PDA

Visualizza versione completa : Installazione Linux con Windows



Dark Angy
02-07-10, 17: 04
Un salutone a tutti voi ;)

E' un problema che mi si e' presentato ieri, quando ho deciso di riprendere in mano un vecchio hd da 200 gb inutilizzato ed utilizzarlo per installarvi sistemi operativi di prova :ghgh

Con windows nessun problema per le partizioni, le creo e via, coesistono 4 partizioni primarie perfettamente, se pero' installo microsoft e linux, ho dei problemi...in pratica ho dei problemi quando partiziono il disco in 4 parti attraverso windows, ma quando poi devo installare gentoo o suse o mandrivia...non ci riesco :shock

Mi chiede quanto spazio allocare per il root, la home, la swap e ogni volta che seleziono una dimensione, mi dice che non c'e' abbastanza spazio per crearla...l'unico piu' intuitivo e' ubuntu, che fa tutto in automatico...anche perche' ho fatto un solo tentativo ad installare gentoo su una partizione creata da windows...in due parle, mi ha formattato tutto l'hd :lol:

Come fare ? C'e' un qualche metodo ? Magari creare le partizioni da linux e poi installare Windows ? grazie mille

Andy86
02-07-10, 18: 18
Non so se ho capito bene il tuo problema, ma hai provato a lasciare dello spazio non allocato quando crei le partizioni da windows?
Cioè il totale spazio delle partizioni create con windows dev'essere minore del totale spazio del disco, così linux può creare la sua partizione sullo spazio vuoto.

:bai

Dark Angy
02-07-10, 18: 52
no, in effetti le altre partizioni sono in ntfs, quindi dovrei lasciarlo cosi' com'e', senza toccarlo ?

ginalfa
02-07-10, 19: 13
Non devi confondere partizione e punto di mount.
Primo principio: su un'unità fisica non possono esserci più di 4 partizioni primarie, quindi se conti di averne più di 4 devi necessariamente creare una partizione estesa, allinterno della quale creare più dischi logici.

Secondo principio: Linux ha bisogno di due partizioni: uan con il filesystem e l'altra di swap.
All'interno del filesystem ci definisci i punti di mount (ad es. per la home), che possono anche coincidere con uan partizione separata, ma anche no.

Cerco di spiegarmi meglio facendo riferimento ad ubuntu che è un po' più "potabile".

Di default ubuntu crea due partizioni uan in ext3 o ext4 ed una di swap,
Quindi avrai:
sdb1 :ext3 dove avrai il filesystem, quindi il punto di mount sarà "/"
sdb2: swap che non necessita punti di mount.

però tu puoi decidere di avere una partizione separata per la home del tuo utente ed in tal caso avrai
sdb1: ext3 con punto di mount "/" (radice del filesystem)
sdb2: ext3 con punto di mount "/home/tuonomeutente
sdb3: swap

puoi anche riservare una partizione a tutte le home dei vari utenti e quindi configurerai
sdb1: ext3 /
sdb2: ext3 /home
sdb3: swap

Addirittura con l'opzione bind puoi montare una cartella appartenente ad una partizione in una cartella della tua home
Ad esempio: se vuoi che la cartella Documenti dell home di ubuntu sia la stessa di windows monterai in Documenti la cartella documenti di windows: che sta su una'ltra partizione (sda1) nell'esempio

sdb1 ext3 /
sdb2 /home/tuoutente
sdb3 swap
sda1/Documents and settings/tuoutenteinwindows/Documenti > montata su /home/Documenti

in tal modo cliccando su Documenti nella home aprirai direttamente la tua cartella documenti di windows

Come vedi in linux non esitono i dischi come li conosci in windows C:, D:, ecc, ma questi sono costituiti da una directory nel filesystem, se in quel punto viene montata una partizione.
Una partizione si può teoricamente montare in qualsiasi punto (directory) del filesystem, anche se è meglio lasciar stare le cartelle nevralgiche.
Di fefault in ubuntu le partizioni vendono montate in /media

Per prendere dimestichezza con questi concetti ti conviene usare gparted (o parted) ovvero la configurazione manuale delle partizioni dell'installer di ubuntu.

Andy86
02-07-10, 19: 23
EDIT: Anticipato da una risposta migliore, non l'avevo proprio vista... :ehmm. Comunque, poiché, avendolo probabilmente frainteso, ho dato risposta ad un altro problema, lascio invariato.
-- -- -- --
Cioè, sul disco in cui devi installare linux ci sono partizioni windows che non vuoi cancellare?
In questo caso devi ridimensionare (ed eventualmente spostare) le partizioni in questione con gparted (secondo me il migliore per queste cose) in modo da lasciare dello spazio vuoto in cui mettere il secondo SO.

Ntfs è un file proprietario microsoft (anche piuttosto blando), quindi non puoi mettere linux in una partizione Ntfs, così come non puoi mettere windows in una partizione Ext.

Se, per esempio, hai: Part1 60gb, Part2 25gb, part3 75gb, spazio non allocato 40gb; I 40 gb non sono assegnati a nulla, perciò il sistema che installi per secondo, in questo caso linux, può crearci una partizione con FS adatto e mettersi lì.

