PDA

Visualizza versione completa : Il pericolo pubblico numero uno: l'uomo col cappello (in macchina) !!!!!!



Armandillo
12-04-10, 19: 37
Ormai sono molti anni che guido...motorini, moto, macchine, furgoni, camion....e l'esperienza fatta mi ha insegnato una guida tranquilla attento verso gli altri ma, soprattutto, dagli altri !! :sisi

Ovviamente me ne sono capitate tante, spesso strane e nuove situazioni a cui rispondere prontamente e debbo dire che fino ad ora sono riuscito ad uscirne indenne anche se talvolta il pericolo l'ho visto da molto vicino !!

Nel caos del traffico, soprattutto cittadino, i famosi "mille occhi" mi hanno aiutato nonostante una guida prudente pensando a come "gli altri" ti vedono dando loro la possibilita' di prevedere ogni possibile spostamento in mezzo la bolgia di metallo :hap

Prevedere....questo verbo, poco usato nel contesto, si e' rivelato fondamentale in numerose circostanze ma.......ecco, qui mi fermo perche' di fronte a determinate "categorie" non esiste prevedere che tenga !!! :shock

E, come da titolo, quella dei guidatori col cappello ha rappresentato e rappresenta, per mio dire, la piu' pericolosa in assoluto !!!!!!!! :sisi

Non so voi, ma io, fin da ragazzo quando ancora la patente non l'avevo, ne sentivo parlare e poi, praticando, ne ho avuto la certezza !! :ghgh

Questo individuo, spesso anziano (senza colpevolizzare, per carita') si aggira in uno status semicosciente per le vie cittadine e la sua presenza diviene sininimo di ritardi al lavoro e arrabbiature !!

E' quello che con moooolta calma arriva locco locco al semaforo quando dal verde sta passando al giallo....rallenta....tu rallenti....pensi che si fermi.....ma no ! Lui passa quasi col rosso e tu rimani immobile maledicendolo !!!!!!! :furious

Inutile poi additarlo....o insultarlo....lui non e' cosciente della tua presenza perche' vive in un suo mondo :ohoh dove le freccie non si usano nelle svolte e dove superarlo diventa una impresa improba !!!!! :ghgh

Non so se e quanti di voi abbiano avuto a che fare con questa categoria e non escludo vi possa essere qualche emulo che possa contestare il suo primato....ma se e' così dichiaratelo :sisi o perlomeno citate la tipologia dei "pericoli" pubblici che ritenete alla sua stregua !!!!

Sempre se vi va.........:bai

MarcoStraf
12-04-10, 19: 52
Mi spiace, ma non sono in accordo.
Guidare non e' un diritto, e' un privilegio. Il guidare non ci da' il diritto di "possedere" la strada, dobbiamo condividerla anche con quelli che guidano peggio di noi, perche' ricordiamocelo bene: c'e' gente che guida MOLTO meglio di noi, ed e' con loro che noi dovremmo eventualmente fare i conti.

Guidare significa dovere stare attenti, ma sbagli ne commettiamo tutti nella vita, e quando guidiamo, anche se stiamo attenti, errori finiamo per commetterli tutti, perche' guidare, anche se con la pratica diventa istintivo, non e' un compito facile.

Lasciamo quindi da parte gli anziani o no, chi guida con il cappello o no, chi e' donna e chi e' uomo, che guida il Mercedes o il Volvo (ai miei tempi si additava chi guidava la Prinz, per chi se la ricorda, specie di colore verde)

I veri pericoli sono costituiti da chi volontariamente guida veloce, aggressivamente, senza rispettare le regole, non chi guida piano e indeciso davanti a un semaforo, magari lo fa soltanto perche' non sa se deve andare a destra o a sinistra o tirare dritto. E indossare il cappello non rende la gente meno capace a guidare (piuttosto chi continua a ciarlare al cellulare, anche con l'auricolare, e' da quelli cui io sto distante)

Armandillo
12-04-10, 21: 40
Mi spiace, ma non sono in accordo.

