattan), dove mi incontro con una mia amica che studia a New York da ormai un anno ed un'altra amica, amica della mia amica, che era venuta a trovarla proprio nello stesso periodo in cui ero lì anch'io! Le devo ringraziare perchè mi hanno guidato e fatto compagnia per tutti i giorni in cui sono rimasto a New York e fatto conoscere posti che sarebbe stato impossibile trovare!

Mangiamo un burrito enorme, molto molto buono ma enorme che tiene a bada lo stomaco per il resto della giornata. Il posto è piccolo e si trova lungo la 4th avenue a pochi passi da Union Square (http://g.co/maps/njq4f). Si chiama Dos Toros Taqueria (http://dostoros.com/). Si spendono 10/11$ per burrito+bevanda ma ne vale la pena!

Quindi ci spostiamo insieme verso il Financial Distirict e passeggiamo velocemente tra il City Hall e Ground Zero, purtroppo inizia a piovere (ci ritornerò!)... ci fermiamo ad uno Starbucks per bere qualcosa, probabilmente il più grande che ho visto con il minor numero di sedie e tavolini e poi spostiamo a Times Square dove il tempo sembra essere migliore, almeno per un po'. Qui il bagliore delle insegne, i grattacieli che ormai cominciano ad illuminarsi, le auto, i taxi che si incrociano, la gente che cammina, corre, fotografa mi lasciano di nuovo senza parole, credo che le foto valgano più di qualsiasi spiegazione! :hap Una breve visita al negozio M&M, simpatico e utile se si vuole prendere qualche souvenir e di nuovo verso Union Square a prenderci una birra in un pub.

E' il mio primo (di una lunga serie) incontro con le mance.

All'inizio la cosa è un po' imbarazzante, ma presto ci si prende mano; 1$ a testa per ogni bevuta e sia loro che noi siamo contenti! La birra costa un po' meno che in Italia, una media si aggira intorno a 5$, ma considerando la mancia si arriva facilmente a 5€ pagati dalle nostre parti.

E' ormai ora di cena, ancora sazi per il burrito di pranzo, andiamo a prenderci una zuppa allo Whole Food di Union Square (si lo so abbia girato li intorno per un bel po'!) per poi mangiarcela a casa della mia amica che si trova in un quartiere residenziale di Brooklyn.

Ritorno quindi in metropolitana ed in 30/40 minuti sono di nuovo all'ostello, dove prima di andare a dormire sfrutto la connessione straveloce che hanno.

Così termina il mio primo giorno a New York, il mio primo giorno negli Stati Uniti.

Due cose che mi vengono in mente:

1) in Italia si trovano facilmente gli adattatori per le prese statunitensi, ma oltre a controllare ovviamente che l'alimentatore del pc, phon e chi per loro supporti la 110 volt, controllate anche se le vostre spine hanno 2 o 3 poli (credo si chiamino così), insomma controllare se la spina termina con 2 o 3 pezzetti in ferro, è utile! Perché se non lo fate, come ho pensato bene di fare io, dovrete sborsare quasi 6$ per comprarlo la!

2) Il cellulare triband funzione, anche la New Columbus di Telecom funziona. Se per avete bisogno di un cellulare per chiamare persone che si trovano negli Stati Uniti o per chiamare anche in Italia, da Radio Shack si trovano modelli, vecchi ma perfettamente funzionanti a 10/12$ che poi potete portare in Italia ed utilizzare anche con SIM italiana.

Ok, l'intento del post precedente di fare descrizioni più corte è andato! Riproverò!