:bai

ginalfa
02-07-10, 19: 30
no, in effetti le altre partizioni sono in ntfs, quindi dovrei lasciarlo cosi' com'e', senza toccarlo ?

le partizioni ntfs possono essere ridimensionate con gparted o con lo strumento dell'installer per creare spazio per ext3 e swap

pierino_89
03-07-10, 02: 47
Spiegare meglio di ginalfa non si può :sisi
Per dare qualche dettaglio in più, in linea di massima lo spazio di swap non è necessario, anche se è buona educazione farlo (corrisponde al file di paging di windows). Inoltre, se non viene creato, non è possibile utilizzare le funzionalità di ibernazione (sospensione su disco).
Motivo per cui la partizione di swap deve essere grande almeno quanto la ram disponibile.
La partizione di swap può essere condivisa fra più sistemi linux (a patto che tu non la stia usando per l'ibernazione, in quel caso non voglio sapere cosa succede).

Per quanto riguarda mount --bind, è molto utile ma a onor di cronaca in questo caso non mi sembra pratico perché bisogna comunque prima montare il disco di windows, e successivamente fare il bind della directory. Preferirei fare un link simbolico nella home, così si fa mount una volta sola.

PARENTESI SUI LINK SIMBOLICI:
i link simbolici corrispondono molto vagamente ai link di windows, qualche differenza parecchio rilevante:
1- non è un file lnk, ma possiamo vederlo come una "copia del file/cartella" nel punto in cui lo crei.
2- se tu hai windows su C: e sposti la cartella Programmi su windows nel disco D:, e poi fai un collegamento a Programmi nel punto precedente, spacchi tutto (perché non è una cartella, è un file .lnk). Se su linux sposti la cartella /home/nomeutente su un altro disco e ci fai un collegamento simbolico, funziona benissimo (perché un link a cartella è interpretato come una cartella).
Un link simbolico occupa spazio su disco trascurabile (come un link di windows).
Per maggiori info sui link, vedi wikipedia. È molto interessante, anche la parte sugli hardlink.


anche perche' ho fatto un solo tentativo ad installare gentoo su una partizione creata da windows...in due parle, mi ha formattato tutto l'hd :lol:

Fidati, gentoo è meglio se la lasci da parte per un bel po' di tempo :eye
Tra l'altro, come ha fatto a formattarti il disco che bisogna partizionare e creare i FS tutto a manina?

EDIT
[istinto di ex rds]aggiungi la tag![/istinto di ex rds]

Dark Angy
03-07-10, 07: 57
sinceramente sai che non lo so come ha fatto ? evidentemente gli ho detto, senza volerlo, di utilizzare tutta la partizione...ed ha utilizzato tutto il disco...boh :lol:

K.a.o.s.
03-07-10, 11: 58
Tra l'altro, come ha fatto a formattarti il disco che bisogna partizionare e creare i FS tutto a manina?
Avrà utilizzato il disco live, quello con l'installer grafico :hap. Mi sembra difficile che senza intenzione uno faccia un mkfs o un fdisk :tong2

evidentemente gli ho detto, senza volerlo, di utilizzare tutta la partizione...ed ha utilizzato tutto il disco...boh
:shock occhio a non confondere /dev/sda con /dev/sdaN :eye

Clairvoyant
03-07-10, 18: 16
Se le installazioni sono per sistemi di prova, senza ricorrere a partizionamenti ed altre manovre che nel caso non andassero a buon fine potrebbero creare problemi si potrebbe anche usare VirtualBox (http://www.virtualbox.org/).

Con VirtualBox resti con la tua partizione con il SO principale ed i sistemi guests si installano in tutte le macchine virtuali che si vuole, aggiungendone e togliendone secondo necessità con un click.

Io l'ho usato diverse volte per provare distro linux ed anche per mantenere più sistemi Win sullo stesso pc, e non mi ha mai dato problemi.
:bai

pierino_89
04-07-10, 00: 43
Nota bene che però la compatibilità sul sistema guest è totale, cosa che potrebbe non essere vera con l'installazione sull'host (il pc vero).

Brujo
11-09-10, 15: 15
L'ho fatto altre volte ma non mi ricordo più.
Ho windows installato e vorrei installarci anche linux mint 9. L'HD è da 320 GB, durante l'installazione mi dava come partizione 168 GB windows ed il resto linux. La voglio modificare facendo 200 GB windows ed il resto linux. Ora mi compare una finestra con scritto:
Creare una partizione
Tipo della nuova partizione: Primaria o logica
Nuova dimensione della partizione (questa è l'unica cosa che ho capito)
Posizione della nuova partizione: inizio o fine
Usare come: ( di default c'è) file system ext4 con journaling
Punto di mount: ?
cosa devo mettere??
Grazie

pierino_89
11-09-10, 15: 21
Primaria, al fondo del disco, punto di mount /. Va bene ext4.
Occhio che devi ridimensionare la partizione di windows prima, non scrivere una nuova tabella delle partizioni (altrimenti perdi tutti i dati).