PDA

Visualizza versione completa : Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio



Armandillo
16-05-10, 12: 48
:bai

Non passa giorno che notizie di truffe e raggiri ai danni di poveri illusi ci colpiscano e ci facciano meravigliare della credulita' di tanta gente.

Alla domanda:E' possibile questo ancora nel 2010 ?

La risposta sara' affermativa senz'altro....anzi in crescita !!

Proprio così !! :triste

I teleimbonitori sono sempre all'agguato e pronti nel profittare delle debolezze delle persone e quest'ultime per tantissime e varie ragioni tendono ad attaccarsi a qualunque spiraglio venga loro offerto rinunciando così a lottare o a tirarsi fuori con le proprie forze !

Questo e' forse il pericolo maggiore, piu' di quello dell'esborso di folli cifre !

Delusioni amorose, perdite di cari familiari, stress per la perdita del lavoro, solitudine, malattie, ecc... sono i punti deboli cui si aggrappano speranze di soluzioni demandate spesso a personaggi equivoci dalla parola facile, abili manipolatori dei sentimenti altrui.

La disperazione, si sa, puo' portare a compiere passi insospettabili e colpisce in modo trasversale non escludendo ranghi o ceti perche' fa leva sulle incertezze e le debolezze comuni ad ogni essere umano.

Credo che questo fenomeno esista da sempre, perche' da sempre esiste quel mistero cui l'uomo non poteva comprendere e in alternativa ne ha trovato risposta ora negli dei, ora negli astri, ora in furbi santoni e così via fin giungendo ai nostri giorni con questi moderni maghi tecnologicamente pronti a ricevere le loro prede come un ragno con la sua tela.

Non so se esprimere piu' rabbia per quest'ultimi o compassione per le loro vittime !

Probabilmente l'attivita' di questi cialtroni non avra' mai termine perche' sempre esisteranno delusioni ed amarezze, ma credo sia giusto parlarne e mettere in guardia quelle potenziali vittime cercando, nei limite del possibile, di non lasciarli soli !

:bai

danystreet
16-05-10, 14: 18
bè armad un tempo la gente girava a vendere finte encicopedie ora si butta su internet no?
io però dico che dovrebbero stare attenti perche in sto campo vi è molto piu controllo e potrebbero cascarci malamente:bai:bai:bai

janet
16-05-10, 16: 14
Alla domanda:E' possibile questo ancora nel 2010 ?

no è peggio nel 2010, epoca di paradossi assurdi con siti pro-abulimia che traggono vantaggi pubblicitari e ciò è ammesso, e dove magari, ci sono ragazzi di diciassette anni che ignorano il significato della parola "irretire" ma magari sono on line moderatori super esperti ed aggressivi, sicuri di sapere e poi pronti, usciti dal diploma, a fare i baristi, i commessi perchè anche dopo tre mesi di università pur degradata lasciano, oppure gente che si iscrive a scienze naturali e ignora come è fatto un cipresso.
Nell'epoca di tutti uguali, in cui si vuole tenere il popolo ignorante, ridando auge a scuole ed iniziative private, che ci sia gente che crede a teleimbonitori e fantomatici guaritori è ancora poco, fra poco si farà anche la caccia a fantomatici untori o a streghe volanti

danystreet
16-05-10, 18: 48
janet , per come lo dici sembra quasi che per te sia una vergogna andare a fere il barista o il manovale...o sbaglio ?
vorrei vedere dove si andrebbe se tutte le persono venissero su con l'intelletto , di un dottore o di un professore... sicuramente avremmo chi scrive poesie cura malattie...o supermoderatori che si prendono la briga di difendere i poveri stolti che finiscono come dici tu "nella rete"

certo però che senza la povera gente ignorante che si spacca la schiena o passa le giornate a lavare bagni saremmo tutti piu contenti vero ?
non denigrare quella categoria di persone, perche non valgono meno di certi signor laureati
per il solo fatto che siano cresciuti in condizzioni piu avverse.

MarcoStraf
16-05-10, 19: 11
janet , per come lo dici sembra quasi che per te sia una vergogna andare a fere il barista o il manovale...o sbaglio ? ...
scusa se intervengo, ma conoscendo Janet ti posso dire che non e' quello che intendeva.
Cio' che ha voluto dire e' che in giro c'e' molta ignoranza, ed e' presente in tutte le categorie, anche quelle dei diplomati, laureati e super-professori.
Sono molte le cause, ma si andrebbe OT.

Del resto non c'e' d avere nessuna vergogna per il lavoro che si fa, purche' lo si faccia bene e onestamente. Io sono laureato, ma mio padre faceva il manovale e mia madre la donna delle pulizie, e sono tra le persone piu' intelligenti (anche se non educate, e non per volonta' loro) che conosca. E' da loro che ho imparato il rispetto reciproco, indipendentemente dal tipo di istruzione, occupazione, ceto sociale, e tale rispetto lo ho poi esteso alla nazionalita', alla razza, alla religione, alla preferenza sessuale e via dicendo. Quello che conta e' l'onesta' e la coerenza.

Armandillo
16-05-10, 19: 29
Come sottolineato da Marco, anch'io sono certo che Janet non intendesse offendere quei ragazzi
Il suo esempio poneva l'accento sulle contraddizioni dei nostri tempi dove ragazzi molto esperti della rete poi, di fronte alla realta' dei sacrifici per studiare si arrendono preferendo professioni meno ambite rinunciando così troppo facilmente ad un futuro molto migliore !

Dany, ti dico cio' col cuore in mano perche' anch'io, a mio tempo, ho rinunciato al meglio....diplomato in elettrotecnica ora faccio l'operaio di cooperativa
Le mie ragioni ricadono nel passato; ora i tempi tecnologici hanno segnato una profonda demarcazione generazionale e se non si e' al suo passo si puo' perdere il treno del futuro !!

:bai

janet
18-05-10, 01: 10
certo però che senza la povera gente ignorante che si spacca la schiena o passa le giornate a lavare bagni saremmo tutti piu contenti vero ?
non denigrare quella categoria di persone, perche non valgono meno di certi signor laureati
per il solo fatto che siano cresciuti in condizzioni piu avverse.
Guarda che come detto, per me queste persone valgono di più e ti posso assicurare che stimo ad esempio Armadillo, molto più di noti professionisti soprattutto come uomo di Cultura con la maiuscola, non dò nessuna importanza ai titoli.
Facevo un altro discorso legato al fatto che gente veramente in gamba si demoralizza subito,alla prima difficoltà, sceglie la strada più facile mentre tanti veramente limitati come capacità vanno avanti, non posso farci niente se questo mi fa incavolare e mi scuso per l'ot.

Lo Zio T
08-09-11, 16: 01
Non passa giorno che notizie di truffe e raggiri ai danni di poveri illusi ci colpiscano e ci facciano meravigliare della credulita' di tanta gente.

NOn solo online, ma anche per strada. Bastano poche parole e soprattutto una vittima "ideale", ingenua ed il gioco è fatto. :bai

marcella36
14-09-11, 17: 38
Probabilmente l'attivita' di questi cialtroni non avra' mai termine perche' sempre esisteranno delusioni ed amarezze, ma credo sia giusto parlarne e mettere in guardia quelle potenziali vittime cercando, nei limite del possibile, di non lasciarli soli !

forse se non fossero soli non darebbero ascolto a chi cialtronamente li blandisce e sembra dare loro importanza. Non si comunica a sufficienza, non abbiamo tempo per gli altri. Ma non dovremmo amare il nostro prossimo come noi stessi?