Link Album USA 2011 (https://picasaweb.google.com/107719138408634568145/AlbumUSA2011)

:bai

ARAGORN II
31-10-11, 19: 00
16 settembre 2011

https://lh4.googleusercontent.com/-K34isSRVw6A/TqVQfPC6TJI/AAAAAAAABKI/-QFSFjrvUps/s720/DSC_0696.JPG
Manhattan Skyline

La notte trascorre veloce e stavolta la sveglia mi coglie un po' impreparato, sarà tutta la strada macinata il giorno precedente ma mi sento un po' a pezzi, le gambe soprattutto, faccio quasi fatica a scendere dal letto. Basterà però qualche chilometro per rimettere tutto a posto! :hap

Questa mattina decido di scendere subito verso la parte bassa di Midtown per visitare la Public Library (l'ingresso è gratuito, l'apertura al pubblico avviene al 10 di mattina in punto). La giornata è splendida e lungo il tragitto che collega la non distante fermata della metropolitana con Bryant Park (parco situato immediatamente dietro la Public Library) non posso fare a meno che rimanere a bocca aperta davanti ai grattacieli che scintillano illuminati dalla luce del sole (dalle foto si può intuire qualcosa).

Sono in anticipo rispetto l'orario di apertura e ne approfitto per scattare qualche foto all'esterno. L'edificio, dall'aspetto antico (credo vi dovrete accontentare di questa descrizione, non sono molto bravo nell'attribuire stili architettonici :hap), si distingue immediatamente dai moderni grattacieli che lo circondano. Anche l'interno non è da meno, le scalinate portano verso le sale principali popolate di tavoli in legno massiccio e scaffali stracolmi di libri disposti lungo le pareti perimetrali. Ci sono due sale di lettura in una è possibile fotografare, nell'altra no, tutto è indicato da cartelli che si incontrano prima di entrare.

Dopo un breve giro decido di spostarmi verso nord, questa volta a piedi, lungo la 6th Avenue (chiamata anche Avenue of Americas); attraverso il Diamond District dove più di una persona cerca di convincermi a comprare oro o diamanti, mi dicono anche che se non ho contanti con me posso lasciare la mia macchina fotografica (o almeno mi sembra di capire questo), non mi sembra decisamente il caso; proseguo quindi fino ad arrivare ai piedi del Rockfeller Center, la visuale dal basso (nonostante non sia il più alto grattacielo di Manhattan) è abbastanza impressionante, ci ritornerò per una visita dall'alto!

Mi fermo una decina di minuti nel vicino negozio Lego, qui in Italia non ne avevo mai visti. All'interno si possono scegliere tra le più svariate scatole di costruzioni, quello che mi colpisce di più però è il lungo drago (costruito rigorosamente con migliaia di mattoncini) che si snoda tra i soffitti e le pareti che collegano le varie stanze del negozio, non so come abbiano fatto a costruirlo, ma complimenti! :hap

Ogni tanto ho bisogno di qualche breve sosta, dalla cartina non sembra, ma le distanze sono enormi, soprattutto se ci si muove a piedi. Arrivato all'estremità sud di Central Park ne approfitto per farmi un giro nell'Apple Store sulla 5th Avenue, bello non c'è che dire, purtroppo però le impalcature (che dovrebbero andarsene per fine novembre) limitavano un po' la vista.

Ho fame. Molta fame.

Do una rapida occhiata alla guida (una Lonely Planet regalatami qualche mese fa dai miei amici; devo dire che è stata molto utile anche perchè mi ha permesso di scoprire posti non proprio turistici che difficilmente si sarebbero visitati) e mi lascio convincere per una bakery (credo sia così che si chiami) nei pressi di Columbus Circle. Dopo una bella camminata arrivo di fronte l'enorme rotonda da cui penso prenda derivi il "Circle". Entro all'interno del Time Warner Center, cerco la bakery, la trovo, do una rapida occhiata ai prezzi ed in meno di 5 secondi sono di nuovo in strada alla ricerca di un posto dove poter mettere qualcosa sotto i denti! Per carità buona sarà stata buona, ma i prezzi mi sembravano davvero alti! Presto imparerò però che una media di 10/15$ a pasto sono indispensabili se ci si siede (non che mi lamenti, ma probabilmente non avevo fatto bene i conti).

Proprio sulla rotonda di Columbus Circle stanno girando uno spot (immagino) dove la protagonista sembra essere la "nostra" nuova 500, che in mezzo a taxi gialli, Crown Victoria (che sbucano da ogni parte) e pick-up si fa notare e non poco!