Beh, sicuramente l'errore e' stato il mio !!
Marco, il mio voleva essere solo un intervento "scherzoso" :hap

Quando mi capita l'incontro col "signore col cappello" ci rido senza farne un dramma !
Probabilmente non sono riuscito a "trasmettere" bene il senso del post...e me ne dispiace! :sisi

Di categorie veramente pericolose soprattutto in questi ultimissimi anni vi sono ad esempio quelli che usano spedire gli "sms" mentre guidano :shock, oltre quelli che tu citi, e che certo non posso paragonare alla persona meno sicura di un settantenne !

Il signore (o signora) posata, tranquilla e che procede lentamente commettendo piccole infrazioni dovute alla minore pratica giornaliera o alla freschezza perduta non le ritengo "pericolose" per davvero....casomai, scherzandoci, posso dire che mi fanno scaturire quella sana :hap rabbia di automobilista impaziente

Il mio, diciamo, era piu' che altro un sondaggio per capire se esistesse o meno questa "mitica" categoria o se fosse una delle tante leggende metropolitane.

:bai

LadyHawke
12-04-10, 23: 42
Beh, confesso che anch'io quella categoria da neopatentata ce l'ho trovata :boh, e quindi mi viene onestamente da pensare che "resiste" probabilmente perchè è la categoria più anziana, quella sulla quale da anni si ricama per cui resiste imperterrita all'evoluzione dei tempi: magari sarà così per i "nuovi beoti" del nostro millennio di cui parlate fra un tot di anni, perchè la stupidità umana al volante non ha limite, nè età, nè sesso nè condizione sociale :triste

Di certo il ragionamento sullo stare attenti noi per gli altri è anche la mia filosofia di guida: il cercare di prevedere gli altri fa si che possiamo mantenerci in sicurezza con relativa tranquillità, il chè giova a noi e a loro. :sisi

Anche l'altro ragionamento di Marco è giusto, io guido meglio di un'altro ma ci sarà un'altro che guida meglio di me, quindi il guardare indietro potrebbe mantenerci sulla giusta linea di confine fra un logorante braccio di ferro con il cappello di turno e un pacifico e rassegnato frena-vai, frena-vai ad ogni semaforo :hap ... e poi, (così magari anticipo qualche piccante intervento :oo2), ringraziamo il cielo che non ci è dato di vedere la categoria della "donna con la pezzuola" :bgg2

Comunque "l'uomo con il cappello" credo davvero sia solo ormai un fatto di costume: ci sono tante e tali situazioni dove davvero farei saltare non solo qualche misero punto, che tutto sommato i guidatori meno "decisi" sono quelli dai quali poi ti svincoli meglio, perchè nella loro incertezza sono anche prevedibili... la strada è di tutti è vero, ma forse è anche vero che parafrasando la mia strada finisce dove comincia la tua, e questa misurazione difficilmente troverà un punto di incontro fra un cattivo automobilista, quello mediocre, quello bravo e Dio al volante :boh

Certo Arma che hai tirato fuori un'argomento sul quale si potrebbe scrivere ad oltranza trovando sempre appannaggio di nuove fonti e stuzzicanti situazioni :bgg2

:bai

MarcoStraf
13-04-10, 00: 30
Vi racconto una storiella divertende, tanto per dire "ogni posto e' un paese"

Dove abito io c'era lo stereotipo del "Volvo driver", ossia si diceva che il guidatore di una Volvo guida fregandosene degli altri in quanto sa di guidare un carro armato. E quindi appena una Volvo ti tagliava la strada zap: si era subito catalogati come un guidatore della domenica.
Ovvio che non era vero nulla. Prima di tutto, si guardava SOLO i guidatori delle Volvo, mentre giornalmente si ha a che fare con mille altri spericolati. Secondo, chiunque abbia guidato una Volvo (io incluso) sa che non e' vero che la Volvo non si danneggia. Si danneggia eccome, meno di altre auto magari, ma e' anche vero che riparare una Volvo e' almeno cinque volte piu' costoso che un'altra auto (escluso BMW e Mercedes) quindi chi guida una Volvo sta attento. E per concludere, sapete quando questa diceria e' finita? Quando sono usciti gli SUV. Ecco che improvvisamente, in confronto agli autisti degli SUV, le persone che guidano le Volvo sono diventati degli angioletti :)

