PDA

Visualizza versione completa : Isohunt costretto a chiudere negli Stati Uniti



janet
22-05-10, 16: 37
Come sappiamo anche Isohunt è stato coinvolto in numerosi contenziosi ed aveva da poco lanciato una versione lite, rivolta agli utenti statunitensi che funzionava solo come motore di ricerca, al pari di Google, nonostante ciò, secondo la corte questo non era sufficiente e quindi il sito non sarà più disponibile per gli utenti statunitensi.
Il sito sarà però disponibile agli utenti di altre parti del mondo, Fung inoltre deve rispettare (http://torrentfreak.com/isohunt-forced-to-shut-down-in-the-u-s-100522/)l'ingiunzione immediatamente e la stessa vale anche per i siti partner di Isohunt,TorrentBox, Podtropolis e Ed2k-it.
Del resto non è la prima volta che ciò accade ad un sito BitTorrent, infatti anche TorrentSpy nel 2008 fu condannato a bloccare l'accesso agli utenti statunitensi ed anche a pagare 110 milioni di dollari come risarcimento alla MPAA.
Dopo di che, il sito che vide diminuire drasticamente il numero dei suoi visitatori, fu costretto a chiudere.
L'ingiunzione permanente costringe del resto Isohunt a mettere un filtro sulle parole chiave cosa che Gary Fung ha detto più volte che era impossibile da attuare ed avrebbe inoltre pregiudicato anche tutti i Torrent relativi a materiale free.
Del resto non ci dimentichiamo, che anche Mininova, costretta allo stesso filtro ha preferito eliminare oltre un milione di Torrent, perdendo la maggior parte dei suoi visitatori.