Dunque, il cibo. Per ora l'esigenza primaria è trovare qualcosa di veloce da mangiare, inizio a camminare verso la costa ovest di Manhattan raggiungendo la zone di Hell's Kitchen, scendo la 10th Avenue e mi infilo in un Deli dove mi accaparro una sorta di panino con dentro due uova, pancetta e formaggio! Buono! Certo saranno state giusto quelle 3000 calorie ma dopotutto di chilometri da stamattina ne avevo fatti.

Nel tratto di strada che mi porta al molo dove è ancorata l'Interpid (che sarà la mia prossima tappa) mi imbatto in uno strano meccanismo di parcheggio per le auto, in pratica sono come impilate le une sulle altre e piazzate all'interno di una specie di box in metallo. Una bella idea, senza dubbio! Anche se mi immagino quanto si debba faticare ogni volta se l'auto da tirare giù è sopra ad altre 4 o 5 macchine... A proposito di parcheggio, non vorrei sbagliarmi ma la prima mezz'ora di sosta a downtown (Manhattan) costa la bellezza di 12$ (così giusto per dare un'idea)! :shock

La zona intorno al molo dov'è ancorata la portaerei Intrepid, mi sembra un po' dismessa, è quasi deserta a confronto della folla che popola le strade che ho dovuto attraversare qualche istante prima. Poco male, faccio una fila praticamente inesistente e inizio la visita.

La portaerei è grande, si può visitare l'interno, dove si può scegliere se fare una visita guidata, vedere dei filmati, fare piccoli esperimenti, ecc... e il ponte principale, dove sono esposti diversi modelli di caccia, elicotteri, aerei delle pattuglie acrobatiche tra cui quella americana (i Blue Angels) e le Frecce Tricolori. E' anche possibile visitare la torre di comando (il termine l'ho appena coniato, non ho idea di come si chiami) dove sono collocate le stanze del comandante.

Poco distante, all'interno del molo, c'è anche un Concorde (che attualmente non è possibile visitare) e un sottomarino. Una visita all'interno del sottomarino (compreso nel biglietto d'entrata che viene intorno ai 24$, senza considerare lo sconto) è sicuramente divertente, soprattutto perchè si riesce a capire quanto possa essere dura vivere settimane la sotto! Lo spazio a disposizione è pochissimo, per passare attraverso le porte bisogna spesso accucciarsi, camminare nei corridoi non è cosa semplice e anche i letti a castello sono veramente appiccicati, tra l'uno e l'altro ci saranno meno di 50 cm!

La visita mi porta via due ore buone, ma devo dire che ne è valsa la pena, considerando anche il fatto che dal ponte della portaerei è possibile avere delle vedute niente male su Manhattan.
[-]Poichè non riuscivo a trovare una fermata della metropolitana[/-]Poichè avevo voglia di camminare ancora un po', inizio a scendere ancora verso sud, sempre lungo la 10th Avenue, fino ad arrivare al quartiere di Chelsea, l'atmosfera cambia rapidamente; passo da una zona quasi deserta ad una baraonda di persone, locali ed auto. Avrei voluto visitare meglio questa parte di Manhattan, ma pensando ci sarei ritornato sono andato dritto verso la fermata della metropolitana, un peccato!

Sono ora nel pieno del Financial District. Decido quindi di visitare meglio Ground Zero, fortunatamente il tempo regge ancora piuttosto bene, inizio quindi a passeggiare attorno all'enorme cantiere dove decine di gru lavorano senza sosta. La Freedom Tower inizia già a prendere forma, gli 84 dei suoi 108 piani sono decisamente visibili, anche se i pannelli di vetro che la ricoprono sono fermi intorno al 60°. Di notte la torre in costruzione si illumina di blu, rosso e bianco per ricordare il 10° anniversario dell'11 settembre, uno spettacolo, credo non ci siano altre parole per descriverlo!