Armandillo
13-04-10, 15: 58
Comunque "l'uomo con il cappello" credo davvero sia solo ormai un fatto di costume

Penso che, come nel caso della Volvo, vi sia quasi una inevitabile tendenza ad identificare una data categoria con stereotipi che utilizziamo meccanicamente anche in altri ambiti.
Probabilmente ci facilita il compito di individuare di colpo il soggetto per farne bersaglio comodo da interpretare o forse la nostra natura porta a "classificare" quando possibile per meglio selezionare pregi o difetti ed erroneamente creiamo una comoda "categoria" da criticare :boh

Non so quanto calzante, ma per esempio c'e' la tendenza ad attribuire somiglianze tra cani e padroni e viceversa !! :hap
Ovviamente noi notiamo , che so, 100 attinenze ma non vediamo le 10000 diversita'

Il mio era un tentativo, non riuscito :hap, di postare alla Gioele Dix.....ridendo delle nostre manie e tic con un pizzico di ironia e un pizzico di verita' !!

:bai

:bai

mich
14-04-10, 14: 25
E' una discussione simpatica, si dovrebbe sottilineare meglio però che è ironica e non una lamentela..

Comunque credo che il mio incubo sulla strada sia qualsiasi personaggio che prima guidava la 600 o la punto e poi passa al suv...

Pegaso
15-04-10, 07: 11
E quante risate ci facciamo quando si trovano le mamme che per portare il bambino (1 metro per 30 kg) a scuola/asilo e magari fare 500 metri usano il SUV se non il mega fuoristrada e poi non trovando parcheggio lo lasciano candidamente in mezzo alla corsia (tanto ci impiego un attimo, torno subito)? :cry3 :triste

mich
15-04-10, 19: 11
E quante risate ci facciamo quando si trovano le mamme che per portare il bambino (1 metro per 30 kg) a scuola/asilo e magari fare 500 metri usano il SUV se non il mega fuoristrada e poi non trovando parcheggio lo lasciano candidamente in mezzo alla corsia (tanto ci impiego un attimo, torno subito)? :cry3 :triste

Già..
Contando che abito praticamente sopra una scuola media e dietro l'angolo c'è anche la scuola elementare vedo queste ogni giorno senza dover uscire di casa

Pegaso
15-04-10, 19: 51
Wow sei uno dei prescelti, non tutti hanno questa fortuna!!! :ghgh:ghgh:ghgh

Io mi devo accontentare di stare dietro e bestemmiare per conto mio. :triste :cry3

Ricky
16-04-10, 23: 38
E quelli che guidano col naso attaccato al vetro? :-)

Armandillo
17-04-10, 00: 02
E quelli che guidano col naso attaccato al vetro? :-)

Beh, quella e' la categoria degli "insicuri" :hap

Il protendersi in avanti denota la difficolta' a calcolare con precisione le distanze della propria auto con eventuali ostacoli.

Per contrasto vi e' anche l'opposto...cioe' chi, troppo spavaldamente, guida come fosse in un rodeo...disarticolando i movimenti di braccia e gambe manco avesse il "ballo di s.vito" :hap

Poi volendo fare un elenco potremmo metterci:
- le truccatrici :hap...che scambiano lo specchietto retrovisore per la toelette
- i "ravanatori" incalliti...pensano che nessuno li veda ed imperterriti estraggono materie prime come in miniera ! :ghgh
- i "tamarri" del volante...caratteristica dominante stereo a palla con contorno di macchina modificata e immancabili finestrini abbassati pure sotto la tormenta

Ormai nelle auto si fa di tutto, come in casa, e si trasferiscono in essa pregi e vizi dimenticando talvolta di pilotare uno strumento potenzialmente mortale !
Chi e' maleducato come pedone lo sara' anche in macchina...e' inevitabile :sisi

:bai