PDA

Visualizza versione completa : Software Ballmer a WPC: Windows,"cloud computing" tra le nuvole...



MarcoStraf
12-07-10, 21: 04
Steve Ballmer, direttore di MicroSoft, continua a non convincere.

Durante la sua esposizione oggi alla annuale conferenza Microsoft WPC (Worldwide Partner Conference), ha reiterato che Microsoft si sta muovendo per spingere il proprio software verso il "cloud computing". Per chi non lo sapesse, e' una tecnologia in cui dati e programmi, invece che essere memorizzati nel proprio desktop, sono presenti da "qualche parte" (ossia un server) in internet. Di questa tecnologia se ne parla da anni, Google ne e' all'avanguardia (tutte le sue applicazioni risiedono nei loro server), ma "cloud" in inglese significa "nuvola" e molti si stanno chiedendo se in effetti non sia la testa di Ballmer che si trovi nelle nuvole.

Il motivo di tanto interesse nel "cloud computing" e' semplice: Microsoft detiene fortemente in mano il mercato dei desktop (con Windows e Office) ma sempre di piu' la gente, specie le grandi organizzazioni, si sta allontanando da quel modello, aiutate dalla sempre piu' efficiente rete internet, verso un modello piu' centralizzato che non richiede piu' ai propri dipendenti di usare un desktop (che e' costoso sia da comprare che mantenere) ma un qualsiasi dispositivo "mobile" (che sia uno smartphone o un table). Per anni Microsoft ha lavorato nei dispositivi mobili, collezionando un disastro dopo l'altro. Windows Mobile (il sistema operativo per cellulari) e' un fiasco che nessuno adotta piu', come nessuno compra piu' lo Zune, la produzione dei cellulari Kin e' stata sospesa, e HP ha fermato lo sviluppo del tablet Slate che doveva usare Windows 7 (e ha comprato la azienda Palm per potere usare il loro sistema operativo)

Ma degli insuccessi Ballmer non ne ha parlato, limitandosi a dire che Microsoft "ha perso un turno", e promettendo, per l'ennesima volta, nuove tablet con Windows 7 in un "prossimo" futuro (questa volta senza scendere nei dettagli) Ma se le nuove tablet non usciranno prima della fine dell'anno, Microsoft perdera' molto piu' di un turno, in quanto Apple sta vendeno un milione di iPad per mese, e molte aziende la stanno gia' adottando (anche se per adesso le sue risorse a livello "produttivo" sono limitate)

E cosi' Ballmer "promette" che il nuovo sistema operativo Windows Phone 7 "uscira' presto", e a questo punto non e' chiaro quale sistema sara' adottato per i dispositivi mobili, e se Microsoft non fa presto, i produttori di tablet hanno gia' una scelta (gratuita): Android di Google (e qui Microsoft e' fortunata, in quanto anche Google e' lenta in questo settore, a tutto vantaggio di Apple) Non solo: "cloud computing" richiede un browser capace di aprire qualunque applicazione, e in fatto di standard sappiamo che IE non ne e' un campione (Microsoft spinge molto sui "suoi" standard)

Insomma, sembra che Ballmer si stia bastonando (lui e Microsoft) da solo. Invece che concentrare in quello che Microsoft e' forte e funziona (il mercato dei desktop con Windows e Office) vuole spingere in una direzione in cui ha sempre fallito (il mobile), promettendo anche una versione di Office che funzionera' nel "cloud computing" e inondando risorse (e capitali) nello sviluppo di Phone 7 in un mercato in cui la concorrenza e' agguerritissima (e molto meglio di Windows)

Il cielo di Microsoft si sta riempendo di nuvole...

Alcune fonti:

http://www.bloomberg.com/news/2010-07-12/microsoft-s-ballmer-promises-impressive-windows-based-tablets.html
http://voices.washingtonpost.com/fasterforward/2010/07/at_wpc_keynote_microsofts_stev.html
http://www.betanews.com/article/Ballmer-Microsoft-will-push-forward-with-new-tablets-phones/1278957597

janet
13-07-10, 15: 40
Bellissimo articolo Marco, grazie delle fonti realmente interessanti ma dico io possibile che alla Microsoft hanno le idee cosė confuse per il futuro? anche su questa storia dell'windows phone 7 č in ritardo con l'Apple che ha il suo IOS valido per tantissimi dispositivi e con un apple store con oltre cinque miliardi di download, mah