Sarebbe anche possibile andare a visitare il Memorial dell'11 settembre appena inaugurato, solamente che per poter entrare bisogna richiedere una sorta di permesso, il mio tempo non è molto, decido quindi di passare.



La mattina dopo essere arrivato a New York, appena uscito dall'ostello, un signore mi ferma e, vedendomi con la cartina in mano, mi chiede che cosa ci facessi a New York. Scambiate due parole mi dice: "Sai quali sono le due cose che devi assolutamente fare se sei a New York per la prima volta? Attraversare a piedi il Brooklyn Bridge e visitare Staten Island".


Bene, è il momento di seguire il suo primo consiglio. Purtroppo non riuscirò a visitare Staten Island (raggiungibile dalla punta sud di Manhattan con un traghetto gratuito in un ora e qualcosa, credo), sarà per la prossima volta!

Il ponte di Brooklyn è maestoso, credo sia la parola giusta per descriverlo, e fin quando non si raggiungono le due torri che lo ancorano al fondale è difficile da capire. La passeggiata è lunga ma piacevole, soprattutto per le vedute su Manhattan ed il Manhattan Bridge che si scorgono man mano che si prosegue verso Brooklyn. Occhio alla corsia per le bici, cercate di non invaderla per fare foto, altrimenti i ciclisti (giustamente) si arrabbieranno e non poco!

Arrivato a Brooklyn decido di fare una "rapida" (almeno nelle intenzioni) passeggiata nella zona subito sotto il ponte, chiamato Dumbo. Il posto è bello, particolare direi, gli edifici (che sembrano quasi fabbriche abbandonate) sono tutti in mattoni rossi con scale in metallo che si arrampicano sulle loro facciate. Spostandosi verso il fiume si incontra un parco con una giostra (una di quelle che uno si immagina quando pensa ad una giostra), camminando arrivo fino al Brooklyn Bridge Park, un altro parco, tenuto tra l'altro molto bene, che si snoda verso la parte sud di Brooklyn.

Anche se non era proprio nei programmi, va a finire che camminando arrivo fino alla sua estremità sud. Mi guardo intorno e l'unica cosa che vedo è la trafficatissima Brooklyn-Queens Expressway che collega i due quartieri e nessun modo per attraversala. Dopo una manciata di minuti un attraversamento pedonale mi riporta sulla Brooklyn Heights Promenade, una passeggiata di qualche centinaio di metri sopraelevata lungo la quale, da un parte si sondano dei costosissimi appartamenti, dall'altra la vista si apre completamente sull'intero skyline di Manhattan.

Ormai il sole sta tramontando ed è qui che vedo una dei panorami che più mi sono rimasti impressi dell'intera vacanza, qualcosa di davvero spettacolare! I grattacieli cominciano ad accendersi ed il bagliore rossastro del cielo lascia piano il posto alla notte. La distesa di luci si estende ora a perdita d'occhio ed io rimango un'ora abbondante a fare foto.

E' ormai ora di cena, devo trovare una fermata della metropolitana per raggiungere Williamsburg, una zona parecchio frequentata di sera e caratterizzata da un'impronta piuttosto "indie-rock", dove tra un paio d'ore dovrò incontrarmi con gli altri per trascorrere la serata.
A Manhattan non avevo mai avuto problemi a trovare una fermata da cui poter prendere la metro, qui a Brooklyn invece le cose mi sembrano parecchio più difficili, vago per una ventina di minuti di buoni, ma di fermate neanche l'ombra, incontro così un ragazzo che ha il mio stesso problema, cerchiamo insieme ma ancora niente, alla fine le indicazioni di una signora ci mettono sulla strada giusta, riuscendo così ad arrivare a destinazione.

