PDA

Visualizza versione completa : Zamunda rimane on line, come Pirate Bay



janet
09-08-10, 15: 42
Ormai il team di Pirate Bay ha escogitato un trucco per rimanere on line e tutti lo seguono. Infatti come sappiamo, dopo il famoso processo, the Pirate Bay Ŕ di proprietÓ di una societÓ con sede alle Seychelles, poi Ŕ stato il caso di Newzbin che ha chiuso per non pagare il risarcimento ai produttori di contenuti ed Ŕ subito uscito un novello Newzbin 2, ora Ŕ il momento di Zamunda in Bulgaria, dove gli amministratori dovranno subire un processo e le autoritÓ vogliono una condanna esemplare ma non si riesce a bloccare il sito, ora di proprietÓ di un siriano e con server negli Stati Uniti.

Come abbiamo, pi¨ volte scritto (http://ilblogdijanet.blogspot.com/2010/08/chiusi-quattro-siti-di-file-sharing-in.html), in Bulgaria si sta attuando una linea dura per debellare la pirateria , solo poco tempo fa il ministero degli interni ha fatto chiudere vari siti durante quello che Ŕ stato definito il pi¨ grande intervento del paese contro il file-sharing. Rimangono per˛, attivi i due grandi siti Arena. BG e Zamunda.net.

A settembre, comunque,*il proprietario Martin Pavlov e l' ex-admin Dimitar Tzankov di Zamunda dovranno comparire dinanzi al tribunale distrettuale di Sofia accusati di crimini contro il diritto d'autore e la proprietÓ intellettuale. L'inchiesta contro Zamunda risale al 2006, dopo una denuncia presentata da una societÓ di multimedia e streaming, l'Anotera BG che ha dichiarato che Zamunda aveva caricato dei film senza il consenso dell'azienda.

Solo che, come abbiamo detto all'inizio, Zamunda non Ŕ pi¨ di proprietÓ dei due accusati e quindi il procuratore bulgaro avrebbe dichiarato che si trova nell'impossibilitÓ di fermare il sito in quanto i proprietari sono cambiati e sono cittadini esteri

Piuttosto scontenti della cosa, le autoritÓ, volendo dimostrare che fanno sul serio, sperano in una condanna esemplare degli imputati come Ŕ avvenuto in Svezia nei confronti del team di Pirate Bay.

danystreet
09-08-10, 15: 51
ste notizzie mi danno l'orticaria, sta diventando insopportabile sta legislatura che opprime il popolo p2p, ma chi le scrive ste dannate legislature si sente dio in terra???:bgg2

Manlio
09-08-10, 20: 29
ste notizzie mi danno l'orticaria, sta diventando insopportabile sta legislatura che opprime il popolo p2p, ma chi le scrive ste dannate legislature si sente dio in terra???:bgg2

Be io in parte sono d'accordo e in parte contro... Non sanno trovare una via di mezzo questi...

MarcoStraf
10-08-10, 00: 57
ste notizzie mi danno l'orticaria, sta diventando insopportabile sta legislatura che opprime il popolo p2p, ma chi le scrive ste dannate legislature si sente dio in terra???:bgg2
Ma vedi, il problema non e' tanto il p2p, quanto il copyright.
Vedi per esempio youtube, che puo' essere considerato il piu' grande e famoso sito di video filesharing. Google riesce a tenerlo attivo perche' non solo vieta video illegali, ma fa anche di tutto per fare applicare la regola, rimuovendo i video appena vengono segnalati illegali. I siti che vengono presi di mira quindi sono quelli che non solo non rimuovono materiale illegale (oosia coperto da copyright), ma che addirittura "incentivano" la loro pubblicazione.

Quindi alla fine la questione finale e' sempre la solita: quando legale e' la questione del copyright, ma questo e' completamente un altro discorso, molto piu' complesso di quanto due politicanti da strapazzo vogliano fare credere.