Camminando lungo Metropolitan Ave mi fermo incuriosito di fronte a quella che sembra (ed in effetti è) una officina per moto, la cosa curiosa è che all'interno di questo garage (in perfetta attività) c'è anche un pub a tutti gli effetti! Il locale è chiamato The Shop (http://www.theshopbrooklyn.com/) ed è veramente caratteristico, mi siedo di fronte al bancone e praticamente circondato da moto semi-smontate, pezzi di motore e attrezzi ordino una Brooklyn Lager ed una abbondante porzione di ribs (sono delle costolette e le mie erano piccanti, molto piccanti, ma buone), me la cavo con 12$.

Il tipo dietro il bancone è simpatico e (come quasi tutti) molto amichevole, mi chiede un documento di riconoscimento (come accadrà praticamente tutte le volte che prenderò una birra) e mi serve le costolette (da mangiare rigorosamente con le mani) e la birra in un vaso di marmellata... lo so è strano, ma sembra che sia così che funzioni!

Una volta finito di mangiare mi incontro con le mie amiche e ci incamminiamo verso la parte centrale di Williamsburg per un giro in qualcuno tra i tantissimi locali che si possono trovare. La serata trascorre velocemente, mi rendo conto (e poi lo testerò anche di persona, che New York non è la faccia dell'America, anzi) ma ora è tutto bello, tutto divertente, ogni cosa è diversa e ogni cosa mi incuriosisce lasciandomi stupito. E' questo il bello di viaggiare, di vedere posti nuovi!

E' ormai notte inoltrata quando riprendo la metropolitana che in una quarantina di minuti mi riporta in ostello. Stanotte le ore per dormire saranno poche e io sono ancora più distrutto del giorno prima, ma contento! :hap

Per chi se lo chiedesse, la metropolitana anche alle 2/3/4 di mattina è davvero tranquilla, basta un po' di buon senso e molto difficilmente si avranno dei problemi.

Link Album USA 2011 (https://picasaweb.google.com/107719138408634568145/AlbumUSA2011)

:bai

Kirk
31-10-11, 20: 12
Azz vedo adesso..è già passato un anno, ricordo come fosse ieri che stavi ancora pianificando :shock
Bene leggerò con calma il tuo report.

Il volo da Lisbona a New York (Newark) è bello lungo, quasi 8 ore!Seeee... roba da ridere..mai fatto 14 ore ininterotte dopo altre 4 per uno scalo poco prima? :bgg2 In lunghi voli la cosa migliore sarebbe dormire, o non passa più..


controllate anche se le vostre spine hanno 2 o 3 poliSi nei pc c'è anche la spina centrale della massa, a differenza di cellulari camere ecc. ecc., per quello chiedevo mesi fa sulla questione (http://www.collectiontricks.it/forum/hardware-reti/Ct3061-adattatori-europa-america.html), a volte per una baggianata si perde poi tempo a risolvere sul posto, preferisco munirmi prima.

ARAGORN II
31-10-11, 22: 13
Già, il tempo è passato in fretta! :hap Mi dispiace non riuscire a postare più frequentemente ma scrivere il resoconto di una vacanza prende un sacco di tempo! Ad ogni modo cercherò di fare il possibile, spero sia non troppo noioso da leggere!



Seeee... roba da ridere..mai fatto 14 ore ininterotte dopo altre 4 per uno scalo poco prima? :bgg2 In lunghi voli la cosa migliore sarebbe dormire, o non passa più..

No mai provato, ma posso (magari vagamente) immaginare, il problema è che in realtà ho cercato di dormire, al ritorno soprattutto ma era quasi impossibile, o almeno io non ce l'ho fatta neanche per un minuto mi sa!


Si nei pc c'è anche la spina centrale della massa, a differenza di cellulari camere ecc. ecc., per quello chiedevo mesi fa sulla questione (http://www.collectiontricks.it/forum/hardware-reti/Ct3061-adattatori-europa-america.html), a volte per una baggianata si perde poi tempo a risolvere sul posto, preferisco munirmi prima.

Hai perfettamente ragione, è stata proprio la massa a darmi qualche problema, fortunatamente il negozio era fornito anche se, certo, averci pensato prima sarebbe stato meglio, nessun dubbio.

:bai